perìgeion

un atto di poesia

Luke Warm Water, Slam Indian Poet

Luke Warm Water

a cura di Alessandra Bava

John Wayne’s Bullet

Tunkasila (Grandfather)
John Wayne and his like
shot us 

Wounded we are recovering
removing the bullets:
racism, genocide
booze, heroin
Big Macs, cable television
and so on…

Nursing our torn flesh
filling the holes with good medicine
the circle of life
and the seven sacred rights

Gun powder from their dud cartridges
to cauterize our wounds

Building common sense
out of their spent metal casings

Keeping their extracted iron bullets
from our wounds
to construct an impervious tipi (lodge)
around our culture

Grandfather
John Wayne’s followers are still shooting
with their hammer of greed cocked ready
with their chamber of oppression filled full
with their itchy ignorance finger on the trigger
with their barrel of assimilation aiming down on us

Grandfather
we won’t steal John Wayne’s gun away
that would make us
just like him
So we are saving gun powder
from their dud cartridges
to cauterize our wounds
searching for their spent casings
from the urban city back alleys
to the Reservation prairies
keeping their extracted iron bullets
from our wounds
to build the new sacred lodge 

Tunkasila (Grandfather)
we will soon have saved enough
from American society’s nothing

To finally protect our grandchildren
from John Wayne’s bullet 

La pallottola di John Wayne

Tunkasila (Nonno)
John Wayne e i suoi simili
ci hanno sparato

Feriti, ci stiamo riprendendo
rimuovendo le pallottole:
razzismo, genocidio
bumba, eroina
Big Mac, TV via cavo
e così via…

Curando la nostra pelle lacerata
riempiendo i buchi con medicine buone
il circolo della vita
e i sette riti sacri

        Polvere da sparo dalle loro cartucce difettose
a cauterizzare le nostre ferite

A costruire buon senso
dalle incamiciature usate

A togliere le loro pallottole di acciaio
estratte dalle nostre ferite
per costruire tepee impervi
intorno alla nostra cultura

I seguaci
di nonno John Wayne ci stanno ancora puntando contro
il loro martello di avidità pronto a colpire
la loro camera dell’oppressione ricolma
la loro ignoranza a cui prude di premere il grilletto
la canna del fucile dell’assimilazione su di noi

        Nonno
non ruberemo la pistola a John Wayne
che farebbe di noi
i suoi pari
Così conserviamo la polvere da sparo
delle loro cartucce inesplose
per cauterizzare le nostre ferite
ricercando i loro bossoli
dai vicoli urbani della città
alle prateria della Riserva
conservando i proiettili estratti
dalle nostre ferite
per costruire la nuova tenda sacra

Tunkasila (Nonno)
avremo presto messo da parte a sufficienza
del nulla della società americana

per poter infine proteggere i nostri nipoti
dalla pallottola di John Wayne

*

The Jesus of Pine Ridge

The Jesus of the Pine Ridge Indian Reservation
in South Dakota
was raised speaking Lakota
until he was 5 years old
until he was sent to the Catholic boarding school
on the Rez
where the nuns washed
his native language out of him
every time he was caught speaking Lakota
and they washed in English
with white bar soap

When he was a young teenager
he had the same recurring dream
of nuns crucifying him
atop an old wooden telephone pole
with No.2 lead pencils
driven through his palms and feet
wire notebook binder stretched and wrapped
around his head like a crown of thorns
pages of Big Chief notepad paper fastened
around his waist like a loin cloth

After he ran away from boarding school at age 15
he never again had that dream
in that ending of his prophecy vision
he knew he was the Jesus of Pine Ridge
destined to deliver the full-bloods and half-breeds
to the promised land of the sacred
Black Hills in South Dakota
or at least to the fertile prairie
just south of the state line
into Nebraska or at the very least
anywhere north of Interstate 90

The Jesus of Pine Ridge contemplated
this deliverance into his mid-20’s
with a 1,000 communions of frybread
and Gibson White Port wine
he figured he needed a sturdy chariot
to lead his people into the promised land
so he bought a car at the reservation border town
of Gordon, Nebraska
traded for a mighty steed
of faded yellow and rust
a 1964 Chrysler Newport
for 260 bucks and 100 dollars in food stamps
The white guy that sold it to him
was some kind of pastor nut
when the deal was done
the white guy laid his hands on the front hood
and preached

“By the power invested in me
in the name of Jesus Christ
I cast the demons and Lucifer
out and away from this vehicle
why just the other day
I laid my hands on a road kill dog
and brought it back to life”

The Jesus of Pine Ridge knew he was a false God
full of dog do-do
tore out of his parking lot
gravel flying like angels in a holy cloud of dust
ripping the plastic Jesus off the dash board
throwing it in the back seat
laughing and B-lining it to the closest liquor store
every car needs a name
so he called it his
‘Jesus Chrysler’

10 years and 10 used cars later
he survived countless crazy dumb luck adventures
like the time he could fly
yes, the Jesus of Pine Ridge could fly
well, more like fall
off a 300 ft. cliff
in the Black Hills
a gust of wind and lost footing
found him at the bottom of the canyon
he awoke in a hospital bed
with broken ribs, shattered pelvis, shattered leg
and of course the various cuts and bruises

So the Jesus of Pine Ridge can never die
car accidents
fights
jail time
bad booze and drugs
even falling off a 300 ft. cliff
could never kill the Jesus of Pine Ridge

Maybe he died along time ago
and this life is his resurrection
the chosen one
to deliver all us full-bloods to half-breeds
into salvation
the Jesus of Pine Ridge

This has been the gospel
according to Luke Warm Water

 

Il Gesù di Pine Ridge

Il Gesù della riserva indiana di Pine Ridge
nel Sud Dakota
è cresciuto parlando Lakota
fin dall’età di cinque anni
fin quando non è stato mandato al collegio cattolico
sul Rez
dove le suore hanno lavato
via la sua lingua madre
ogni volta  che lo scoprivano a parlare Lakota
e lo hanno lavato in inglese
con un panetto intero di sapone bianco

Quando era adolescente
aveva lo stesso sogno ricorrente
di suore che lo crocifiggevano
sopra un vecchio palo del telefono in legno
con due matite n. 2
infilate nelle palme e nei piedi
un quaderno ad anelli di cavi distesi e avvolti
intorno alla testa come una corona di spine
pagine di bloc-notes del Grande Capo avvolte
intorno alla vita come un perizoma

Dopo che fuggì dal collegio a 15 anni
non ebbe mai più quel sogno
terminata la visione profetica
seppe di essere Gesù di Pine Ridge
il cui compito era condurre i puri e i mezzosangue
nella terra promessa, le sacre
Colline Nere del Sud Dakota
o almeno nella fertile prateria
proprio a sud del confine di stato
nel Nebraska o almeno
in qualsiasi luogo a nord della strada interstatale 90

Il Gesù di Pine Ridge progettò
questa liberazione a metà dei suoi 20 anni
con mille comunioni di pane fritto
e porto bianco Gibson
immaginò che avrebbe avuto bisogno di un carro solido
per condurre la sua gente alla terra promessa
così acquisto una macchina nella cittadina
di Gordon, Nebraska
al confine con la riserva

barattata per un possente destriero
giallo sbiadito e arrugginito
una Chrysler Newport del 1964
per 260 dollari e 100 dollari in buoni alimentari
L’uomo bianco che gliela vendette
Era una sorta di pastore pazzo
che a trattativa andata a buon fine
posò le sue mani bianche sul cofano
e disse

“Per il potere conferitomi
Nel nome di Gesù Cristo,
allontano i demoni e Lucifero
da questo veicolo
proprio come l’altro giorno
ho posato le mie mani su un cane
investito riportandolo in vita”

Il Gesù di Pine Ridge conscio che era un falso dio
colmo di merda di cane
si allontanò sgommando dal parcheggio
sollevando brecciolino come angeli
in una santa nube di polvere
strappando il Gesù di plastica dal cruscotto
e gettandolo sul sedile posteriore
ridendo e tirando dritto fino al più vicino negozio di alcolici
ogni macchina ha bisogno di un nome
e così chiamò la sua
‘Gesù Chrysler’

10 anni e 10 macchine usate più tardi
sopravvisse a innumerevoli avventure con sfacciata fortuna
come la volta che volò
sì, il Gesù di Pine Ridge sapeva volare
bene, più come una caduta
da un picco di 100 metri
nelle Colline Nere
una folata di vento e perse l’appoggio
ritrovato in fondo al canyon
si svegliò in un letto di ospedale
con le costole rotte, le pelvi e una gamba frantumate
e, svariati tagli e lividi naturalmente

Ma il Gesù di Pine Ridge non può morire mai
incidenti di macchina
lotte
tempo trascorso in prigione
troppa bumba e droghe
anche la caduta da 100 metri di altezza
non potranno mai uccidere il Gesù di Pine Ridge

Forse è morto da molto tempo

e questa vita è la sua resurrezione
quella scelta
dal Gesù di Pine Ridge
per condurci tutti purosangue e mezzosangue
alla salvezza

Questo era il vangelo
secondo Luca Acqua Calda

*

Blip Blip (for W.R.)

Sound wave shaped
dagger blade
through the chest
no vital organs hit
as heart is being
digested in guts
exactly shaped like a rope

No more blip blip
on your radar screen
not like I had
California to Europe
not even a blip blip for you
in Lakota Nation heartland

Most of your adult life
in the South Dakota
State Penitentiary
blip blip
bad ass Indian
original gangster of Rapid City

That check cashing payday loans
discount cigarette store
wooden Indian pose
with the bandana, prison tattoos
between the knuckles
with the 40 ounce beer
wino paper bag
closely hugging cheap bottle
in a manic clutch
hands sharing steering wheel
road blurry as paint brushes
chase into corners
of dead end North Rapid City
neighborhoods
no right turn
for the Red man

Your world only knew
prison and our side of town
blip blip no more
as heartbeat finds its last
final
violent
thump

In those final moments
of your fate
I seriously doubt
you reminisce as kids
sharing our bicycles riding
on our Indian neighborhood
streets
or
elementary school recess
where no one could beat you
at shooting marbles
I swear you could hit
a boulder marble dead on
from 30 feet away
before
shooting meant for you;
firearm pistols
fire arms from booting it needles
blip blip washing it all down
with shots of fire liquor breath

I wonder what
must have been
in your thoughts
just before
you hung yourself

Bip Bip (a W.R.)

Lama di pugnale
dalla forma di onda sonora
a trafiggere il petto
nessun organo vitale colpito
mentre il cuore viene
digerito in viscere
dalla forma esatta di una corda

Niente più bip bip
sul tuo schermo radar
non come dalla
California all’Europa
neanche un bip bip per te
nel cuore della nazione Lakota

La maggior parte della tua vita adulta
nel Penitenziario di Stato
del Sud Dakota
bip bip
tipaccio indiano
vero gangster di Rapid City

L’assegno per incassare il piccolo prestito
discount di sigarette
posa indiana lignea
con la bandana, tatuaggi da prigione
tra le nocche
con la birra da 1 litro
in busta di carta da alcolizzato
abbracciando stretta la bottiglia da due soldi
con presa maniacale
le mani condividono il volante
la strada nebulosa come pennellate di vernice
si infilano negli angoli
di vicoli ciechi in quartieri di
North Rapid City
nessuna svolta a destra
per l’uomo Rosso

Il tuo mondo conosceva solo
la prigione e il nostro quartiere
niente più bip bip
mentre il battito del cuore emette il suo
ultimo
violento
colpo
In quegli ultimi istanti
del tuo destino
dubito seriamente
che tu ti sia abbandonato ai ricordi di ragazzo
quando condivamo le nostre bici scorrazzando
nelle strade
del nostro quartiere indiano
o
nel luogo nascosto della scuola
dove nessuno poteva batterti
a lanciare biglie
potevi atterrare
la biglia più grande
da 100 metri di distanza
prima che sparare avesse un significato per te;
pistole, armi da fuoco
armi da fuoco
il bip bip a lavare via tutto
tutto di un colpo liquore come alito di fuoco

Mi chiedo quali
saranno stati
i tuoi pensieri
giusto prima
di impiccarti

 

*

Luke Warm Water è un poeta autodidatta  nato a Rapid City nel Sud Dakota. Cresciuto in un quartiere urbano nativo americano, è membro della tribù Oglala Lakota. Ha iniziato a scrivere poesie verso i 30 anni e ha partecipato  con i suoi versi intensi e pieni di umorismo a diversi poetry slam. La sua poesia è apparsa in Sing: Poetry from the Indigenous Americas (University of Arizona Press, 2011), Shedding Skins: Four Sioux Poets (Michigan State University Press, 2008) e in 8 raccolte a partire dal 1999. I suoi testi si occupano spesso di temi riguardanti gli Indiani d’America. Luke è stato il primo poeta a ricevere una borsa di studio in Letteratura dalla Archibald Bush Foundation ed è stato poeta ospite alla dodicesima edizione del prestigioso festival biennale di Poesia Geraldine R. Dodge nel 2008. È attivamente impegnato affinché il prigioniero politico nativo americano Leonard Peltier (www.whoisleonardpeltier.info) venga rilasciato organizzando e /o partecipando ad eventi poetici ed incontri. Luke risiede a Oakland in California.

*

Alessandra Bava nasce a Roma nel 1968. Si laurea in lingue e lavora come traduttrice. Nel 2010 ha un incontro a San Francisco con il poeta Jack Hirschman – del quale è attualmente impegnata ascrivere la biografia. Sue poesie in lingua inglese sono apparse su diverse riviste e antologie americane. Con i poeti della revolutionaru Poets Brigade romana, partecipa a letture e iniziative. Ha pubblicato nel 2012 in lingua italiana il libro Guerrilla Blues per le Edizioni Ensemble.

Annunci

3 commenti su “Luke Warm Water, Slam Indian Poet

  1. Antonio Devicienti
    26/02/2015

    Come membro della redazione di Perìgeion voglio ringraziare in calce a questo post tutti coloro che ci hanno seguiti fin qui, leggendo con passione e, in molti, commentando con altrettanta passione e partecipazione; voglio esprimere il mio entusiasmo per il progetto che, giorno dopo giorno, si sviluppa col nome di Perìgeion e (pur sapendo che la mia è un’opinione niente affatto obiettiva) tengo a sottolineare quanto rara e stimolante sia la poesia di Luke Warm Water, un altro tassello aggiunto da Perìgeion in questo suo sforzo di guardare al mondo. Un caro saluto a tutti coloro che continuano a sostenerci e incoraggiarci.

    Liked by 2 people

  2. angela palmitesta
    26/02/2015

    dove le suore hanno lavato
    via la sua lingua madre
    ogni volta che lo scoprivano a parlare Lakota
    e lo hanno lavato in inglese
    con un panetto intero di sapone bianco

    Dopo una violenza profonda , la mente non può descrive il dolore . Tutt’ al più esprime, faticosamente, un ricordo asciutto. Questi versi fanno davvero male, un intero panetto di devastazione mi resta in bocca.

    Liked by 1 persona

  3. francescotomada
    28/02/2015

    Ho seguito per molto tempo la poesia e più in generale la scrittura dei nativi americani, anche se adesso me ne sono un poco staccato.
    Non conoscevo questo autore, mi piace il suo modo diretto di scrivere. E ascoltarlo penso che sia una bella esperienza.
    Grazie.

    Francesco t.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/02/2015 da in poesia, poesia nativi americani, traduzioni con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: