perìgeion

un atto di poesia

NON POSSIAMO ABITUARCI A MORIRE

di ruscio 09

“Scriviamolo sui muri, la resistenza è ancora possibile, l’urgenza delle parole si frapponga fra noi e il resto. La sconfitta non è definitiva,  la speranza è tutta nella nostra capacità di ridere.”

L. Di Ruscio

La redazione di Perigeion è lieta di invitarvi a questo evento da noi molto sentito.

1o Aprile, Milano , Spazio tu di Mascherenere presso la Fabbrica del Vapore in via Procaccini,4

Ore 19,00; ingresso libero

FESTA-TRIBUTO-INCONTRO sull’opera di Luigi Di Ruscio.

A partire dall’opera del grande scrittore e poeta marchigiano, attraverso la proiezione di piccoli cortometraggi e frammenti video sulla sua figura e la lettura di suoi testi ad opera di poeti, scrittori e amici che l’hanno ammirato e conosciuto, questo incontro vuole essere insieme un momento di festa e di riflessione. In questi tempi dove l’uomo, la poesia e la bellezza vengono continuamente offesi, aspira ad essere un’alternativa il più possibile concreta alla volgarità e all’ignoranza che tentano di soffocare la nostra vita di uomini liberi.

DiRuscioLocandina (1)

Luigi Di Ruscio è nato nel 1930 a Fermo, nelle Marche, in una famiglia sottoproletaria di Vicolo Borgia. Da ragazzo ha sbarcato il lunario lavorando come manovale, operaio, fotografo di matrimoni. Nel 1956 è uscita da Schwarz la sua prima raccolta di versi, “Non possiamo abituarci a morire“, prefata dal giovane Franco Fortini, e l’anno successivo è emigrato a Oslo, in Norvegia, dove ha vissuto fino alla sua morte, avvenuta nel febbraio del 2011, lavorando in una fabbrica che produceva chiodi, la Christiana Spigervek. In Norvegia si è sposato con Mary Sandberg e ha messo al mondo quattro figli, continuando a scrivere e a pubblicare, soprattutto per piccole case editrici, sostenuto dalla stima di lettori come Salvatore Quasimodo, Italo Calvino, Antonio Porta, Giancarlo Majorino fino a quando, dopo la sua morte , Feltrinelli pubblica nella collana comete il meglio della sua produzione letteraria.

Le fotografie a Luigi Di Ruscio sono di Ennio Brilli.

Annunci

9 commenti su “NON POSSIAMO ABITUARCI A MORIRE

  1. Adriana Perrotta
    06/04/2015

    Vi segnalo questo sito e questo blog, che penso possano interessarvi e che peraltro Nino Iacovella conosce bene:

    Diepicanuova, ttp://diepicanuova.blogspot.it/;

    OverLeft. Rivista di culture a sinistra, http://overleft.it/

    Ci vediamo il 10 aprile

    Liked by 3 people

  2. Evangelia Polymou
    06/04/2015

    L’ha ribloggato su evangeliapolymou.

    Liked by 1 persona

  3. amara
    06/04/2015

    speravo di poter venire, non sono così lontana, ma purtroppo i solti intoppi della vita me lo impediscono..

    Liked by 1 persona

  4. christiantito
    06/04/2015

    Grazie Adriana e grazie anche a te comunque cara amara 😉

    Liked by 1 persona

  5. maurizio manzo
    06/04/2015

    L’ha ribloggato su ilcollomozzoe ha commentato:
    Non possiamo abituarci a morire

    Mi piace

  6. mauro pierno
    07/04/2015

    L’ha ribloggato su RIDONDANZE.

    Mi piace

  7. giadep
    07/04/2015

    L’ha ribloggato su inni in vani.

    Mi piace

  8. poesiadafare
    07/04/2015

    L’ha ribloggato su poesiadafare.

    Liked by 1 persona

  9. ninoiacovella
    07/04/2015

    Grazie Adriana per il passaggio da queste parti.
    A prestissimo.
    Nino

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/04/2015 da in ambiente e democrazia, cinema, eventi, poesia, poesia italiana.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: