perìgeion

un atto di poesia

Silvio Ornella, due poesie

 

ornella

 

 

Manuele Morassut (a sinistra) e Silvio Ornella

 

 

NO MI PLANTA PÌ LI SGRINFIS TA LA SCHENA

 

No mi planta pì li sgrinfis ta la schena

la to vosata, mari,

platàt davòu li serpiduris.

I soi zut via da la vustra ciasa, dai vustri insiliès

par altri insiliès

cun ciantòn di miseria drenti

e un di malagrassia.

Ma tu, sé ch’i ti volevis essi?

 

Scurtà e sbassà.

Coma i pins sensa ciàf dal to giardìn

“ch’a no si pòin tal tet!”

se ven la boras’cia.

Che li radìs àn sempri corùt in sima

no son mai zudis a font.

Fruta di sinc ains cul zeùt

da li patatis da plantà

da la bunora al scur

ch’i ti li domandavis tal sun.

Mas’ciàt, cul suf alt

a frontà i cusìns ch’a ti mincionavin

sé ch’i ti volevis essi?

 

I ài doma i to recuàrs

i recuàrs da la to memoria di curtìs.

Il disgùst pal nustri curtìf

li ciasis tacadis

ch’i lu iòt a l’imbrunì

pulvìn e pantagnòc

un businòur di beghis.

 

Dopo i merecàns a son doventàs paròns

da la fabrica ch’à supàt me pari

e i vin vut la merecana

al post de la vitrina

la ciasa bessola

cul giardin e l’ort.

Cussì se i vardi i emigràns in pisseria

cu li colanis da dìndia

li scarpis da paiassi

a mi fan doma dòul

ch’i sin pì merecàns di lòur.

 

Dopo i veis volùt la taverna

par reunì la famèa.

Li perlinis

cui vui fasùi di lenc

perlinàs encia nualtris.

Mai doprada, muarta

coma se i lòucs a vessin di fa li personis

e no li ombrenis.

 

Impestada la ciera e la stagiòn:

li panolis a no erin mai abastansa lungis

la vendema si marsiva.

Tu la seda da la vita no ti l’às mai caressada

ti ghi às dat doma la fuèa

a li ruis ch’a la fasevin.

Adès a no è pì la ciera

e l’ort a l’è un prat

doma do echis di flòus

da partà in simiteri.

 

No mi planta pì li sgrinfis ta la schena

la to vosata, mari.

Adès i soi libar, di dut.

E no conòs pì nissùn

e di nissùn mi fidi

coma na bestia cu li aureli’ dretis.

I vardi il me crùssul ros e neri *

ghi strens i grignèi

e mi domandi se i parlarìn, sé ch’i disarìn.

Adès ch’i no sai s’i soi quasi veciu

o un zovin ‘ciamò stuàrt

adès che ‘l mont mi par

ch’a si solevi in scais

no ài pì pòura da la muàrt:

ta la nustra famèa

i mas’cius no àn regnàt.

 

 

NON MI PIANTA PIÙ LE GRINFIE NELLA SCHIENA

Non mi pianta più le grinfie nella schiena/ la tua vociaccia, madre,/ nascosto dietro le potature./ Sono andato via dalla vostra casa, dalle vostre angosce/ per altre angosce/ con un angolo di miseria dentro/ e uno di malagrazia./ Ma tu, cosa volevi essere ?// Accorciare ed abbassare./ Come i pini senza testa del tuo giardino/ « che non si posino sul tetto ! »/ se viene la tempesta./ Che le radici hanno sempre corso in superficie/ non sono mai andate a fondo./ Bambina di cinque anni col cestino/ delle patate da piantare/ dall’alba al buio/ che le domandavi in sogno./ Maschiaccio, col ciuffo alto/ ad affrontare i cugini che ti prendevano in giro/ cosa volevi essere ?// Ho solo i tuoi ricordi/ i ricordi della tua memoria di coltello./ Il disgusto per il nostro cortile/ le case attaccate/ che lo vedo all’imbrunire/ polvere e fango spesso/ un sibilare di litigi.// Dopo gli americani sono diventati padroni/ della fabbrica che ha succhiato mio padre/ e abbiamo avuto la cucina all’americana/ al posto della credenza/ la casa isolata/ col giardino e l’orto./ Così se guardo gli emigranti in pizzeria/ con le collane da tacchina/ e le scarpe da pagliacci/ mi fanno solo pena/ che siamo più americani di loro.// Dopo avete voluto la taverna/ per riunire la famiglia./ Le perline/ con gli occhi fasulli di legno/ perlinati anche noi./ Mai adoperata, morta/ come se i luoghi dovessero fare le persone/ e non le ombre.// Impestata la terra e la stagione:/ le pannocchie non erano mai abbastanza lunghe/ la vendemmia marciva./ Tu la seta della vita non l’hai mai accarezzata/ solo hai dato la foglia/ ai bruchi che la facevano./ Ora non c’è più la terra/ e l’orto è un prato/ solo due file di fiori/ da portare in cimitero.// Non mi pianta più le grinfie nella schiena/ la tua vociaccia, madre./ Ora sono libero, di tutto./ E non conosco più nessuno/ e di nessuno mi fido/ come una bestia con gli orecchi ritti./ Guardo la mia piccola pannocchia rossa e nera/ le stringo i chicchi/ e mi domando se parleremo, cosa diremo./ Ora che non so se sono quasi vecchio/ o un giovane ancora storto/ ora che il mondo mi pare/ che si sollevi in schegge/ non ho più paura della morte:/ nella nostra famiglia/ i maschi non sono durati.

* “Crùssul” è detta la pannocchia che non si è sviluppata, crescendo su terreni stentati. Ma il riferimento al colore allude anche a una varietà particolare di granoturco che produceva piccole pannocchie utilizzate per fare “li sioris”, il pop corn, in casa. È metafora di mia figlia.

 

***

 

FADÍA

 

Un trapano al sgnaurèa

al ters plan da l’ospedal.

“Ghi manciava doma il trapano…”

Ti s-ciassis il ciàf

cui vui di un azúr di possa ingelada

“A saràn davòur ch’a sèin un bras

o ‘na giamba”.

I vorès iodi in musa il miedi

ch’a ti à data la pastiliuta rosa

ché ch’a ti à ridusút

coma un grignèl clop

dopo la tampiesta.

 

A savarièa la memoria

e ti tornis fantassuta

cui ris di oru e di ran

la cotuluta lungia

i piè tíners tai sòcui.

Ti sos montada parsora

il rai di lenc da la roda

ti às slungiàt i deiç

a sgarbelí i raps in sima al ciàr

par ch’a no colin.

E la roda si mòuf

e ti mosena il piè.

I ti plans e to pari ti crida

ti peta tal ciaf cul ciapièl

dur di cragna.

 

Al «Jentrade des degjiencis»

il bust di padre Pio vorelòn

il radar di diu

cui lumíns.

 

«Jessude des degjiencis»

cun suspír.

Incuntra ai ciamps di blava

esercit vert

cui fusíi di farina

la pluma tal ciapièl.

 

 

FATICA

Un trapano miagola/ al terzo piano dell’ospedale./ “Ci mancava solo il trapano…”/ Scuoti la testa/ con occhi di un azzurro di pozzanghera gelata/ “Staranno segando un braccio/ o una gamba”./ Vorrei vedere in faccia il medico/ che ti ha dato la pastiglietta rosa/ quella che ti ha ridotto/ come un acino marcio/ dopo la grandine.// Delira la memoria/ e ritorni ragazzina/ coi ricci d’oro e di rame/ la gonnellina lunga/ i piedi teneri negli zoccoli./ Sei salita sopra/ il raggio di legno della ruota/ hai allungato le dita/ a ravviare i grappoli in cima al carro/ perché non cadano./ E la ruota si muove/ e ti macina il piede./ Piangi e tuo padre ti sgrida/ ti picchia sulla testa col cappello/ duro di sporcizia.// All’«Jentrade des degjiencis»/ il busto di padre Pio con le orecchie a sventola/ radar di dio/ coi lumini.// «Jessude des degjiencis»/ con un sospiro/ incontro ai campi di granoturco/ esercito verde/ coi fucili di farina/ la piuma sul cappello.

 

La prima poesia è tratta dalla raccolta Ùa. Uva (Biblioteca Civica di Pordenone, 2005); la seconda invece è inedita.

 

***

 

Silvio Ornella è nato a Castions di Zoppola (Pordenone) nel 1958, e dal 1995 è tra le voci del gruppo di poesia Majakovskji, fondato da Giacomo Vit due anni prima.

Numerose sue composizioni sono state pubblicate sullo Strolic della Società Filologica Friulana, nell’antologia Quatri fuês di argjelut (curata da Paolo Venti ed edita dalle Edizioni Concordia Sette nel 1999) e sulla rivista L’Ippogrifo.

Assieme agli altri poeti del gruppo Majakovskji è tra gli autori della raccolta poetica Da un vint insoterat, uscita nel 2000 per le Edizioni Biblioteca dell’Immagine, mentre nel 2001 ha pubblicato a Fiume Veneto la sua prima raccolta poetica intitolata Rudinàs. E’ anche tra gli autori inseriti nell’antologia poetica Fiorita periferia, curata da G. Vit e G. Zoppelli nel 2002 .

Nel 2005 la Biblioteca Civica di Pordenone ha pubblicato una sua seconda raccolta intitolata Ùa. Uva; la poesia Spetànt, che apre la raccolta, è anche compresa nell’antologia I colôrs da lis vôs curata da Pierluigi Cappello e pubblicata dalla “Associazion culturâl Colonos” di Villacaccia di Lestizza nel 2006.

Alla raccolta Ùa. Uva sono seguite, nel 2007 Paesagiu sculpìt e Il polver ta la mania, edito nel 2011 dal Circolo Culturale Menocchio di Montereale Valcellina e miglior opera in friulano del Premio San Vito al Tagliamento nel 2013.

E’ del 2014 (e di nuovo per i tipi della Biblioteca Civica di Pordenone) una raccolta “a quattro mani” in cui Ornella traduce dall’italiano al friulano le poesie di Manuele Morassut (Una stazione.’Na stassìon).

 

***

 

 

Annunci

Un commento su “Silvio Ornella, due poesie

  1. Forte e incisivo nel ricordo e nella descrizione degli intarsi della vita

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/10/2015 da in ospiti, poesia, poesia dialettale con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: