perìgeion

un atto di poesia

In Australia senza titolo 2

 

3

 

di Pericle Camuffo

scarica il pdf australia2

 

 

COOBER PEDY

 

 

Coober Pedy compare all’improvviso, annunciata da centinaia di coni di sabbia. Paesaggio lunare traforato da enormi macchinari a setacciare la sabbia, a cercare la roccia striata d’opali. E poi solo silenzio. Un drive-in deserto, inquietante, rimbalza muto su uno schermo enorme, bianco. Città di fascino e di magia e di camini che spuntano dalle colline come dita ad indicare che la vita viene da là sotto.

Questa città mi ha sempre mosso qualcosa dentro, una specie di magia, di sorda attrazione, una vibrazione che punzecchia le corde giuste, ed è ancora così. Vorrei fermarmi qualche giorno per sprofondarci bene, con il sangue e la carne, niente anima, ma solo materia trasportata dentro e fuori dalle viscere della terra ostile ma pur sempre the mother land.

Il campeggio è in fondo alla città. Vengo sempre qui, per abitudine, penso. Alla reception, accanto alla solita vecchia che vedo invecchiare sempre di più, c’è una ragazza che probabilmente non ho visto crescere, o è cresciuta da qualche altra parte. Deve essere una sua parente perché hanno qualche tratto del viso in comune, anche se quelli della ragazza sono mescolati con degli altri che ne hanno nettamente migliorato il risultato. Infatti, finita la registrazione, mi dice che sua nipote mi avrebbe fatto vedere dove dovevo mettermi. La nipote, che mi cammina davanti, ha proprio un bel culo, e il perizoma scuro mi saluta con gioia oltre la stoffa bianca dei pantaloni. Mi indica la zona di fronte all’ufficio, mi dà la chiave del mio in-site van da 35 dollari, e se ne va, guardandomi un po’ troppo a lungo.

Esco a farmi un giro, ma il caldo è troppo intenso. Per la strada, solo aborigeni buttati qua e là, sfigurati e urlanti nella loro zona off limits di marciapiedi polverosi e di stracci appesi addosso, occhi gialli e barbe di epoche antiche. Mi guardano mentre passo loro davanti, quasi mi interrogano con la loro marginalità, mi chiedono chi sia io che sto al di là della linea che loro hanno tracciato sul terreno, una linea che separa i nostri due mondi, per sempre.

Quando non sopporto più il sole e quella continua interrogazione muta, scendo al di sotto, nel fresco di negozi art gallery bar alberghi e tutta quella città nascosta in cripte d’opali, e finisco in un negozio di didgeridoo gestito da un bosniaco o croato, non ho ben capito, e alla fine me ne esco con un bel didgeridoo da 300 dollari. Non so suonarlo, ma è una delle cose che ho sempre desiderato avere, un capriccio da ragazzino.

Camminando in Hutchison street, la strada principale, si ha la sensazione di muoversi in un set abbandonato dove solo il vento conserva il ricordo delle voci, degli sguardi, delle figure che animavano questo posto, ma è un ricordo sbiadito, troppo lontano, che mi sfiora appena nel cigolare di porte e finestre aperte per sempre su questo silenzio, bocche spalancate e mute.

Il tramonto scende in fretta, incendiando il silenzio delle miniere e dei macchinari immobili, rendendo tutto ancora più irreale, più spoglio, desolato, ma allo stesso tempo riempiendolo di una tristezza che sa quasi di poesia, di quella lentezza densa di emozioni e di magia che Wim Wenders ha messo nel suo “Fino alla fine del mondo”, girato in parte qui attorno. C’è un’energia strana, potente, che riempie l’aria e la terra e questa città ti cattura ti ruba la mente ti svuota e non riesci a reagire come se pian piano le vene uscissero dal corpo per diventare radici e tuffarsi avide nel suolo secco e prezioso, ma è un’energia cattiva, sporca. Secondo gli aborigeni del luogo quando il Serpente Arcobaleno è passato di qui nel suo lungo viaggio attraverso tutto il continente, ha incontrato degli spiriti malvagi che ha rinchiuso sotto terra coprendoli con le sue scaglie. Quelle scaglie erano e sono gli opali. La loro estrazione continua e indiscriminata ha fatto sì che gli spiriti malvagi uscissero di nuovo spargendo nell’aria la loro energia negativa, quel prurito denso che stringe il cuore e l’anima quando si arriva qui. Quest’energia riempie l’aria di un rossore irreale e ti vibra attraverso le ossa, tra le fibre dei muscoli, la senti, è potente, può anche far male, scalfire ogni integrità, trasformarti in qualcosa di diverso, di più brutto, di orrendo. E’ magia nera, spiritualità tribale. E’ la forza della terra, lo spirito della terra! Quello che ha mosso l’origine del mondo. Quando scende il sole, a Coober Pedy si riaccende il fuoco del primo giorno. Forse è anche per questo che Coober Pedy the Opal capital of the world è una delle città più pericolose dell’intera Australia o semplicemente al di là di storie e leggende, è solo che qui si impazzisce più facilmente che da altre parti.

Mi fermo da Tracer, un ristorante greco, per bere una birra. Si respira un’aria familiare, da est Europa. I tavoli sono coperti con un telo di plastica trasparente e le sedie vecchie, da retrobottega, sono sistemate con ordine preciso quasi a voler togliere un po’ di squallore. Non si può fumare fino alle dieci, quando più o meno tutti avranno finito di cenare. Me ne andrò certamente prima, ma già che ci sono, e che non c’è quasi nessuno, chiedo uno strappo alla regola, ma la cameriera mi dice che non è possibile, e lo fa con un sorriso di pietà e di comprensione. Ha labbra sottili e gira tra i tavoli con stanchezza, svogliata nel suo corpo esile, con un visino carino in cui bruciano due occhi scuri e tesi. Al tavolo di fronte a me è seduto il cuoco, discute con altra gente a voce alta, in greco, alzando bicchieri e bottiglie in brindisi rumorosi e allegri. Gli faccio un gesto con la bottiglia, come per partecipare a quell’euforia che quasi pensavo impossibile qui a Coober Pedy. Si alza e mi raggiunge. Mi chiede di dove sono e come mai mi trovo qui, e dice alla ragazza di portarmi un’altra birra, offre lui. Mi racconta che anche suo padre era italiano, calabrese, prima emigrato in Grecia dove ha incontrato sua madre, poi qui, in Australia, a Coober Pedy, dove ha messo su questo ristorante. Adesso tocca a lui continuare il lavoro del suo vecchio, ma mentre lo dice passa nei suoi occhi la malinconia tipica dell’emigrato, che anche se di seconda generazione, si sente sempre fuori posto, sradicato. Mi mostra, con tenerezza, la foto di tutta la sua famiglia che vive ad Atene, la tiene appesa alla parete vicino al bancone. Vedere tutte quella facce greche, consuete, fermate in un sorriso di gruppo e strette nell’abbraccio sincero di chi si vuole bene, gli muove qualcosa dentro, come un grumo di dolcezza, di pianto. Mi saluta velocemente e sparisce in cucina. Finisco la birra e me ne vado.

Altro pub, altra gente, tutto diverso. Minatori ubriachi in pausa, tatuaggi colorati, lunghe barbe e musica alta. Conosco John, aborigeno mezzo sangue, mani tozze, braccia robuste e piene di cicatrici. Mi dice che gli piace conoscere gente nuova. Posso capirlo, certo, ma non capisco quando parla, è troppo ubriaco, a stento si regge seduto. Mi dispiace, e quasi mi incazzo. L’avrei voluto sobrio per potergli chiedere un sacco di cose di lui, della sua vita, dei suoi sogni, i misteri della sua cultura schiacciata sulle pietre di questa città. Avrei voluto che mi avesse parlato con la melodia della sua lingua, e invece è perso nei troppi giorni passati qui dentro e nell’infinità di birre che ha mandato giù. Mi stringe il braccio, non vuole mollarmi. Vado a prendere altre due birre, e lo saluto. Sono sulla porta quando mi si avvicina e mi dice “Amico, questa è la mia famiglia”, indicando un gruppo di aborigeni messi male, che se ne stanno in disparte, sembrano aspettare. Sulle loro facce è dipinta una solitudine indifesa. La voce di John è cambiata, meno sicura, meno spavalda, le sue parole sono quasi una supplica, una preghiera, come per dirmi “Vieni con noi, almeno tu!”. Non lo ascolto, ed esco dal locale come per fuggire a qualcosa, per farmi inghiottire dalla notte.

L’aria è fresca e nel cielo chiaro corre al via lattea che sembra la scia di una cometa precipitata nel deserto, ma adesso, qui, davanti alla mia roulotte, ho la sensazione di aver tradito un’amicizia, quella di John, della sua gente e di questa terra.

 

4

 

THE TRACK

 

 

La Stuart highway, l’87, o semplicemente The Track, come la chiamano qui. Quasi 3300 chilometri che collegano Darwin e Adelaide, l’Arafura sea ed il Southern ocean, tagliando in due il continente e seguendo il percorso tracciato e battuto da McDouall Stuart nel 1862, il primo uomo ad attraversare l’Australia da sud a nord. Ma di quell’impresa, di polvere e fatica da spezzare con gli zoccoli lenti dei cammelli e con il coraggio rigido di esploratori, allevatori, cercatori d’oro e di libertà, ne è rimasto ben poco. La Stuart highway ,ora, è solo asfalto senza fine, sgretolato nastro di bitume che trasporta ogni anno decine di migliaia di turisti all’interno della loro avventura venduta a pacchetti nelle agenzie viaggi di tutto il mondo. E’ solo corsa veloce, verso sud o verso nord poco importa, per vecchi con cappellini e cineprese che salgono e scendono da pullman aria condizionata e tv per ammirare le bellezze del mondo down-under. Strada di gente in fila sotto il sole per vedere ammirare e rubare alla terra qualcosa che neanche loro sanno cosa sia, per calpestare e pagare ogni respiro, ogni domanda, ogni pisciata. Strada con i dollari sempre in mano, pochi secondi d’emozione e fotografie al tramonto. La Stuart highway, ormai solo tourist drive, la più cantata fotografata raccontata sognata e invasa strada d’Australia. Ma è sufficiente alzare il piede dall’acceleratore, essere un po’ pazienti e rispettosi, tirare il fiato per un attimo. La Stuart highway ha bisogno di essere sentita metro per metro e non trafitta a 110 all’ora sperando che finisca il più presto possibile, come un brutto sogno. Ha bisogno di tempo, del suo e del tuo, forse di un tempo tutto interiore, antico. Ha bisogno d’ascolto, di complicità, di quasi amore. Sotto quell’asfalto c’è qualcosa che ti rimbalza dentro, che confonde il ritmo del cuore, che si incastra tra ossa e carne, che ti stupisce. Se ti fermi ad ascoltarla, rischi di perderti, di esserne risucchiato. Quando la vedi bucare l’orizzonte, laggiù, dove i tuoi occhi non ce la fanno, dove incontrano, sfiniti, solo supposizioni e mistero, qualcosa ti vibra sottopelle, avverti un senso di appartenenza, un richiamo che per la sua forza, però, ti fa allontanare. Ma non puoi farci niente, non puoi combattere, devi lasciarti accompagnare in quella terra di miti e di sussurri indefinibili che è l’outback, luogo di spazi e di colori tesi, chiassosi. Devi fidarti, lasciare che tutto ciò che ti avvolge, parli la propria lingua. Non ci sono traduzioni. L’outback, è ciò che sta dietro, lontano, oltre le spalle, fuori e dentro di te. Certo, è il termine usato per indicare la vasta area interna dell’Australia, eppure questo non ci basta, non ci soddisfa del tutto, ci rimane quel senso di fastidio, di incompletezza, che ci agita. Questa intraducibilità non è solo una questione linguistica, perché l’outback è qualcosa che sfugge, che apre in noi un senso di vuoto, uno scarto, una pausa, una mancanza.

Qualcuno ha detto che definire l’outback e un po’ come tentare di definire la religione. Tutti sappiamo che esiste e che ha un grande significato spirituale, che ha a che fare con l’anima, con Dio, ma ognuno di noi ha un’idea tutta personale di cosa sia veramente. Io non so dire se c’entri o meno Dio, ma di sicuro la Stuart highway ha a che fare molto da vicino con l’anima di chi la percorre. Qui il viaggio assume la sua dimensione più vera, più autentica, quella del movimento che scorda punto di partenza e d’arrivo, per essere solo esperienza che ti scaraventa dentro te stesso, quasi un pellegrinaggio, per chi ha capito che la sacralità del cammino sta tutta nel cammino stesso, nell’ascoltare il ritmo del proprio passo e scoprirci dentro il ritmo del mondo intero, il suo battito, la sua vita.

Seduto sugli scalini di fronte al piazzale di sosta, a Marla, “an outback oasis”, osservo incantato i road trains incrociarsi, tracciare rotte sorvegliate sull’enorme distesa di polvere che si alza in nuvole lente al loro passaggio. Con le loro sagome colorate, sferraglianti, enormi escono dalle pozzanghere di calore distese sulla strada e ti riempiono gli occhi. Ne senti la presenza, da lontano, ancora prima di vederli. Ne senti l’ingombro, la pressione sul petto, la vibrazione sotto i piedi. Sono loro che comandano, che non si spostano, che vanno avanti diritti, nonostante tutto, in ogni condizione, sempre, agitando la loro coda di rimorchi, lucette e cromature. Il codice della strada australiano dice che hanno la precedenza assoluta su tutte le strade, ma forse non è così, comunque, autorizzati o meno, i camionisti non badano molto a chi hanno davanti, guardano lontano, forse troppo. Guardano a donne lasciate a casa chissà dove, donne che li attendono, donne che li tradiscono quando i bimbi sono a scuola, nei pomeriggi caldi che sciolgono ogni pudore, cosce aperte in leggeri vestiti a fiori che diventano sempre più corti. Guardano alla prossima stazione di servizio, alla faccia amica che ritroveranno, alla sosta, al riposo di una notte di birre e di stelle, prima di ricominciare. Uomini soli, uomini scalzi che gettano occhi persi sull’asfalto, cavalieri di ferro e di polvere, guardano ai 250.000 chilometri che percorrono di media ogni anno, e quanti ancora da fare, da consumare nella loro vita sulla strada. E per indicare tutto questo, solo un cartello ogni tanto: “CAUTION Road Trains 50 metres long”.

Marla è un luogo che non esiste, come molti altri qui in Australia, luogo di assenze e di spazi, Degli aborigeni buttano gli occhi al cielo persi in qualche loro sogno e nelle troppe birre bevute, seduti sul piccolo spiazzo erboso dove pochi alberi regalano un’ombra frastagliata di luce, e dove una grossa insegna della Victoria Bitter indica un modo, forse l’unico, di uscire vivi da questo posto. Dietro di me, in una minuscola stanzetta che fa da ufficio postale, una donna grassa timbra senza sosta cartoline e lettere che forse contengono le ultime volontà dei poveri disgraziati che per una ragione o per l’altra si sono fermati qui, e qui sono rimasti a morire.

Il pub è una lunga sala spoglia con tavoli di plastica, tipo quelli da giardino, un flipper, due giochini elettronici, monitor appesi alle pareti con i risultati delle corse, una ricevitoria del Lotto, delle poltrone messe in fila davanti ad una tv troppo alta, un biliardo e il bancone del bar con un pezzo di legno appeso dove c’è scritto Ernie Gides Bar. Mangio patate e carote, bevo birra e non trovo un benché minimo senso che tenga su la mia esistenza. Una famiglia cena in silenzio di fronte a due bottiglie di vino bianco. Un aborigeno con vestiti stracciati e luridi, berretto di lana e sigaretta incollata alle labbra, gira tra i tavoli e gioca a biliardo. Due poliziotti in completo kaki, sorvegliano se stessi.

Fuori, l’aria immobile tormentata dal lento via vai di macchine, e persone che camminano come se fossero vuote, riempite d’aria, palloncini tenuti a terra da qualche filo ben nascosto ma che voleranno via, inevitabilmente, assorbiti dal nulla che circonda questa stazione di servizio. Piegato sul tavolo di formica verde, non posso non chiedermi, come Bruce Chatwin, e come Rimbaud prima di lui in qualche malsana tenda africana, “Che ci faccio qui?”. E’ una domanda semplice, quasi banale, ma che trattiene in sé l’ansia e l’euforia del movimento, dell’irrequietezza, di quel nomadismo interiore ed esteriore che lo stesso Chatwin aveva individuato come antidoto, se non proprio cura, all’infelicità dell’uomo che, come ha scritto in un articolo del 1971, deriva “da una causa sola, non sapersene star quieto in una stanza”, E’ una domanda che ritma il movimento dell’esistenza, perché non si trova mai un senso preciso, soddisfacente al fatto di trovarsi in un certo posto, l’importante è esserci arrivati, per poi continuare a vagare. Chiedersi “Che ci faccio qui?” è un invito al viaggio.

Qui fuori, c’è un ragazzo che sta viaggiando in bicicletta da Melbourne a Darwin. Ho sempre invidiato chi si getta in imprese del genere. Mille volte ho pensato, chiuso nella mia camera, a itinerari da percorrere in completa solitudine, lontano dal mondo e da tutto per trovare qualcosa che ancora oggi sento che mi manca, una sorta di equilibrio, di serenità, e pensavo si dovessero fare cose del genere, grandiose, per crescere in maniera giusta, sana. Vorrei pedalargli accanto, seguire i suoi respiri, contare le gocce del suo sudore, essere come lui ed invece mi accontento di vederlo partire. E’ come un sogno che fugge. Di fronte a lui, alle sue ginocchia scrostate dal sole, alle sue braccia tese sul manubrio, ai suoi occhi densi e borse appese e cartine stradali e nient’altro che il suo cuore a sbattergli nel petto, mi sento poca cosa, una piccola merda di cane abbandonata qui a Marla, South Australia, a quasi 2000 chilometri da Darwin e 1138 chilometri da Adelaide.

 

***

 

 

Annunci

Un commento su “In Australia senza titolo 2

  1. angela palmitesta
    14/01/2016

    Inoltre noto, con una certa soddisfazione, le pennellate di colore che offre Pericle in certi passaggi . Noto come non sono l’unico a farmi venire il torcicollo pur di ammirare :
    “La nipote, che mi cammina davanti, ha proprio un bel culo, e il perizoma scuro mi saluta con gioia oltre la stoffa bianca dei pantaloni. “

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/01/2016 da in feuilleton, ospiti, prosa, scritture con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: