perìgeion

un atto di poesia

Riccardo Olivieri, inediti

 

 

riccardo olivieri

 

 

 

                              UNDICI
                                                                  cugini primi

                              Come mi mancate tu.

                                                               i noi del millennio finito,

                              ora che tutti abbiamo figli nel millennio nuovo, e

                              le sere lunghe estive assommate nella mente,

                              i saluti da molti finestrini a breve vengono roventi

                              qui a trovarmi d’auto bianche e rosse delle zie

                              (la deux chevaux di Gio’ resta il gioiello)…

                                                                                        è come

                              cerchiare una scatola già chiusa, definire

                              un perimetro che è dato, terminato; ma sono qui con il metro

                              che misuro da cucito

                                                                   l’alta sartoria di nostre madri,

                              il cucimento nelle cucine della trama di noi undici

                                                                              con le parole gli occhi i vapori

                                                                                                                  da mangiare,

                              e biciclette (ecco la pressione

                                                        tuo piede sul pedale, e prima

                              un lampo negli occhi a Sara Andiamo)

                              e ponti, nuovamente ponti prima e dopo i campi

                                                                                            tra lo Scrivia e noi,

                              e il calare dell’ombra lunga

                                           stesa sul fine giorno

                                                          rientrando

                                              con la paura-buio

                                                                a casa

                                e poi la casa, le case,

                                ecco il perimetro

                                                       che sto cerchiando,

                                dove condivise vite, fiati,

                                tutto il riposo e la rabbia,

                                                                   il necessario amore.

 

 

***

 

 

                                 DA MOLTO LONTANO

                                                                           ancora R.C.

 

                                 Io dico di te

                                     dove le mani

                                 che hanno lasciato sale

                                                          e impronte

                                               un po’ dovunque,

                                 dove saranno

                                 le tue antenne camuffate

                                 da acconciatura bene

                                            che, da lontano, anche senza mani

                                                                 mi sentivano?

                                 Diranno di me

                                             dove sono le mani che han fretta

                                 e gli occhiali che dimentica dovunque?

                                 Chiederanno cose che – io no – tu sai

                                                                    di me, di noi

                                 ma non c’è stato modo

                                 che tenessi in braccio Bebe

                                 – forse solo un pomeriggio –

                                 per quella foto stralunata

                                 dove ti affacci tenace

                                                          dal Tavor

                                 (in tre eravate, e lui tra le due nonne,

                                 in piedi sul tavolo,

                                 sicuro come Dio).

 

 

***

 

                                 I PIEDI DI 6 ANNI

 

                                Per i tuoi piedi,

                                che ogni prestissima

                                                         mattina

                                mi cadono en la mano,

                                freddi da una notte

                                    scoperta (e sola, e piena di sogni),

                                per i tuoi cresciutini piedini

                                da stringere come amuleti

                                per affrontare il giorno,

                                come gemme d’alabastro,

                                gocce per scacciare la paura,

                                giada di un qualche chierico

                                officiata nell’incanto

                                                        che richiede e prega…

                                e la preghiera costante è

                                                                    il tuo canto,

                                poi che ti muovi nel giorno

                                e sei

                                     mia voce, fiato, salto!

                                         Ma questi tuoi piedini…

 

 

Nato a San Remo nel 1969, dopo l’Università (Facoltà di Economia a Torino – S.A.A.) ha lavorato tre anni in Piemonte, poi ha vissuto in Lussemburgo e in America Latina dai 26 ai 30 anni. È rientrato a Torino nel 2000, dove attualmente vive e lavora come ricercatore di marketing. Nel 2001 esce la raccolta Diario di Knokke (Nuova Compagnia Editrice; prefazione D. Rondoni). Nel 2006 l’editore Passigli pubblica Il risultato d’azienda, (prefazione Stefano Verdino). Nel 2008 Raffaelli Editore pubblica Il disgelo. Nel 2012 esce per Passigli la raccolta Difesa dei sensibili, (Pref. Davide Rondoni, con nota finale di Massimo Morasso). È inserito nell’antologia Storia militante della poesia italiana 1948-2008 a cura di D. M. Pegorari, Università di Bari (Moretti&Vitali), uscita nel luglio 2009. Le poesie estratte dalla nuova raccolta Difesa dei sensibili prima di venire pubblicate da Passigli hanno vinto il Premio Pavese 2010 – Sezione Poesia Inedita. A settembre 2013 alcuni Inediti hanno ricevuto il Premio Lerici-Pea per la sezione poesia inedita (in giuria: G. Conte, V. Zeichen, S. Verdino).

Annunci

Un commento su “Riccardo Olivieri, inediti

  1. almerighi
    27/01/2016

    Bravo davvero, un poeta nuovo che non conoscevo, una descrizione intima e spietata del mondo individualista ma senza più individuo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/01/2016 da in ospiti, poesia, poesia italiana con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: