perìgeion

un atto di poesia

In Australia senza titolo 6

 

 

11

 

di Pericle Camuffo

scarica il pdf australia6

 

 

ADELAIDE – SHEPPARTON

 

 

Correre, di nuovo. Correre via da Adelaide. Correre sul vuoto dorato del mondo senza sprofondarci perché finché corri sei salvo, c’è una sorta di legge fisica che ti tiene in vita, che non ti fa cadere, come quando fai girare velocemente un secchio pieno d’acqua.

Sto andando verso il Riverland, verso Berri e le sue arance. Vado a vedere se riesco a rimediare un lavoro. Ho bisogno di soldi e questa dovrebbe essere la stagione delle albicocche o di qualcos’altro, almeno così ho letto sul TNT, il giornalino dei backpakers. Ho passato il Murray, il Mississippi australiano, nei pressi di Blanchetown. Il fiume è pieno di carcasse di grossi alberi che spuntano dall’acqua come dita di gigantesche creature che chiedono aiuto, l’ultimo sforzo, l’ultima speranza prima di soffocare.

Berri Riverside Caravan Park. C’è molto vento. Ho parlato con alcuni ragazzi che sono qui da un bel po’a raccogliere frutta. Mi hanno detto che loro girano il paese seguendo le varie stagioni di raccolta, e mentre parlavano ho visto scorrere nei loro occhi il “furore” di tutti i Tom Joad d’America, e l’aria gialla di sole si è riempita di poesia. Penso che dieci giorni di lavoro possano bastare, poi me ne vado a Melbourne per un po’, prima di rientrare a Sydney.

Uno dei ragazzi, quello che raccoglie albicocche, mi ha dato una specie di foglio informativo su quanto e come pagano: Albicocche: 25 dollari; Pere e Pesche: 25 dollari; Mele: 22 dollari. I prezzi vanno intesi a cassetta. Non male, mi sono detto, cosa ci vuole per riempire una cassetta di mele? Magari con le albicocche ci metti un po’ di più, ma è sempre una cosa abbastanza veloce. Insomma, mi sembrava di essere arrivato nel posto giusto per tirare su un bel po’ di dollari. Ero quasi contento. Ho fatto lavori ben più schifosi e pagati meno. Però non capivo perché tutti si lamentavano che è un lavoro duro e sottopagato. E soprattutto non capivo perché il tipo del Queensland, quello delle albicocche, dovesse passare per eroe o superuomo solo perché tira su cento dollari al giorno. Poi ho capito. A centro pagina ho letto che la famosa cassetta che dovrei riempire in realtà era un fottuto cassone enorme, quadrato, 116 cm per 116 cm e alto 60. E’ stato in quel momento che il ragazzo timido timido che se ne fa cinque al giorno è apparso anche a me un eroe, uno di fronte al quale devi abbassare la testa e passare via diritto e in silenzio. Ho gettato il foglio nel cestino.

Sta calando la sera e odori di carne alla griglia e di cipolla si muovo tra le ali dei cacatua che rigano il cielo. C’è silenzio, ognuno è rientrato nella propria realtà, ha ripreso il proprio posto nel mondo, solo io sono rimasto seduto in questa specie di cucina baracca di lamiera. Io non ho il mio posto nel mondo a cui ritornare. Il Murray è sempre più vicino e calmo e non fa nessun rumore scivolando verso sud ad annegare. L’umile e dignitoso suicidio di un fiume. Lasciarsi portare giù dalla corrente, dal Murray di terra e fango e scorrere nella sua pancia larga, fermarsi in ogni insenatura, in ogni ansa, in ogni irregolarità delle sponde, appoggiarsi agli alberi, alle loro radici che abbracciano il nulla e rimanere lì per qualche istante o giorno o anno e poi liberare la presa e riprendere il corso, continuare ad andare perché quello è il tuo destino, verso il lago Alexandrina e il mare di sale e di azzurro. Distendersi nell’acqua, a morto, come si faceva da ragazzini, e seguire il solco che il gigantesco pesce ha tracciato nella terra, come narra una leggenda aborigena che racconta la nascita del fiume, con le braccia larghe e la testa per metà sommersa a togliere ogni suono, orecchie piene d’acqua ad ascoltare il respiro profondo del fiume, e gli occhi aperti al cielo. Seguire il girotondo delle nuvole e degli uccelli, il passaggio del sole, e svanire lentamente, come sempre, come ovunque, rinsecchirsi come tronchi aridi fino ad esplodere in mille schegge mute, e non lasciare niente. Forse è nel fiume il mio posto nel mondo, la mia realtà.

Stanotte uno strano tipo si è messo ad urlare in cucina, e a rompere la notte e i coglioni. Gridava, poi cambiava voce, l’abbassava, le dava profondità e parlava da solo scambiando frasi brevi, mozzate dalla foga e dalla follia. Parlava con Cristo o ce l’aveva con lui, non ho capito bene. Erano quasi le cinque. Poi ha smesso di colpo, ha detto quello che doveva dire e se n’è andato. Io sono rimasto chiuso in machina, non si sa mai, faceva veramente impressione sentirlo dialogare con la sua anima d’inferno, per cui mi sono girato dall’altra parte e mi sono rimesso a dormire.

Il giro di stamattina non ha dato risultati. Sono andato fino a Renmark, ma niente neanche lì. Sembra che non ci sia lavoro. Tutti ti sbattono in faccia un articolo: “Immigration toughens up”. E hanno già sottolineato le frasi importanti, così non devi fare neanche lo sforzo di leggertelo tutto. In sostanza si dice che la DIMA (Depatment of Immigration and Multicultural Affairs), sigla che a me suona un po’ di burocrazia e di repressione stalinista, ha emesso una legge o un decreto o che ne so, in cui stabilisce che ogni datore di lavoro che assume personale illegale, cioè senza visto di lavoro, rischia fino a due anni di carcere e fino a 66.000 dollari di multa. Chi invece è beccato a lavorare senza permesso può venire rinchiuso e anche cacciato dal paese. E poi c’è l’invito agli agricoltori di controllare lo stato legale dei loro lavoratori prima dell’eventuale assunzione, con tanto di numero verde a disposizione per chiedere informazioni.

Me ne starò qui tutto il giorno a rigirarmi i pollici e le palle, aspettando che ritornino gli altri lavoratori per sentire com’è andata e per bermi un po’ di vino in compagnia, prima di lasciare questo posto.

Ho lasciato Berri e il suo campeggio-comunità-ostello. Ho lasciato il ragazzo inglese con i capelli rasta, il viso spigoloso e la sua risata aperta e disponibile, che stava tutto il pomeriggio seduto davanti al furgone a suonare malamente la chitarra, senza cantare mai, solo una rozza melodia strappata dalle corde di nailon mentre io disteso sull’erba leggevo gli insegnamenti di Lao Tze. Ho lasciato la faccia sorridente della piccola coreana che si stupiva per ogni cosa, ogni spostamento d’aria era per lei una meraviglia, e aveva ventisette anni ma ne dimostrava dieci di meno nel suo girovagare l’Australia da sette mesi, senza macchina, solo chiedere passaggi come i vecchi hobo d’America, salire e scendere da macchine di altre persone e di altre lingue, senza tetto né legge, una giovane Box-car Bertha dagli occhi a mandorla sulle strade senza fine di questo continente che percorreva senza perdere la tenerezza e il sorriso. Ho lasciato il ragazzo del Queensland, quello che faceva cento dollari al giorno con le albicocche, che fumava mille sigarette nel silenzio orgoglioso della sua abilità di raccoglitore che tutti noi gli riconoscevamo senza esitazioni. Ho lasciato il vichingo olandese alto e grosso e tatuaggi sulle spalle e piercing al sopracciglio destro, l’unico che ha visto in faccia l’uomo urlante nella notte, quello che aveva problemi con Cristo, lui l’ha visto perché è uscito dal suo furgone per controllare mentre tutti noi ci rigiravamo nel sacco a pelo e nella paura. E’ uscito e l’ha trovato disteso per terra in cucina e ha chiamato il tipo del campeggio, e poi il giorno dopo la raccontava a tutti questa storia, e tutti se la facevano raccontare ancora e ancora per dargli soddisfazione, per sottolineare la differenza di fegato tra lui e noi conigli chiusi stretti nelle nostre trappole di lamiera e plastica. Ho lasciato anche la ragazza bionda grosse tette e cappellino sempre in testa che leggeva e leggeva seduta davanti alla sua tenda, e che solo ogni tanto ci raggiungeva per bere un bicchiere, per sentire il bollettino della giornata di lavoro e qualche nuova storia che qualcuno tirava fuori. Ho lasciato il solitario del Western Australia che si bruciava gli occhi sullo schermo tremolane della tv con interminabili partite di cricket, il solitario e forse gay che sorrideva mangiandosi la faccia, come se il suo viso si accartocciasse attorno alla bocca che diventava piccola e sottile. Ho lasciato quell’oasi di comunicazione e intesa e rispetto, quel quasi gruppo in cui si divideva il vino e il cibo e dove ognuno metteva lì la propria storia, senza chiedere niente in cambio. E ho appena lasciato anche il South Australia passando sotto la sagoma di un pneumatico Dunlop che fa da arco e da confine.

Mi fanno male le gambe e devo di nuovo fare benzina.

Non ce la farò ad arrivare a Shepparton entro stasera, mi sono già rotto i coglioni di guidare. Shepparton è l’ultimo tentativo per il lavoro della frutta. Mi hanno detto che lì c’è una specie di centro o associazione che conosce tutta la situazione della zona e mi dovrebbero informare sul dove e sul quando si può cominciare. Ho ancora 1000 dollari e potrei benissimo tornarmene a Sydney senza lavorare. Ma voglio avere la coscienza a posto e poi penso che sia sempre vita da raccontare e raccontarsi.

Mi fermo a Euchuca, in un campeggio squallido e pieno di conigli. Il bottle shop per fortuna non è molto distante e un paio di birre rendono il sonno più facile.

A Shepparton è ancora tutto chiuso. Devo aspettare fuori dall’ufficio-associazione dei raccoglitori. Siamo circa in venti raggruppati nel piazzale della speranza, e penso che tutti loro ci sperino veramente, mentre io me ne sto seduto in macchina ad osservare la scena carica di tensione. Alcuni sono proprio messi male, altri sembrano in vacanza e indossano i vestiti dei loro sogni anni Sessanta anche se qualcuno di loro è nato vent’anni dopo che gli hippies hanno celebrato il proprio funerale nell’ottobre del 1967. Io, almeno, sono nato qualche mese prima di quell’evento, anche se non so se questo significhi veramente qualcosa. Forse significa solo che sono vecchio e che non dovrei stare qui tra di loro, ma a casa con moglie e figli e un lavoro sicuro. Forse nei loro occhi io sono una luce fioca, un intruso, un vecchio a cui è andata male e a cui non vorranno mai assomigliare. Un vecchio che ha gettato la sua vita chissà dove e che gioca ancora a fare il ragazzino, un vecchio vagabondo solitario senza la forza e il talento e la bellezza di Jack Kerouac. Forse io sono ciò che li spingerà a tornare a casa e a mettersi a studiare e a trovarsi un lavoro e fare una vita normale come tutte le persone normali di questo mondo normale, e non come quel deluso e perdente vecchio che hanno incontrato a Shepparton.

Hanno aperto l’ufficio. Prendo il numero e aspetto il mio turno. Allo sportello una ragazza gentile e bruttina mi dice che le dispiace ma per adesso non c’è niente, ma se aspetto un paio di settimane ci sarà un sacco di lavoro con le pere. La ringrazio ed esco, perché se resto qui ad aspettare un paio di settimane, probabilmente finisce che le pere me le faccio io.

 

 

12

 

 

MELBOURNE

 

 

C’è un vento forte che fa traballare la machina. Raffiche decise, come spintoni di qualcuno che si sta innervosendo. Mi sono appena sistemato nel campeggio Big 4 a nord della città e non sarà il vento a farmi andare via da qui, non questo vento. Sono cresciuto dove la bora scende dai monti della Slovenia e spazza la laguna a 140 chilometri l’ora gelando le onde e la sabbia, tagliandoti faccia e mani, al vento, ci sono abituato.

Seduto in macchina, guardo una giovane ragazza rasata e carina che tenta di giocare con una pallina da tennis. Cerca di palleggiare con i piedi, ma non ci riesce. Il vento sposta la pallina di qua e di là e ne cambia continuamente la traiettoria, ma lei insiste. Indossa una tuta di jeans di qualche taglia più grande, che le toglie ogni forma gonfiandosi e sbatacchiando nel vento, e la rende simile a quelle grandi sagome riempite d’aria che ci sono di solito davanti ai centri commerciali o alle stazioni di servizio. Anche il ragazzo biondo di fronte a me sta lottando con il vento, cercando con ostinazione di leggere un’Australia confusa e spezzettata tra le pagine della sua guida che gli sfuggono di mano.

Ognuno ha la sua lotta personale, ripiegata tra le fibre dei muscoli, che ci rende incerti, sagome d’aria che riusciamo ad addomesticare solo appiattendole al suolo, solo togliendo loro l’anima, la vita. Tento di scribacchiare qualcosa, ma non ho idee, solo un vuoto ronzane. Questa, per ora, è la mia lotta.

The old Melbourne gaol. Braccio C. Silenzio e freddo che entra nelle ossa e stride. Per 142 anni questo posto è stato il bidone dell’immondizia della città. Immigrati assassini banditi ormai cera e cartapesta, maschere della morte, tra muri bianchi, logori, da dove il sangue è sparito ma le grida sono ancora tutte presenti, amalgamante all’intonaco. Mura piene di vita che raschia le pareti con unghie rotte di pianto, con eiaculazioni strette tra i denti, mura striate di sperma, di luridume e fruste schioccanti nell’aria ferma del pomeriggio assolato.

Alzare pareti di pietra, 1841, a contenere ciò che il mondo è diventato after the gold rush, niente pace, niente prosperità, ma piccole celle per chi alza la voce, mattatoio di membra e di membri ormai piccoli pezzi di carne inutile sui corpi appesi ad allungarsi il collo, l’ultima erezione a gridare la vita. Ne sono morti 135 in questa prigione, cappucci di tela per i più cattivi, per ucciderli molto prima della forca.

The old Melbourne gaol, simbolo dell’autorità della colonia, carcere modello, guai fiatare, come cristi appesi ad un filo, come ragni a scendere dal soffitto per morire muti.

Cammino piano. Getto gli occhi nelle celle senza finestre, rimbalzano sulle pareti di cemento come palline di gomma, senza trovare una via d’uscita, impazziti. Così devono aver fatto anche le urla dei condannati di cui rimangono poche parole sotto vetro, illuminate, a raccontare la loro storia e le loro maschere di morte, teste grigie e mute, senza capelli. Fatta Chiad, cella 26, Albert Williams detto Frederich Deeming, suo vicino di sospiri, ha ucciso moglie e quattro figli, li ha seppelliti sotto casa, impiccato a 37 anni. I miei passi nei corridoi tolgono il silenzio. Fred Jordan ha conosciuto sua moglie, la bella Minnie Crabtree in una giornata di trasparenze. Coppia felice, sorrisi e amore, piccole cose di tutti giorni, ma i giorni cambiano all’improvviso si fa buio e poi bere e ringhiare odio che ti cuoce dentro lo stomaco e lo buca. Piedi e mani che diventano di marmo e spaccano le ossa della bella Minnie. Una sera del 1894, Fred va a letto e si sveglia, il giorno dopo, con un cadavere accanto, muto di sangue.

The old Melbourne gaol, tante facce e tante storie di emarginazione, disagio, povertà e follia. Basilio Bonditto è rimasto muto per la durata di tutta la prigionia, silenzio di parole e di pensieri. Ucciso a 65 anni. Chiavi e lucchetti e l’armatura di Ned Kelly bandito down under, “così è la vita” ha detto, quando lo hanno beccato, c’est la vie e niente altro. Impiccato l’11 novembre 1880. Un’altra faccia di cera. Calchi di vite sparite, come i faraoni, ma niente feste e sarcofagi d’oro, solo polvere e sputi.

Chissà che faccia aveva quello che faceva queste maschere, faccia anonima, faccia da niente, faccia da cazzo. La sua maschera non è rimasta qui, è morto e basta, non lo potrò mai vedere, cancellato dalla storia.

Ma la follia rimane sulla carta patinata, “provate l’atmosfera spettrale e terribile del carcere, tendete l’orecchio, sembra quasi di sentire il cigolio delle catene dei carcerati”. Anche chi ha scritto questo opuscolo informativo verrà spazzato via dalla storia, o forse sarà l’ultima maschera, l’ultima erezione di questo inferno.

The old Melbourne gaol si dissolve nella luce della strada, là in fondo. Lascio il buio dietro di me ed entro nel mio carcere pieno di sole, e mi sento quasi fortunato.

Melbourne Central non è altro che perdersi tra persone smarrite negli acquisti di borse colorate e pacchetti di sogni. Non devo comperare niente, fare niente, passo da un piano all’altro scivolando su scale mobili silenziose e aria condizionata e tutto è pulito, lucido, finto. Tempo da buttare perché tra le mani è solo pesantezza, ingombro. Aspetto che il grande orologio d’oro Seiko batta l’ora e si apra con musichette da carosello. Aspetto, appoggiato alla ringhiera, di battere le mani come un idiota in questa festa di niente e di nessuno.

Rientro al campeggio, ma non riesco a partecipare alla musica e alla festa che qualcuno ha messo in faccia a questo giorno floscio. Le mani sui bonghi, lente, risvegliano la terra e pezzi di tempo nascosti nella notte del mondo e il basso dei didjeridoo chiama a raccolta gli spiriti ancestrali e piste di terra rossa calpestate da generazioni e generazioni di aborigeni sempre in marcia verso la propria identità sacra e immortale di nomadi instancabili. Due ragazze cercano nell’aria con mani e piedi scalzi danze che non conoscono e l’erba bagnata e disegni di candele sfrigolanti di luce gialla e tutti si scambiano gesti antichi e bottiglie di vino e offerte di sesso nelle tende colme di orgasmi e sacrifici da innalzare al cielo e agli dei. Io partecipo a distanza di sicurezza, come se stessi guardando un film. Non riesco ad uscire dalla macchina e ballare con loro. Bevo birra calda e mangio carote aspettando che il sonno mi catturi e mi porti via con la luna che è argento vivo nel cielo, quasi piena.

Sono troppo rilassato, di una rilassatezza che stanca, che scioglie i muscoli e me li fa cadere per terra lasciandomi con le ossa all’aria. E mi ritrovo, a volte, a camminare e ridere senza motivo, di quasi felicità, come un idiota, e non so se preoccuparmi o far finta di niente. Devo muovermi per tonificare le gambe. Devo andarmene anche da qui, per sopravvivere.

Il campeggio si è riempito di macchine e di tende e di gente. Fa freddo. Il vento gelido indurisce i corpi seminudi e tutti cercano nello zaino qualcosa di più pesante. Ci sono due tedeschi con uno strano camion, una specie di mezzo blindato dell’Afrika Korps. Ne ho già incontrato uno uguale da qualche parte in Nuova Zelanda anni fa, con dentro sempre due tedeschi. Forse li hanno svenduti alla fine della guerra e se gratti un po’ la vernice trovi ancora la svastica luccicante nella sua magia ossessiva ed ingombrante. Forse i loro genitori hanno combattuto chiusi lì dentro e lo hanno lasciato in eredità ai figli, perché la guerra non smettesse mai. Lei è una ex figlia dei fiori, con i pantaloni a zampa e i maglioni colorati fatti in casa che stonano sulla faccia asciutta e spigolosa e sui lunghi capelli grigi, mentre lui è un vecchietto esile ma eretto, di una fierezza germanica che salta all’occhio mentre si muove rigido, a piedi scalzi.

I ragazzi inglesi appena arrivati sono già a buon punto verso il coma etilico e giocano a pallone e lo hanno tirato anche contro la mia macchina, si sono scusati e hanno smesso perché so fare gli occhi molto cattivi, solo quelli, è l’unica cosa che ho per difendermi, e adesso si tagliano le basette l’un l’altro con piccole forbici di metallo, seduti davanti al loro furgone Volkswagen giallo ocra e ai cartoni di vino bianco rovesciati qua e là. Sono anche arrivate due ragazze con la solita Ford Falcon, la macchina dei backpackers. Hanno le facce da nulla, ma una ha belle spalle larghe, diritte, e bacino stretto, culo alto che scodinzola nei pantaloni corti, neri, e capezzoli rilassati in cima ad un notevole paio di tette che ciondolano libere sotto una maglietta bianca. Ha la voce grossa, non roca, ma grossa, metallica. Mi guarda, ogni tanto. L’altra ha lunghi capelli castani che si sfilacciano nel vento, gambe corte, da colombo, e culo piatto. Le tette le stanno su bene, piccole e appuntite contro la camicia. Non mi ha mai guardato.

Due ragazzi tatuati ridono e non hanno freddo nei loro toraci larghi e scolpiti e nudi. Passano e se ne vanno. Laggiù c’è sempre la ragazza rasata danzatrice di ritmi ancestrali e palleggiatrice senza futuro, con il suo viso quasi maschile e i pantaloni ampi di carne e di vento, i movimenti strappati dal fondo della notte, ancora bui e pieni di sonno.

Il tramonto è rosso e cade oltre gli alberi che circondano il campeggio portandosi via il rumore di ogni cosa. Anche il vento sembra muto. E le cose trapassate da questo silenzio si cristallizzano, perdono aggressività e mi sorridono. La ragazza rasata continua a giocare ma nel riflesso del sole sembra quasi immobile, rallentata, mentre il ragazzo biondo sta mangiando baked beans direttamente dalla scatola. E’ tutto così tranquillo, adesso, una serenità dolce si è distesa sopra tutto e tutti, una quasi pace che mi avvolge con gentilezza.

 

***

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/02/2016 da in feuilleton, ospiti, prosa, scritture con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: