perìgeion

un atto di poesia

Tiziana Ciaralli: Sottotitoli (inediti)

 

 

attacco-aereo

 

 

Dal poggiolo.
Un signore, un gatto.
Il primo si ferma e fa qualcosa
che ci vorrebbe il sonoro.
Ti aspettavi la grazia
per occuparne la salvezza:
giro di meraviglia dei due,
giù istoriato e l’altro su.
Intanto è una schiarita, a furia di silhouette feline.

Via cara

 

 

Era come stare in uno stato dove c’è la guerra.

(Fazzoletto annodato alla nuca per attutire il fragore dei bombardieri e per i lunghi capelli che non avrei pettinato per la guerra).
I nemici vestiti come gli amici.Gli alleati come Conti di Montecristo.
Il bellico della radio schierava le piantine
non le galline fuori batteria,
laddove l’aratura da proiettili,
da cui s’allineava un Verde Eterno
crepitava nella nebbia fitta
a mutarsi in pioggia gelata
fessa da cella galvanica.
Campagna aperta, come la guerra, tutto per aria
meno il fazzoletto che annodo alla nuca per i lunghi capelli che non avrei pettinato per la guerra.

Bergman a spasso con Edmond

 

 

Sai che vuol dire
quando sposto
determinabili cose?
Melograni nani, per esempio?
Dall’esterno all’interno?
Sbilancio idrico avviato,
gelo o tepore, tenui faccende.
E’ concepire.
E’ piacere.
Il mio di quel movimento di frutti.

Un saluto

 

 

Perché il pinguino ha le le ali
ma non sa volare, ma nuota
nella sua fusoliera.
Mi veniva in mente dove fosse Ontos
quando Gaia e Urano copulavano in continuazione.
Dovevano essere tutti mari allora.
Le terre emersero poi nei mali.

Invasione

 

 

Stivale dei miei stivali
perché mi sfuggi dietro?
Non ero alle calcagne.
Mio sire non ti preoccupare,
je suis très vite, avec demie vie.
Ti bacio il dorso della mano
per l’aurora che eri.
Salvo la palma, niente datteri
o insetti da caldo, rappresento
solo te, nella perdita di testa.
La tua palma, a coppa di seno
raccoglie acqua,
fra gli argentei fili sulle mandibole,
sulle gote in parte a trattenersi,
a non voler pensare
la discesa sulle labbra.

Bacio rinfrescante

 

 

Guaina sul bracciolo della poltrona.
Color nudo, sottilissima, umida.
Trama di cellule in movimento.
Ecco perché dimentico i vestiti.

Costume adamitico

 

 

Forbici arcuate; non certo un grappolo di vite.
Il colpo.
Tu saresti morto, morta, in quel ganghero
dove non ti ci saresti neanche messo, messa.
Il collettivo in una lama a scoprire leggi di fisica, non ancora intese.
Che occhi che avevi. Meraviglia dell’altro così recondita e accessibile talmente solo a te
che ne scorsi la tua, invero, negli occhi che avevi.
E vi parrà quello che a me si rivelò chance.

Un Uomo normale non ce la avrebbe fatta.

 

 

La raccolta inedita ‘Sottotitoli’ è una esperienza che dura da un po’.
L’ho intitolata così perché scelsi in modo istintivo di mettere il titolo del componimento alla fine, ai piedi dello stesso. Scelta che richiama la sottotitolazione, utilizzata per far partire un senso al posto di un altro, come per esempio quello della vista per i sordi. Per come lo intendo io, sottotitolare è prima di tutto lasciare una scelta interpretativa al lettore, che attraversa il testo fino alla mia indicazione definitiva, affidata appunto al sottotitolo. Può essere avvertito anche come ultimo verso. E va bene anche così, perchè in questa maniera declamerebbe una pausa che esiste e che si può ritenere giusta, appropriata. Ed è quella con cui si incamera fiato, si ingoia saliva alla fine. Il titolo può fermare l’esperienza.
(Libero lettore).

 

Qui altri testi di Tiziana Ciaralli su Perìgeion.

 

Annunci

3 commenti su “Tiziana Ciaralli: Sottotitoli (inediti)

  1. guidoq
    20/06/2016

    Come i Préludes di Debussy. Complimenti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/06/2016 da in ospiti, poesia, poesia italiana con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: