perìgeion

un atto di poesia

Fulvio Segato, ‘Sta mia difesa

 

segato_1024_x_768

 

di Francesco Tomada

 

Abbiamo già avuto modo in passato di incontrare la poesia di Fulvio Segato su queste pagine; l’occasione per ritornarci oggi è data dalla pubblicazione di ‘Sta mia difesa (Samuele Editore), una raccolta che, a differenza delle precedenti, è composta quasi esclusivamente da testi in dialetto triestino. Ed è, diciamolo subito, un libro bellissimo: è come se il dialetto avesse contribuito a rendere la poesia di Segato molto più istintiva, diretta e profonda, tracciando una linea diritta che dal vissuto porta le parole a materializzarsi sulle pagine. E’ questo, forse, un privilegio del dialetto in sé, a patto che l’autore ne abbia non solo la padronanza linguistica ma ne percorra il ritmo del pensiero e del sentimento, ed è ciò che si realizza in ‘Sta mia difesa, opera che eleva Fulvio Segato di diritto come ultimo esponente di quella tradizione che da Virgilio Giotti prosegue fino a Claudio Grisancich.

Come è giusto e logico, spesso la presentazione di un nuovo libro di poesia si accompagna alla pubblicazione di alcuni dei testi che ne fanno parte, in modo da fornire almeno un’idea di quello che il lettore potrebbe aspettarsi. A volte però ne basta uno, uno solo: di seguito potete leggere Come Tyrone Power (elegia per il padre), che fra l’altro è una prosa poetica e non propriamente una poesia, e dunque nella raccolta costituisce un elemento isolato quantomeno dal punto di vista formale. Si tratta però di un testo di grandissima potenza, che coagula su di sé l’atmosfera del libro, ne diventa esempio e vessillo, e permette di comprendere come Fulvio Segato abbia trovato quell’equilibrio tra urgenza e espressività che permette di piegare una lingua – o un dialetto in questo caso – per trasformarla in vera poesia.

 

***

 

Come Tyrone Power. (elegia per il padre)

 

Te son ancora là, Tyrone, con la sabia de la rena fra le scarpe, un timbro nel ciel, un tuffo fermo che par senza tempo, un sgrafo con la punta de ciodo su la piera de casa, su la porta de legno tenero e svodo dentro. Precisi semo stai per branchie e gabia de coste, larga e profonda, che la sera un cuor picio de far cresser co’ calma in -t-ei ani scavalcando el secolo, le sbare bianche e rosse tirade via cussì da passar come fa le bestie e cressi le piante, che non nassi coi confini; el Moplen, el duplex sempre ocupà, le sedie de formica con le zate de aluminio, la solita tovaia de plastica a fioroni coi cerci scuri de le brusadure, la luce in cusina de scarse candele che no la iera mai splendente.

A volte te vegno a trovar, sempre de meno, el tuo viso xe el solito, xe el mio riflesso in-te-le lastre co camino pel Viale, a Barcola, xe quel viso, su fin a Monte Grisa, sempre quel e me adeguo a questo cambiamento, picio, casalingo, de camera in camera, come andar sempre per quel coridoio, dove ghe iera solo i tubi de la stua, e una piantina finta sul termosifon che no’ podeva scaldar, e me adeguo a lo spazio fra le vertebre, al svodo del peso su la schena de non gaverte portà.

E me saria piasso gaver gavù ‘na giornada solo per noi do, una giornada a caso ciolta dal calendario – andar tranquili ciacolando co’ le man in scarsela, guardando i altri; chi che passava, chi che svolava, chi pian germinava, cussì, senza furia. O spetar ziti la vose dela prima cincia per capir che oramai iera spuntà el giorno e la note maceria e ne sentivimo lontan l’eco.

Tuto questo no xe mai suceso, xe rimasto de far, mai nato e desso che sento forti i rumori dei croli e la polvere me fa lagrimar, no me resta che trovar ‘na frase, ‘na parola o verbo per meterme in pase, per gaver quela sensasion de calma che se ga co la neve la vien improvisa.

E voleria desso anca cior el spadin e batagliar co’l nemico, quela bestia cussì granda, quel toro nero de carne e sangue e corni puntadi, zocoli che raspa la sabia. Spetar le zinque de ‘na sera de setembre co’ ancora el caldo del sol su la schena, e dopo decider… ma no cussì, ‘sto perderse nel fumo, tra le nuvole che no le parla, le foie mute, ‘sto toco de secolo che ‘no xe preludio de un canto, ma abandono e scoramento, gente persa che vaga, altra che par piturada coi pastei ne l’aria svoda. Xe solo ‘sta sabia che no la ga mai fine, umida come un baso, una man strenta in estate, una ganasa rigada – xe el respiro de la bestia, el naso slargà per respirar tuto el mondo e tornarlo caldo, doprà, passado fra polmoni che no xe nostri, osigeno che no ne ga sazià – infilzarla ‘sta bestia maledeta, rivar a la fine de ‘sta rena, sbarcar i un altra tera, suta.

E quando poso el piron su la carta che go scrito, la se sporca, xe de le macie che le par come isole, un arcipelago visto da l’alto, e vien torno gente che sbati le porte, che i varda dentro la pignata che fa vapor, come nuvole sul mar, i soridi, i stenzi i oci, i storzi la boca e i parla pian fra de lori e i me varda senza dirme niente e i sfregola el pan in scarsela.

Te son sta anche questo, la mancanza, l’omision, e ne l’ultimo giorno del tuo tempo respirado mi no ghe iero, te son come un vel davanti i oci, do man legere pozade sul viso.

Te son rivà a eser per sempre. Po’ i ga fato strade, larghe, infinite, e ponti tra sponde e nazioni e altri li ga butadi zo e fata altra polvere e macerie.

Te son rivà a esser mi stesso, coi zocoli ben piantadi dentro la mia tera, el peto forte che te me ga lassà e sta tua vanità dei cavei lustri petinadi per indrio co’ la riga, te andavi su e zo pel molo Audace e gnanche el vento più forte te spetinava, e te lassavi drio de ti un niente del tuo dopobarba, l’ Old Spice, come gaveva i inglesi aleati che te me contavi sempre, finché un giorno i xe andadi tuti via, nel ’54, partidi co’ le navi dal stesso molo.

E te son andà fra tute le robe nate e finide, fra tuti i novi vivi e i novi morti, e quante volte le rondini ga zigà sora de ti e l’erba la te xe cresuda intorno e co’ mastigade forti la ga roto sassi e zemento.

Alora resteremo mi e ti fin quando no sbiadirà de tuto ‘sta foto, quela dove che te me tien in brazo, co’ un rider complice, in ‘sta nostra lingua comune che tuta la cità la parla e no sa scriver, dentro la carne viva, nel stesso patto fato a l’inizio, da una parte a l’altra de ‘sto fil ingropà co’ i longhi ani de silenzio,

– cussì, fin a sbiadir –

e ghe dirò ai gelsomini co’ quel picio bianco che i ga,*

che anche ti, come tute le mie robe, te son diventà ‘sta mia difesa.

 

* F.Garcia Lorca da “Alle cinque della sera”

 

*

 

Sei ancora lì, Tyrone, con la sabbia della rena fra le scarpe, un timbro nel cielo, un tuffo fermo che sembra senza tempo, uno sgrafo con la punta di chiodo sulla pietra di casa, sulla porta di legno tenero e vuoto dentro. Uguali siamo stati per branchie e gabbia di costole, larga e profonda, che chiude un cuore piccolo da far crescere con calma negli anni scavalcando il secolo, le sbarre bianche e rosse tirate via così da passare come fanno le bestie e crescono le piante, che non nascono sui confini; il Moplen, il duplex sempre occupato, le sedie di fòrmica con le gambe d’alluminio, la solita tovaglia di plastica a fioroni coi cerchi scuri delle bruciature, la luce in cucina di pochi watt che non era mai splendente.

A volte ti vengo a trovare, sempre di meno, il tuo viso è il solito, è il mio riflesso nelle lastre quando cammino per il Viale, a Barcola, è quel viso, su fino a Monte Grisa, sempre quello e mi adeguo a questo cambiamento, piccolo, casalingo, da camera in camera, come andare sempre per quel corridoio, dove c’erano solo i tubi della stufa e una piantina finta sul termosifone che non poteva scaldare, e mi adeguo allo spazio fra le vertebre, al vuoto del peso sulla schiena per non averti portato.

E mi sarebbe piaciuto aver avuto una giornata solo per noi due, una giornata a caso presa dal calendario – andare tranquilli chiacchierando con le mani in tasca, guardando gli altri, chi passava, chi volava, chi piano germinava, così, senza fretta. O aspettare zitti la voce della prima cincia per capire che ormai era spuntato il giorno e la notte maceria, e ne sentivamo lontano l’eco.

Tutto questo non è mai successo, è rimasto da fare, mai nato e adesso che sento forti i rumori dei crolli e la polvere mi fa lacrimare, non mi resta che trovare una frase, una parola o verbo per mettermi in pace, per avere quella sensazione di calma che si ha quando la neve viene improvvisa.

E vorrei adesso anche prendere lo spadino e battagliare col nemico, quella bestia così grande, quel toro nero di carne e sangue e corna puntate, zoccoli che raspano la sabbia. Aspettare le cinque di una sera di settembre con il caldo del sole sulla schiena e dopo decidere…ma non così, questo perdersi nel fumo, tra le nuvole che non parlano, le foglie mute, questo pezzo di secolo che non è preludio di un canto, ma abbandono e scoramento, gente persa che vaga, altri che sembrano pitturati con i pastelli nell’aria vuota. C’è solo questa sabbia che non ha mai fine, umida come un bacio, una mano stretta in estate, una guancia rigata – è il respiro della bestia, le narici allargate per respirare tutto il mondo e tornarcelo caldo, usato, passando tra polmoni che non sono nostri, ossigeno che non ci ha saziato – infilzarla questa bestia maledetta, arrivare alla fine della rena, sbarcare in un’altra terra, asciutta.

E quando appoggio la forchetta sulla carta che ho scritto, si sporca, ci sono delle macchie che sembrano isole, un arcipelago visto dall’alto, e vengono attorno persone che sbattono le porte, guardano dentro la pignatta che fa vapore, come nuvole sul mare, sorridono, strizzano gli occhi, storcono la bocca, parlano fra loro e mi guardano senza dire niente sfregolando il pane nella tasca.

Sei stato anche questo; la mancanza. l’omissione e nell’ultimo giorno del tuo tempo respirato io non c’ero, sei come un velo davanti agli occhi due mani leggere appoggiate sul viso.

Sei riuscito ad essere per sempre. Poi hanno costruito strade, larghe, infinite, e ponti tra sponde e nazioni e altri li hanno abbattuti e fatta ancora polvere e macerie.

Sei riuscito ad essere me stesso, con gli zoccoli ben piantati dentro la mia terra, il petto forte che mi hai lasciato e questa tua vanità nei capelli lucidi pettinati all’indietro con la riga; andavi su e giù per il molo Audace e nemmeno il vento più forte ti spettinava e lasciavi dietro di te un niente del tuo dopobarba, Old Spice, come avevano gli inglesi alleati che mi raccontavi sempre, finché un giorno sono andati tutti via, nel’54, partiti con le navi dallo stesso molo.

E sei andato fra tutte le cose nate e finite, fra tutti nuovi vivi e i nuovi morti, e quante volte le rondini hanno urlato sopra di te e l’erba è ti è cresciuta intorno e con forti morsi ha rotto sassi e cemento.

Allora resteremo tu ed io fino a quando non sbiadirà del tutto questa foto dove mi tieni in braccio, con un ridere complice, in questa nostra lingua che tutta la città parla e non sa scrivere, dentro la carne viva, nello stesso patto fatto all’inizio, da una parte all’altra di questo filo annodato con i lunghi anni di silenzio,

– così, fino a sbiadire –

e dirò ai gelsomini col loro piccolo bianco

che anche tu, come tutte le mie cose, sei diventato questa mia difesa.

***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/06/2016 da in poesia, poesia dialettale, scritture con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: