perìgeion

un atto di poesia

Casa a Lubiana

 

hisa

 

di Francesco Tomada

 

Lo scorso mese di maggio ho avuto la fortuna di partecipare a un laboratorio di traduzione poetica organizzato da La casa di carta / Papirnata hiša presso l’Hostel Celica, Galerija Srečišče, a Lubiana, con Veronika Simoniti, Kristina Jurkovič e Peter Semolič. So di non poter riportare qui il piacere della condivisione, ma almeno c’è la possibilità di farvi conoscere i testi dei tre poeti sloveni che hanno partecipato, con le traduzioni frutto del lavoro congiunto della giornata.

Altre informazioni sugli autori coinvolti e sulle iniziative lubianesi sui siti di La casa di carta / Papirnata hiša e della rivista Poiesis.

 

***

 

andraz

 

Andraž Polič (tradotte con Marina Moretti e Veronika Simoniti)

 

TEMNEČE GAZELE

 

I.

 

Nebo je najina soba v tem poletju,

ko pol sveta beži čez zastražene meje

in druga polovica išče starodavni kompas …

Nebo je najina soba v tem poletju,

 

ki se počasi plazi skozi deževne oblake.

 

II.

 

Dnevi so spolzeli na poti iz mehiških pobegov –

noč je bila sončna oddaljenost znanega glasu.

Sedaj zvezda na kapi žari volneno –

njena lepota je zelena uročenost za kite,

 

ki plavajo okoli Horna počasi in vztrajno v svojo smer.

 

III.

 

Stojiš na mostu med bregovoma,

ko te kliče pogum za odkrito dejanje:

je čas prehajanja drugam … si v pesmi? –

obstaneš in strmiš v brzice – in je nevarno,

 

s svetlobo v očeh s pesmijo greš.

 

IV.

 

Izmerjen srčni utrip: sto štiri udarci na minuto!

Ko popkovino pretrgajo otroci,

ki plavajo za svojim imenom čez daljna morja,

se preštevajo levkociti v dnevu žena na mokri cesti …

 

ekrani gorijo kot knjige obrazov.

 

V.

 

Svinčnik nosi svinčen izbris v sebi –

pisave so mandale razpuščene v času …

tisočletja star papirus na himalajskem snegu

je pesem tihe snežinke na ustih:

 

večni bralec pleše v barvah samoglasnikov.

 

VI.

 

Poleg tebe je speči, ko ležeš v sanje,

da jih pogostiš za neznano nočitev.

Puščavsko utripaš kot svetla Večernica.

Jasnovidna tišina poraja mir … in dihaš,

 

dihaš v očesu vesoljne hitrosti.

 

 

STANZE OSCURE

 

I.

 

Il cielo è la nostra stanza quest’estate,

quando metà del mondo fugge passando per confini presidiati

e l’altra metà cerca l’antica bussola …

il cielo è la nostra stanza quest’estate

 

che scivola lentamente attraverso le nuvole piovigginose.

 

II.

 

I giorni sono scivolati dalle fughe messicane

la notte era la distanza soleggiata di una voce nota.

Adesso la stella sul cappello brilla come pura lana –

la sua bellezza è un verde sortilegio per le balene

 

che nuotano intorno a Capo Horn, lente e ostinate nella loro direzione.

 

III.

 

Stai sul ponte tra due rive

quando ti chiama il coraggio di un fatto sincero:

è tempo per passare altrove… stai in un poema?

ti fermi e fissi le rapide – ed è pericoloso,

 

te ne vai con la luce negli occhi.

 

IV.

 

Il battito del cuore misurato: centoquattro pulsazioni al minuto!

Quando a rompere il cordone ombelicale sono i bambini

che nuotano dietro al proprio nome attraverso mari lontani

si contano il leucociti nel giorno delle donne su una strada bagnata…

 

gli schermi bruciano come i libri dei volti.

 

V.

La matita porta in sé una plumbea cancellatura –

le scritture sono mandala dissolti nel tempo…

il papiro millenario sulla neve himalaiana

è la canzone di un fiocco di neve sulla bocca:

 

il lettore eterno balla nei colori delle vocali.

 

VI.

 

Accanto a te c’è un dormiente quando ti sdrai nei sogni

Perché tu li ospiti per un pernottamento sconosciuto.

Pulsi a mo’ di deserto come la limpida di Stella della Sera.

Un chiaro silenzio fa nascere la pace… e respiri,

 

respiri nell’occhio della velocità cosmica.

 

Andraž Polič è poeta, musicista, compositore e attore. Finora ha pubblicato tredici raccolte di poesia; l’ultima, Ona je mesto, è uscita nel 2013. Molte delle sue poesie sono tradotte in lingue straniere. È ricca anche la sua produzione musicale: ha scritto musica per piú di dieci spettacoli teatrali in Slovenia e all’estero e per alcune pellicole. Nel 2002 ha fondato il gruppo Hamlet ekspress con la quale ha pubblicato diversi cd. Ha collaborato anche al progetto «Odpeti». È membro della rivista Poetikon. Dal 2009 vive e lavora a Praga dove si esibisce nel Divadlo Kompa (Siesto teatro), insieme a Nataša Burger nel duetto Duo La Boheme o da solo come Polo De Bard.

***

 

tone

 

Tone Škrjanec (tradotte con Luisa Gastaldo e Peter Semolič)

 

NEBO JE ŠOTOR

 

noči ni. noč delamo. naredimo jo. zvezde so,

čeprav občasno in v glavnem nevidne.

verjetno je nekje nebo in zvezde so njegova podlaga. monika je.

ima oči in z njimi riše Portoriko po beli po beli beli podlagi.

spomnim se portoričanov, majhni in zoprni,

nože nosijo in bele nogavice.

nebo je navadno toplo in rože so plave, lahko tudi smrdljive in se

odmikajo od samih sebe. samega sebe ni. sam sebe zapre v škatlo

in se gre avtodestrukcijo.

žile so zato, da te namakajo. krvi so navadno rdeče kot kremplji.

brez njih si nemočen. močen pa si ali nisi.

prosim koliko je ura, koliko časa je še, in ali sploh je čas?

imam nekaj kupov knjig, da si z njimi podlagam glavo in slabo vest.

Monika ima jogurt v lončku na katerem piše da je kefir,

torej ni jogurt. jaz utrujen in razmišljam o nekih globalnih problemih.

če imaš nož nimaš oči. oči so vedno in povsod blaga oblika svetlobe.

noč je izredno ogromna in črna.

blebetati o zvezdah je izredno sentimentalno

in neodgovorno. nebo je šotor. luči ni. ne se me dotikat

 

 

IL CIELO E’ UNA TENDA

 

la notte non c’è. la notte la facciamo noi. la creiamo. le stelle ci sono

anche se saltuariamente e per lo più invisibili.

probabilmente c’è il cielo da qualche parte e le stelle sono la sua base. monika c’è.

ha gli occhi e con essi disegna Porto Rico su una superficie bianca, superficie bianca bianca.

mi ricordo i portoricani, piccoli e fastidiosi,

portano con sé coltelli e calzini bianchi.

di solito il cielo è caldo e i fiori sono azzurri, possono essere anche puzzolenti e si

allontanano da loro stessi. sé stesso non c’è. sé stesso chiude sé stesso in una scatola

e gioca all’autodistruzione.

le vene ci sono per bagnarti. i sangui di solito sono rossi come artigli.

senza di loro sei impotente. e forte lo sei o non lo sei.

per favore che ore sono, quanto tempo manca, e c’è ancora del tempo?

ho qualche mucchio di libri da mettere sotto la testa e sotto la mia brutta coscienza.

Monika ha lo yogurt in vasetto sul quale c’è scritto che è chefir,

allora non è yogurt. io stanco, pensando a certi problemi globali.

se hai un coltello non hai occhi. gli occhi sono sempre e dappertutto una mite forma di luce.

la notte è eccezionalmente enorme e nera.

farneticare sulle stelle è eccezionalmente sentimentale

e irresponsabile. il cielo è una tenda. la luce non c’è. non mi toccare

 

 

KUPI MEHKO MAJICO

 

Ne išči jelenov ob avtocesti.

Hitimo, ne pozabi na lepoto.

Glej kaplje dežja, ki se svaljkajo

po vetrobranskem steklu.

Poslušaj tišino, če jo najdeš

kje skrito med oblaki. Položi

roko narahlo na žamet. Ne

pozabi na lepoto, ko hitiš.

Hitrost je napaka, ki se dogaja.

Počasi se sprehodi po koži

in na njej s prstom nariši neskončnost.

Poljubi popek. Naredi še kaj

telesnega. Dotakni se glasbe.

Reci, naredi muziko, da se je

dotaknem s celim telesom.

Zavrni postopke uničevanja.

Kupi mehko majico. Naj bo to

tvoja nova domovina.

 

 

COMPRA UNA MAGLIETTA MORBIDA

 

Non cercare cervi lungo l’autostrada.

Corriamo, non dimenticare la bellezza.

Guarda le gocce di pioggia che rotolano

sul parabrezza.

Ascolta il silenzio se lo trovi

nascosto da qualche parte tra le nuvole. Poggia

lievemente la mano sul velluto. Non

dimenticare la bellezza mentre corri.

La velocità è uno sbaglio che succede.

Incamminati lentamente sulla pelle

e disegnaci con un dito l’eternità.

Bacia l’ombelico. Fa’ ancora qualcosa

di corporeo. Tocca la musica.

Di’, fa’ la musica perché io la

tocchi con l’intero corpo.

Rifiuta i procedimenti di distruzione.

Compra una maglietta morbida. Che ciò sia

la tua nuova patria.

 

Tone Škrjanec (Lubiana, 1953), poeta e traduttore, ha pubblicato nove raccolte di lirica, la prima, Blues zamaha, nel 1997, e l’ultima, Sladke pogačice, nel 2015. Nel 2012 è uscito il volume con le sue poesie scelte, V zraku so šumi: izbrane in zelo stare pesmi. All’estero sono usciti sette suoi libri di poesia ed è rappresentato in numerose antologie in Slovenia e altrove. Ha pubblicato anche un disco di musica, Lovljenje ritma, e ha collaborato alla realizzazione di due dischi di musica e poesia (Košček hrupa in ščepec soli, Pri besedi z glasom in zvokom). Traduce poesia in sloveno dall’inglese, dal croato e dal serbo.

***

 

kaja

 

Kaja Teržan (tradotte con Francesco Tomada e Kristina Jurkovič)

 

Dnevi so kratki,

želje pa dolge, napete koprene

med razobešenimi palicami pod stropom

nizko nad glavami.

Najtežje je biti iskren do svojih sovražnikov;

lahko ti namreč postanejo naklonjeni.

Kdo bi to hotel; v deželi vojn

je ravnovesje enako pomembno.

In vsakič, ko rečeš NE, se v mojih pljučih

zmanjša pretok kisika in na kup zbiram

zaveznike iz sosednjih organov, da bi

kakor samurajke, za čast, ne slavo,

postali zadnja vojska

pred popolnim uničenjem.

Potem pa spet tisti nasmeh, ki ga

pošiljaš pred sabo, na sredo bojišča,

namesto palic, kopja, meča, pušk.

In boli bolj in smeši bolj in vidim te

golega. Samo človek, brez spola,

celo brez telesa, ki bi ga zeblo. Pametno

si ga spravil, balzamiral vnaprej, da ne bi

kdo česa pozabil ali se zmotil pri zaporedju.

Izdolben format življenja; prepojen s soljo,

smolo, začimbami … kdo bi še hotel

večno živeti, ko pa lahko toliko poveš

z dramatičnim koncem in ko vsi vemo,

da ta ne obstaja in da ni niti tebe niti mene,

ko se tisoč vetrov vrtinči v spiralo in opravi

s hišami in poslopji vseh vrst in se v prazni

pokrajini napolni kotanja z deževnico za nekaj

novega …

 

*

 

I giorni sono brevi,

e i desideri lunghi veli e tesi

fra i bastoni appesi sotto il soffitto

subito sopra la testa.

Ė difficile essere sinceri con i propri nemici;

potrebbero infatti  farsi benevoli verso di te.

Chi lo vorrebbe? Nel paese delle guerre

l’equilibrio è altrettanto importante.

E ogni volta che dici di NO, nei miei polmoni

il flusso di ossigeno diminuisce e raccolgo

alleati dagli organi vicini, in modo che

come donne samurai, per onore non per gloria,

diventino l’ultima armata

prima della completa distruzione.

E poi di nuovo quel sorriso

che spingi davanti a te, in mezzo al campo di battaglia

al posto di bastoni, lance, spade, fucili.

E fa più male e rende ridicoli e ti vedo

nudo. Solo una persona, senza sesso,

persino senza un corpo che senta freddo. Saggiamente

lo hai riposto, lo hai imbalsamato prima che

qualcuno dimenticasse qualcosa o si sbagliasse a ordinare.

La forma svuotata della vita; impregnata di sale,

resina, spezie… chi vorrebbe ancora

vivere per sempre, se si può dire così tanto

con un finale drammatico e se tutti sappiamo

che questo non esiste e non ci sono né un io né un tu,

quando mille venti soffiano a spirale e la fanno finita

con case ed edifici di ogni tipo e quando nel paesaggio

vuoto la buca si riempie di acqua piovana per qualche cosa

di nuovo…

 

 

DELTA

 

Na preprogi vonj

po mokrem pesku

in upanje očeta.

Izbira je tvoja, reče.

Na konec sveta

ne moreš sam,

lahko pa na poti

sam umreš.

Saj! spomnim se ženske,

ki je tako umrla.

Obstaja školjka iz reke,

ki vsebuje ta moment.

In morje.

 

 

DELTA

 

Sul tappeto odore

di sabbia umida

e la speranza di un padre.

La scelta è tua, dice.

Fino alla fine del mondo

non puoi andare da solo,

ma lungo la strada

puoi morire da solo.

Vero! Ricordo una donna

che è morta così.

Esiste una conchiglia nel fiume

che trattiene quell’attimo.

E il mare.

 

Kaja Teržan (1986) è una creatrice e perfomer; una volta si occupava soprattutto di danza ma poi la vita volle che il ballo cedesse posto alla poesia ovvero si trasformasse in essa. È nata così la raccolta di poesie Delta, uscita presso il Center za slovensko književnost. Lavora in un asilo nido.

***

 

 

 

Annunci

6 commenti su “Casa a Lubiana

  1. Antonio Devicienti
    11/07/2016

    Sono felice ogni volta che Perìgeion riesce ad affacciarsi su altre lingue: per me questo si chiama ossigeno.

    Liked by 3 people

  2. francescotomada
    11/07/2016

    Anche io, Antonio.
    E’ chiaro che l’italiano è la nostra lingua e insieme l’espressione della nostra cultura, ma bisogna cercare anche di aprire le finestre, per quanto si può e si riesce. E la realtà slovena è davvero molto interessante.

    Francesco

    Liked by 3 people

  3. vengodalmare
    12/07/2016

    Grazie della luce che vi risplende.

    Mi piace

  4. vengodalmare
    12/07/2016

    L’ha ribloggato su vengodalmare.

    Mi piace

  5. ninoiacovella
    13/07/2016

    Otto anni fa scoprii Lubiana: una perla.
    Sapere che in queste città convergono anche tali scritture mi fa venire la voglia di tornarci. E di corsa.
    Concordo con Antonio. Ciò che arriva fuori dai nostri confini raramente ci tradisce.

    Mi piace

  6. christiantito
    28/07/2016

    Non dimentichiamo la bellezza…

    Grazie Francesco.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: