perìgeion

un atto di poesia

Davide Romagnoli, inediti

 

 

romagnoli

 

 

 

EL SILENSI D’I FÖJ DRUÂ

 

Pödi guardà fin due riven i me öcc

e podì dumà parlà cui parol che g’ù

le pell che cunussi l’e quela c’ù tucâ:

i und di foss che pichen sui sass

el rümur d’i machin che scapen via

e la müsica di röd che sfrusen l’asfâlt

insema a quela di caress ch’emm traj li

tra l’erba, i câ e la rüdera su la riva.

 

Ghe sun anca mi però su la strada

e n’e l’acqua che la se specia ni me öcc

sul burd de la strada dopu ch’e l’à pioöû:

se möv poi’n quajcoss, forse j tremen,

la tera la se mova semper

anca se passa nisön de fianc.

Te guardet i rob e t’la sè: anca i rob

te guarden vèss spirit che’l se möva.

 

 

Posso guardare fino a dove arrivano i miei occhi

e posso solo parlare con le parole che so

la pelle che conosco è quella che ho toccato:

le onde dei fossi che picchiano sui sassi

il rumore delle macchine che scappano via

e la musica delle ruote che sfregano l’asfalto

insieme a quella delle carezze che abbiamo buttato li

tra l’erba, le case e la spazzatura sulla riva.

 

Ci sono anche io però sulla strada

e nell’acqua che si specchia nei miei occhi

sul bordo della strada dopo che ha piovuto:

si muove poi qualcosa, forse tremano,

la terra si muove sempre

anche se non passa nessuno di fianco.

Guardi le cose e lo sai: anche le cose

ti guardano essere spirito che si muove.

 

***

 

Parlà del nient, cumprend el nient

e vardà tüti i fàcc del noster vèss

curiandul nel vent apèna passâ

slisà via n’i curtil di noster cà.

 

Emm capì no cume druà el noster fià

e i culur che ghè resten per pitürà

i pagin del noster dumandà amò

e fin a la fin se ghèm de dì

 

per viv insema a tüt quel che passa

e che’l passarà, forse, anca de chi.

 

 

Parlare del niente, comprendere il niente

e guardare tutte le facce del nostro essere

coriandoli nel vento appena passato

scivolato via nei cortili delle nostre case.

 

Non abbiamo capito come usare il nostro fiato

e i colori che ci restano per pitturare

le pagine del nostro domandarci ancora

e fino alla fine cosa dobbiamo dire

 

per vivere insieme a tutto quello che passa

e che passerà, forse, anche di qui.

 

***

 

Te me parlet del viv e mi te respundi

cui parol che su e i fras in cui credi

cui pensè che u truà o u faj su cul temp

e tut quel che’l gira inturna al vess chi.

 

Te me parlet e vuraria respund cul silensi

per scultà la me vûs che la vusa fort

e ghe un sacc de roba che capisi no

tra el destin, la vita, el giust e’l sbagliâ

 

G’ò in man un bicer e’l guardi moves

bala el giass in sul fund e me perdi amò

in quel che sò e nel me passâ che’l gira

 

nel temp che passa e n’i parol che disi

n’i facc che vardi e che pensi visin,

nel spegg, n’i to occ, nel vent che’l bufa

e nel nient che’l sona amò de luntan.

 

In sacocia tegni i caress e i paròl tasüû

vu via in svelt ne la nòtt che la cambia pass

prima che la pacia via tut cume el piatt

che te sforset de finì dumà per curtesia.

 

 

Mi parli del vivere e io ti rispondo

con le parole che so e le frasi in cui credo

coi pensieri che ho trovato o ho creato col tempo

e tutto quello che gira intorno all’essere qui

 

Mi parli e io vorrei rispondere col silenzio

per ascoltare la mia voce che urla forte

e c’è un sacco di roba che non capisco

tra il destino, la vita, il giusto e lo sbagliato.

 

Ho in mano un bicchiere e lo guardo muoversi

ballare il ghiaccio sul fondo e mi perdo ancora

in quello che dico e nel mio passato che gira

 

nel tempo che passa e nelle parole che dico

nelle facce che guardo e che penso vicino

nello specchio, nei tuoi occhi, nel vento che soffia

e nel niente che risuona ancora di lontano.

 

In tasca tengo le carezze e le parole taciute

vado via alla svelta nella notte che cambia passo

prima che divori via tutto come il piatto

che ti sforzi di finire solo per cortesia.

 

***

 

Ú sligâ i pensê

j ù purtâ due pissen i can

sunàven i caden al vent

Ú sligâ i pensê

m’han purtâ due pissen i can

i fümm de la cità gh’eren pü

e’l ghèra l’udur d’i prâ

Ú sligâ tütt

e sun scarligâ in tera

burlâ giò di scal del mund

che cunusevi da temp

la lüna à sligâ i stell

rigulen via cume i gatt in sò i tett

d’i cà de quand serum fiulètt

gheren anca i bèi cansùn

prövi a dì quei j’eren

ma l’è dificil,

se recordi dumà el balà.

 

 

Ho slegato i pensieri

li ho portati dove pisciano i cani

suonavano le catene al vento

Ho slegato i pensieri

mi hanno portato dove pisciano i cani

i fumi della città non c’erano più

c’era l’odore dei prati.

Ho slegato tutto

e sono caduto per terra

caduto dalle scale del mondo

che conoscevo da tempo

La luna ha slegato le stelle

scappano via come i gatti sui tetti

delle case di quando eravamo bambini

c’erano anche le belle canzoni

provo a dire quali erano

ma è difficile,

mi ricordo solo il ballare

 

***

 

Le la m’a dì “Te cunùset Satie?”

“Dumà i Gymnopedie” gù dì

“ma sun amò giùin e pödi imparà”.

El piano l’è minga inscì dificil,

ù pensâ, ghe dumà el bianc e’l nêr

cume i pagin d’i puesî

c’ò legiû fin da fiulètt

e che m’han fài imparà,

cume a lêg, a scrîv,

a fa’l brau e a fà de cunt.

Ma i sò man se möven cume i sò öcc.

Pian.

Rèsten ferma su chi nöt lì:

sun mì che guardi e me mövi

cume el mûnd:

sensa nanca savel.

 

 

Lei mi dice: “Conosci Satie?”

“Solo le Gymnopedie” le ho detto

“ma sono ancora giovane e posso imparare”.

Il piano non è mica così difficile,

ho pensato, c’è solo il bianco e il nero

come le pagine delle poesie

che ho letto fin da bambino

e che mi han fatto imparare,

come a leggere, a scrivere

a fare il bravo e a fare di conto.

Ma le sue mani si muovono come i suoi occhi.

Piano.

Restano ferme su quelle note:

sono io che guardo e mi muovo

come il mondo:

senza neanche saperlo.

 

***

 

Nümm semm in fund che semm dumà sabia

La misüra antica del noster imparà a viv.

Passa tutt de fianc e dedrè a chel veder:

facc j passen, câ, rutund, ann e tusan.

E nüm sem dumà che la sabia chi

che la se gira e rigira

cume nel lett

la dumenica matina

quand sònen i campàn.

O dumà la metafura de quel che disum.

Dumà tutt quel che’l ghe resta.

 

 

Noi in fondo sappiamo che siamo solo sabbia

La misura del nostro imparare a vivere.

Passa tutto di fianco e dietro quel vetro:

facce passano, case, rotonde, anni e ragazze.

E noi siamo solo la sabbia

che si gira e rigira

come nel letto

la domenica mattina

mentre suonano le campane.

O solo la metafora di quel che diciamo.

Solo tutto quello che ci resta.

 

***

 

Nass, cress, namurass. E pö murì.

Forsi l’è inscì che se el va avanti el mûnd:

cume tüti i stori ch’emm legiû

El se rump un quajcoss nel nurmal

el se acenda el desideri, pian,

cume una stufa lenta a scaldass.

El riva el cald del mument

i öcc e i parol che te diset viv

la lüs che te spetet luminûsa.

Inturna a ghè la nebia

e pussè in la el mar e i muntagn.

E pussè luntan amò

la ghe sarà pö la fin

che la ghe speta

cunt un specc in man.

 

 

Nascere, crescere, innamorarsi. E poi morire.

Forse è così che va avanti il mondo:

come tutte le storie che abbiamo letto.

Si rompe un qualcosa nel normale

si accende il desiderio, piano,

come una stufa lenta a scaldarsi.

Arriva il caldo del momento

gli occhi e le parole che dici vivi

la luce che aspetti luminosa.

Intorno c’è sempre la nebbia

e più lontano il mare e le montagne.

E ancora più lontano

ci sarà poi la fine

che ci aspetta

con uno specchio in mano.

 

***

 

I mess stagiun del vîv

N’i mes stagiun del viv semm tüti indrè o avanti

tra curr e’l sta ferma, negâ in riva e nudà al larg

e quand te vöret dumà una man che la sfiura

che la passa tra i tò cavei e tra i to man

la va via un’altra parola de trop

candela e föja nel vent solit del temp.

Quel che ghem de dì el tasum pian per una vita

e quel che ghè de tasè el trèm föra de gett

cume un pom mess verd trâ giù trop prest

la misura di robb la se luntana de poc

tüti i volt che disum che gl’èmm,

ch’èmm capì cume vess cuntent.

I muntagn j ghe guarden sbüsa de galerî

ma la nev la ghe borla amò giò adoss

e piöv n’i noster bicer adess cume ier.

Quel ch’èmm sugnâ de tegni luntan

al ripar del cöer e dai gutt culurâ

de quan’el piöv in mes a la festa.

Adess te me guardet pü

e’l ghè un rebelott de parol e silensi

ch’j resten li nel vent

druà trop prest e bufà via

in un quaj temp che su nò

ma che riessum amò a ciamà inverna.

 

 

Le mezze stagioni del vivere

Nelle mezze stagioni del vivere siamo tutti indietro o avanti

tra il correre e lo stare fermi, annegare a riva o nuotare al largo

e quando vuoi solo una mano che ti sfiori

che passi tra i tuoi capelli e tra le tue mani

va via un’altra parola di troppo

candela e foglia nel vento solito del tempo.

Quello che abbiamo da dire lo tacciamo piano per una vita

e quel che c’è da tacere lo buttiamo fuori di getto

come una mela mezza verde tirata giù troppo presto,

la misura delle cose si allontana di poco

tutte le volte che diciamo che ce l’abbiamo,

che abbiamo capito come essere felici.

Le montagne ci guardano traforate dalle gallerie

ma la neve continua a caderci addosso

e piove nei nostri bicchieri adesso come ieri.

Quello che abbiamo sognato di tenere lontano

al riparo dal cuore e dalle gocce colorate

di quando piove in mezzo alla festa.

Adesso non mi guardi più

e c’è un casino di parole e silenzio

che restano li nel vento

usato troppo presto e soffiato via

in un qualche tempo che non so

ma che riusciamo ancora a chiamare inverno.

 

[Ho riflettuto a lungo dopo aver letto questi testi, a mio avviso degni di nota. Davide Romagnoli ci dimostra, in questa raccolta inedita, di saper racchiudere all’interno della propria scrittura quell’ingrediente, spesso ineffabile, che caratterizza la parte più pura e limpida della vera poesia. Parla con la lingua della sua gente e con quella lingua ci dirige proprio dove la poesia dovrebbe portarci: ad osservare il mondo sino a captarne il “silenzioso movimento di ogni suo dettaglio”.  Nino Iacovella] 

 

 

Davide Romagnoli, 28 anni. Periferia di Milano. Insegna letteratura in una scuola privata superiore, compone musica, testi poetici e per il cinema, così come articoli di critica. Tutt’ora inedito per la sua produzione poetica, contraddistinta dall’uso del dialetto milanese nella sua accezione più vicina ai territori della provincia sud della città.

Annunci

Un commento su “Davide Romagnoli, inediti

  1. vengodalmare
    12/01/2017

    Sono belle queste poesie: versi lievi e lenti, apparentemente monocordi in italiano, solo alla fine ti accorgi che hanno lasciato un’impronta sulla pelle e senti che parlano di te, dell’uomo, della vita.

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/01/2017 da in poesia, poesia dialettale, poesia italiana con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: