perìgeion

un atto di poesia

Gabriella Montanari. Fette d’Africa , foto e inediti (2016).

photo-du-16-04-2016-a-22-46

 
 

Sulla stanchezza dei manghi africani,
appesi all’equatore come lanterne di luce e buccia,
scivola la fame dei vampiri, atterra il guano del sole.

Al caldo
gli anni hanno rughe più indulgenti
i sogni trasudano di occasioni perdute.
La neve. La neve è miraggio. La neve.

Il vento porta sabbia per i denti
e loro cedono lo smalto per una gavotta.

Danza nel sangue, dio nei muscoli.

Affittare piroghe per sfidare
dell’oceano
l’immoralità

lo sfondo.

1

Apriti oceano .

Spiaggia di Ouidah (Benin).

©Gabriella Montanari. Tutti i diritti riservati.




 

Qui i morti germogliano ai piedi dei frangipani.

I camerieri neri hanno guanti bianchi
che incrinano l’argento per il tè.

L’equilibrio è senza tibie, l’elemosina suda.

Ai semafori la pazienza delle mele nelle reti,
una fila indiana di «vorrei ma è meglio di no»
il costo netto del guardare senza sporcarsi.

Fuori dalla moschea, fuori dai tessuti di batik
l’inno è quello del disagio, del latte di cocco cagliato
e non c’ è fame che tenga
quando
dallo spessore piuma di un braccio
spunta il grasso
di un sorriso folgore
che non chiede.

2

Trinità di costati

Zona degli altipiani, Kpalimé (Togo)

©Gabriella Montanari. Tutti i diritti riservati.




 

Coloni, espatriati
stessa insofferenza per le ghiandole acide,
per il sebo stipato di muffa e spezie.

Alla fiera dei feticci, tra pollini smussati
l’uomo sbiadito sperpera
teme, oh sì, teme, teme per quanto trama,
il a le trac, ansia-ansia
da superstizione foraggiata a franchi,
franchement…
un gri-gri per incutere amore
un pizzico di camaleonte per le bizze della bile.

Dove la religione beve linfa di capra
e il ferro è un dio che scaccia le mosche
non c’è terreno vergine
per l’occidente vestale
per i furti d’identità.
E di diamanti.

3

Alla fiera dell’ouest

Mercato dei feticci, Lomé (Togo)

©Gabriella Montanari. Tutti i diritti riservati.




 

A stendersi
ci si guadagna in altezza di orizzonti
e profondità di pause. Pensieri bolle di risacca.

Da sdraiati
coi baobab a guardia del pane delle scimmie,
ogni sgarbo di pioggia è pianto primitivo

anello di fede mancante.

L’ibisco lo si beve, secco, ammantato di menta
e limone, aspro di soprusi e sconti pretesi.

Ai rintocchi del pipistrello rispondono
l’astro che cala dietro il filo spinato
il vapore del foufou
contro la telecamera spia
i bambini
i bambini che sanno ridere di niente
i gatti magri
la noia inconfessabile
poi finalmente la notte
santa
di chimica.

4

Oltrepensare

Lomé (Togo)

©Gabriella Montanari. Tutti i diritti riservati.

 

 

 

Gabriella Montanari (1971, Lugo di Romagna)

Laureata in lettere moderne all’Università di Bologna e diplomata in pittura presso la Scuola d’Arti Ornamentali San Giacomo di Roma, è poeta, scrittrice e fotografa. Traduttrice di poesia e narrativa dal francese e dall’inglese, collabora con riviste di critica letteraria, d’informazione e d’arte italiane e francesi. È stata co-fondatrice e direttrice editoriale della casa editrice WhiteFly Press (Ravenna).
Esordisce in poesia con Oltraggio all’ipocrisia per le edizioni Lepisma di Roma (2012), a cui hanno fatto seguito Arsenico e nuovi versetti (La Vita Felice, Milano, 2013), Abbecedario di una ex buona a nulla (Rupe Mutevole Edizioni, Parma, 2015 ) e Si chiude da sé (Gilgamesh Edizioni, Mantova, 2016). Pubblica per Supernova di Venezia (2016) il suo primo romanzo, Donne di cose. È in uscita, per Danilo Montanari Editore (Ravenna) il libro d’arte Reattivo di Valle (poesie e fotografie) con acquarelli di Sergio Monari. Sue poesie, racconti e traduzioni sono raccolte in antologie italiane e internazionali. Attualmente vive e opera tra l’Africa (Togo) e l’Italia.

Annunci

Un commento su “Gabriella Montanari. Fette d’Africa , foto e inediti (2016).

  1. vengodalmare
    07/02/2017

    Si sente chi l’Africa l’ha vissuta veramente e poi ne scrive in poesia. Questi versi sono molto belli.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/01/2017 da in all'incrocio tra le arti, fotografia, poesia, poesia italiana con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: