perìgeion

un atto di poesia

Cattedrali (scrittura e scrittori), nuova rubrica

 

pptE1A4.pptm [Salvato automaticamente]

 

di Nino Iacovella

 
 

Se siamo fortunati, non importa se scrittori o lettori, finiremo l’ultimo paio di righe di un racconto e ce ne resteremo seduti un momento o due in silenzio. Idealmente, ci metteremo a riflettere su quello che abbiamo appena scritto o letto; magari il nostro cuore e la nostra mente avranno fatto un piccolo passo in avanti rispetto a dove erano prima. La temperatura del corpo sarà salita, o scesa, di un grado. Poi, dopo aver ripreso a respirare regolarmente, ci ricomporremo, non importa se scrittori o lettori, ci alzeremo e, “creature di sangue caldo e nervi”, come dice un personaggio di Cechov, passeremo alla nostra prossima occupazione: la vita. Sempre la vita”.

Raymond Carver

 

Grazie a un invito della redazione ho vagliato la possibilità di creare un nuovo spazio di dialogo tra redattori e amici del blog Perigeion. E allora mi sono chiesto, perché non aprire una rubrica dove parlare di scrittura e di scrittori? In un blog dove la principale materia prima è la poesia (genere sempre più plastico nella sua definizione, viste le nuove tendenze verso l’oralità e la performazione) aprire una rubrica che ritorni alla centralità dell’attività letteraria, intendendo per questa la scrittura, mi riporta a casa, nella solitudine e nel silenzio, condizioni che sono state necessarie agli autori per realizzare le loro opere migliori, e ai lettori per cogliere, in quelle opere, tutte le sfumature di bellezza.

Nessuna pretesa di fare un’analisi critica ai testi, piuttosto si tratta di voler fare un viaggio nel corpo testuale di alcuni romanzi e racconti di autori memorabili, sottolinearne i passaggi esemplari di scrittura, mettendo in risalto le necessarie premesse biografiche.

Le costruzioni letterarie sono erette nel silenzio e dal vuoto di una pagina bianca. Sono architetture ambiziose, che puntano in alto: la lingua usata, la tessitura verbale, la bellezza dell’intenzione umana di riprodurre il mondo o reinventarlo di sana pianta.

Per questo la nuova rubrica si chiamerà Cattedrali (si, certo, è una dedica anche a chi sappiamo) e sarà aperiodica.

Ci provo. Che dio me la mandi buona.

Annunci

4 commenti su “Cattedrali (scrittura e scrittori), nuova rubrica

  1. lievito1
    25/03/2017

    ecco un’idea che contiene tante idee, come guglie che solleticano il cielo.

    Daniela Andreis

    Liked by 2 people

  2. Antonio Devicienti
    25/03/2017

    Auguri di successo a questa nuova rubrica – e mi piace molto l’idea di porre attenzione alla scrittura intesa anche come letteratura, cioè come costruzione, lavoro di lima, ponderazione delle parti e delle parole…

    Liked by 6 people

  3. Carla Bariffi
    05/04/2017

    questa si è un’iniziativa interessante e stimolante, bravo Nino a proporla e …
    auguri!

    Liked by 1 persona

  4. vengodalmare
    06/04/2017

    la seguirò con piacere

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/03/2017 da in Cattedrali, prosa, scrittori, scrittura con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: