perìgeion

un atto di poesia

Giovanni Ibello, Turbative Siderali

 

 

turbative-siderali-A-220x321

 

di Francesco Tomada

 

Viene davvero difficile, leggendo Turbative siderali  (Terra d’Ulivi) di Giovanni Ibello, pensare che si tratti di una raccolta d’esordio. Solitamente infatti le opere prime si contraddistinguono per un entusiasmo contagioso ma anche, come è naturale, per una scarsa omogeneità che deriva dalla limitata padronanza della scrittura poetica. In Turbative siderali, invece, questo non c’è o, meglio, è presente soltanto in parte: esiste una fiducia assoluta nella forza delle parole, una fede quasi adolescenziale – ma Giovanni, per quanto giovane, non è certo un adolescente e dunque la sua fede è conquistata sul campo – in quello che la poesia può sforzarsi di dire, però la raccolta si presenta straordinariamente compatta e unitaria, densissima in ogni suo passaggio. Ciò probabilmente avviene perché da un lato l’autore ha esercitato un lavoro lungo e paziente di rastremazione (“un rito quieto: / si celebra per sottrazione”), dall’altro possiede la nitida coscienza che le parole non vanno spese a caso, sono preziose, e dunque possono essere fissate sulla carta soltanto dopo averne compreso appieno tutto il valore. Prende corpo dunque un linguaggio che vive nella tensione degli opposti, sospeso fra gli angoli acuti dell’asprezza (“la bocca ad asciugare la tua fica”) e i momenti in cui invece la dolcezza si fa estrema e totalizzante (“misuriamo le distanze coi respiri”), un linguaggio che scava in questa terra di nessuno con l’intenzione di renderla una terra nostra dove cercare una possibile realizzazione. Giovanni Ibello infatti non scrive “di silenzio, ma di vuoto”, anzi sembra voler evidenziare questo vuoto in uno sforzo di consapevolezza: forse il senso intero della raccolta è già racchiuso nel primo verso, “la nudità è dei corpi, il resto è mistificazione”, e quindi la poesia di Turbative siderali demistifica, toglie, in modo da lasciare solamente ciò che è propriamente nudo in quanto umano.

Inusuale inoltre, in un autore così giovane, è la percezione della fine, così presente soprattutto nelle prime due sezioni della raccolta. La vita è un arco teso tra nascita e morte, una sorta di “volo sghembo” fra due punti che in qualche modo, ciclicamente, si rincorrono. A noi, persi lì in mezzo, restano la vanità, la fragilità, lo stupore, ma anche la certezza che il semplice “fatto di esistere davvero” ci permette di guardare in faccia dio, non tanto per orgoglio, quanto nel gesto piano e diretto di chi non ha paura.

Il nome di dio viene scritto, non a caso, con la lettera iniziale minuscola. Eppure nella poesia di Giovanni Ibello è presente un forte senso di religiosità, se non altro per quell’idea così evidente che tutti si nasca comunque con un peccato originale e poi si debba portarne il peso, perché non si torna indietro, “non è questo il tempo / di chiedere perdono”. I corpi per questo si riempiono di ansia, e certamente tutto sarebbe stato più semplice senza la tensione verso la ricerca di un senso, oppure anche senza amore, come sembra suggerire l’autore in questi due versi meravigliosi: “Avrei perdonato mia madre / se non fossi nato per amore”. Al tempo stesso però l’amore, per quanto irraggiungibile nella sua completezza – e realizzato il più delle volte nell’abbandono – è un desiderio vitale, è l’assoluto che in alcuni passaggi si paventa e allo stesso modo svanisce in una estrema dipartita, dove perdersi è lasciarsi andare “come si lasciano andare i morti”.

La terza sezione di Turbative siderali, infine, si cala nella realtà di Napoli, e appare davvero come la concretizzazione geografica delle prime due parti. Gli scritti si popolano di figure intente tutte a fare qualcosa (“due uomini rollano erba / sul sedile sbrindellato di una Panda”, il prete “che adesca / una sposa nigeriana”), eppure il sole nero rimane ancora “senza perdono”, e ciò che si nota più chiaramente è “la solitudine degli uomini”. Napoli ci appare come una città che in qualche modo sopravvive ad una guerra che “non finisce / solo perché noi non la vediamo”, ed anzi – sembra dire Giovanni Ibello – dobbiamo, dovremmo sforzarci di vedere. Perché non è accontentandoci di una mistificazione che questa finirà per bastarci, come non è ignorando le contraddizioni che esse finiranno per scomparire: forse è invece tutto lì, nel gesto di saggezza popolare di una donna che estirpa la gramigna dalla mano del mito-Maradona dicendo che “l’amore perduto non ritorna”, nel coraggio di abbandonare ciò che siamo stati e lasciare spazio ad un vuoto che può accogliere, diventare “corpo che ritorna seme”.

 

***

 

Shield

 

I

 

La vera fortuna è essere corpo che vive

e con il corpo sentirsi scudo. Pietra che tace.

 

Ma se la schiena è squartata

da una luce bianca che diventa materia

solo l’aria copre il peso dell’assenza.

 

Non vedi? Un banco di nebbia sottile

ci avvolge le mani, strette in preghiera.

 

È un assillo senza pace di aurora

la tua voce che mi chiama:

“Come ti spieghi il pulsare di una piaga?”

 

II

 

È ancora notte. Non c’è tregua sotto gli olmi,

solo il profumo del mio seme quand’ero ragazzino

e un vagare di gatti randagi, senza nome.

 

Ma io non sapevo intonare il requiem dei morti

il volto stremato di un uomo che ha perduto l’amore

 

la fame dei ratti, la pazienza dei ragni

che filano trame greche nella gola

che separa il cemento dalla rena.

 

Non tutte le ferite possono rimarginare.

 

***

 

Anche questo silenzio

è colpevole

e dei corpi rimane sempre

un’ombra sinistra

ai margini della stanza.

 

Si viene al mondo

in un tramestio di voci,

mi disse, ma il commiato

è un rito quieto:

si celebra per sottrazione.

 

***

 

Quando tutto sarà finito

sarà il sonno a irrigidire gli occhi

ma prima della fine

c’è una retrospettiva lenta dell’infanzia

una campionatura degli amori.

Poi il respiro si risolve

in un orgasmo neuronale,

è come un’implosione

di pianeti nella mente

una turbativa siderale

del corpo che ritorna seme.

 

***

 

a Greta

 

I

 

Balance

 

La fuliggine copre il sole

e l’orizzonte rivela

le sue cicatrici di amianto.

 

II

 

Dismay

 

Sei come me,

comprendi l’ansia dei corpi

che non trovano messe di quiete.

“Avrei perdonato mia madre

se non fossi nato per amore”.

 

***

 

Mi stendo sulla rena

e guardo

il volo disperato dei gabbiani

mentre il temporale sgretola

muri di tufo

            lastre di amianto

                          pietra d’ambra.

 

Cosa ci resta veramente tra le mani?

La guerra non finisce

solo perché noi non la vediamo.

 

***

 

Annunci

2 commenti su “Giovanni Ibello, Turbative Siderali

  1. gioibello
    07/05/2017

    L’ha ribloggato su Le parole di Gracee ha commentato:
    Francesco Tomada, per Perigeion, condivide la sua postfazione a “Turbative Siderali”. Grazie!

    Mi piace

  2. gioibello
    07/05/2017

    Grazie di cuore, Francesco! Grazie a Nino Iacovella per la solerte diffusione e a tutta la redazione di Perigeion. Giovanni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/05/2017 da in poesia, poesia italiana, scritture con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: