perìgeion

un atto di poesia

Descrivere il tempo: Marco Furia riflette sul libro più recente di Gianfranco Fabbri

 

 

Il tempo del consistere”, di Gianfranco Fabbri, è una raccolta di scritti dall’evidente valenza poetica.

Il tema dell’intenso, ma scorrevole, volumetto appare già richiamato dalla “elaborazione grafica dell’autore”, riprodotta in copertina, che mostra un quadrante di orologio di cui, per così dire, entrano a far parte individui fotografati in strada nei primi anni cinquanta del secolo scorso: il passato è, o in ogni modo può essere, attuale nel ricordo.

Ricordo di nevicate

Il sentimento della neve è simile al suo colore”,

di giochi infantili

Il gioco, sì.

Una speculazione come un’altra che la memoria ingigantisce”,

di gare ciclistiche

Quand’ero piccolo nell’ascoltare alla radio il Giro d’Italia si

poteva dire: sono in paradiso!”.

Il presente, poi, in tutti i suoi aspetti, anche quelli quotidiani, è rivolto a un incerto futuro:

Ogni volta che mi allaccio le scarpe, al mattino, ripenso a

Giorgio Manganelli, il quale divideva con me l’incertezza di

tale operazione. Esito quanto mai labile: reggerà o no, la

stringa? Ed io, sottintende la domanda, terrò per tutto il

santo giorno?”.

Il tempo scandisce la nostra vita: può sembrare un’affermazione banale ma per il Nostro non lo è.

Per lui il trascorrere dei giorni è una sorta di persistenza continua da cui emerge, adesso, un passato rivolto a un futuro che si annulla negli attimi appena trascorsi.

Una sorta di esistenzialismo enigmatico è presente ovunque nelle pagine di un libro in cui la nostalgia viene mitigata da un poetico senso dell’esserci comunque.

A mio avviso, da un’esigenza di testimonianza nasce questa intensa sequenza d’immagini, di dichiarazioni, di confessioni, in cui la Storia diviene, molto umanamente, storia con l’esse minuscola.

Attenzione, però: non siamo al cospetto di una propensione a ridimensionare, bensì di una determinata tendenza a prendere atto.

L’autore constata e il risultato del suo attento osservare è quel tipo di partecipe descrizione chiamata poesia.

Si legge a pagina 78:

Qui non contano i giorni, il loro avvicendarsi. È importante

invece lo stato dei fatti; quell’impercettibile movimento che

spesso trascende lo stupore”.

In un “impercettibile movimento”, eguale eppure diverso, replicato infinite volte, consiste la nostra vita che, vero e proprio “stato dei fatti”, non può essere spiegata una volta per sempre, ma va assiduamente descritta, narrata.

Si legge a pagina 96:

Ma di me non saprei cosa dire: non più oramai nel gorgo

della giovinezza; ché parole ne sono volate, ed altre ancora

ne passeranno sopra il cielo”.

Sincera dichiarazione.

È da notare, però, che se Gianfranco di sé non sa “cosa dire”, del tempo suo e dei suoi simili riesce a parlare con sensibilità ed efficacia, mostrando di essere ben coscio dei limiti e dell’importanza del linguaggio.

Linguaggio inteso in senso davvero ampio:

Anche una forte nevicata avrà la sua bella sintassi”.

 

Gianfranco Fabbri, Il tempo del consistere, L’arcolaio, Forlimpopoli (FC), 2016, pp. 110, euro 12,00

 

 

Annunci

Un commento su “Descrivere il tempo: Marco Furia riflette sul libro più recente di Gianfranco Fabbri

  1. nestore22
    03/07/2017

    Grazie all’ottimo Marco Furia e grazie ai redattori di Perigeion! Vostro Gianfranco!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: