perìgeion

un atto di poesia

Wunderkammer 6

 

 

Joseph Cornell: “Medici Slot-Machine: Object, 1942”.

 

 

di Antonio Devicienti

 

Donata Berra (da A memoria di mare, Casagrande, Bellinzona, 2010, pagg. 13 e 14)

S. Ivo alla Sapienza

Initium sapientiae
timor domini

E quando fu l’ora
di ornare la volta della cupola,
Francesco
appose, lungo gli spicchi arcuati,
modulate a intervalli regolari
oltre la linea lobata del tamburo
su su fino al lanternino tondo

stelle digradanti, bianche
su bianco, rilevate

sperando che in questo modo
il tempo
risalendo lentamente la lieve curvatura
avrebbe acconsentito
a sostare in tappe:

e non lo fece, Francesco,
per rallentare il passo
del tempo
né per uscirne,
e nemmeno voleva
sparigliare le carte
del suo lungo travaglio
di misura e rigore

sperava piuttosto che in questo modo
il tempo
conoscesse la scansione dell’attesa
nostra, la nostra
irrimediabile attesa,

ma se, come lui sospettava,
al tempo
non fosse concesso neanche
per un attimo
di intuirne la pena,
forse
ne avrebbe almeno apprezzato

– libero com’è da ogni timore, e
conservando la quiete
di chi non ha meta –

ne avrebbe certo apprezzato
la bellezza del ritmo.

I versi di Donata Berra paiono voler scegliere una forma grafica che ricorda l’assottigliarsi verticale delle strutture portanti dell’interno della cupola di Sant’Ivo alla Sapienza, quasi a riprodurne l’arcuarsi e l’innalzarsi, il tendersi bianchissimo verso il lanternino in alto. Il tema è il tempo, il suo scorrere in contrapposizione alla volontà di durata espressa dall’opera. L’edificio è ormai compiuto, a Borromini resta soltanto da ornare l’interno della cupola: forse è questo il momento più difficile, dare conclusione all’opera (un errore di valutazione, un eccesso e tutto ne sarebbe rovinato). Quella di Donata Berra è, nel movimento unico scandito solo dagli spazi bianchi del passaggio di strofa in strofa, una delicata meditazione sull’estraneità assoluta del tempo rispetto alla nostra esperienza esistenziale. Vedo proprio nel rigo vuoto tra strofa e strofa l’apparentemente semplice, ma davvero efficace e intelligente resa con gli strumenti della parola e dell’arte tipografica dell’effetto che dovrebbero conseguire le “stelle digradanti, bianche / su bianco, rilevate” inventate dall’architetto per instaurare il suo singolare dialogo col tempo; l’occhio e la voce devono fermarsi a ogni cambio di strofa, proprio come, immagina Berra, accade al tempo che, percorrendo ad ascendere la cupola, si soffermerebbe sulla bellezza delle stelle borrominiane che sono “bellezza del ritmo”. Non c’è nulla di diverso dallo scrivere in poesia, se è vero che anche nella scrittura il ritmo dona bellezza al testo e il dialogo ingaggiato da Borromini con il tempo diviene in ultima analisi dialogo di carattere estetico, avendo rinunciato l’artista a persuadere il tempo di un qualcosa cui quest’ultimo è intrinsecamente indifferente: la pena del vivere resta nella storia personale e inapparente dell’architetto, ciò che il tempo (e con lui i contemporanei e i posteri) vedrà e apprezzerà sarà la bellezza del ritmo.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: