perìgeion

un atto di poesia

“Cartoline da Kiev”, di Andrea Cecon

di Guido Cupani

cecon.jpg

Andrea Cecon, Cartoline da KievHaibun scelti (Progetto Cultura 2016)

L’ultima pagina del libro invita, «se ti è piaciuto», a consigliarlo a un amico. C’è tanto di linea tratteggiata con forbicina stilizzata e messaggio da completare, e uno spazio dove scrivere “perché”. È una bella idea. Io lo regalo a voi, come l’autore l’ha regalato a me – Cartoline da Kiev, di Andrea Cecon; primo libro in Italia interamente dedicato al genere haibun, segnala Luca Cenisi nella postfazione – e lascio alla magistrale nota di Matteo Contrini il piacere di spiegarvi cos’è un haibun. Qui mi basta lasciarvelo intuire. Basta prendere un pezzo a caso e leggerlo:

CARTOLINE DA KIEV parte II

Sono senza parole – nella mia cassetta delle lettere trovo una busta proveniente dall’Ucraina e diretta alla mia persona: il mittente è Yuliya. Dentro la busta ci sono le cartoline che avevo richiesto, insieme ai suoi saluti e a tutti i migliori auguri. Mi precipito al pc per darle comunicazione della avvenuta ricezione. Butto giù una email esprimendole tutta la mia gratitudine, evitando di fare domande o commenti sulla situazione in Ucraina e preferendo un tono leggero ma non faceto. Penso che così le farà piacere. Penso che sia inutile riesumare tutto il dolore.

posta celere fuori dalla cassetta una farfalla

Basta davvero un minimo d’esperienza di scrittura per capire quanto è difficile mettere assieme un testo in apparenza così semplice. L’haiku stesso è un genere-trappola, che accalappia tanti poetucoli alle prime armi – non certo per umiliarli, ma per educarli all’umiltà. Basta poco per accorgersi che l’haiku è un’impresa asintotica. È questo secondo me che attira, al di là dell’euforia filo-nipponica (che alla lunga stucca): la percezione che effettivamente nel poco si può trovare il molto, e che non esiste via altrettanto appagante, a livello artistico ed umano. A prescindere dalle regole e dalla tradizione.

AMORE MERCENARIO

Quando mi si avvicina in piazza San Venceslao a Praga, penso ad una turista in cerca d’informazioni. Non è giovanissima e veste in modo per nulla appariscente. Il suo aspetto è sobrio: indossa degli occhiali, porta una borsetta a tracolla in tinta con la giacchetta e scarpe raffinate.
Mi approccia in modo gentile parlando un buon inglese senza molte inflessioni, salutandomi e chiacchierando del più e del meno sulla serata. Ad un certo punto, senza mezzi termini ma con una delicatezza e una educazione sorprendenti, mi chiede se ho bisogno di “compagnia per la notte”. Il mio shock dura una manciata di secondi e quando capisco e le dico di no, ringraziandola comunque per la proposta, lei ricambia con un ampio sorriso augurandomi una buona continuazione di serata.
Ritornato in Italia ci ho pensato e ripensato a lungo. Niente a che vedere con la volgarità del quartiere a luci rosse di Amsterdam: è stato solo il fugace incontro tra due solitudini.

luce d’autunno
indugia sul cuscino
la prostituta

Gli haibun di Cecon parlano di Giappone, ma solo di sguincio. Parlano di monaci e distacco, ma in mezzo a mille altre cose. Soprattutto parlano di incontri e ricordi, dell’effetto della storia e della guerra sui piccoli accadimenti individuali, di distanze colmate e incolmabili. Ne parlano con delicatezza, ma non perché l’autore si prefigga di apparire delicato – sono fatti e persone ad apparirci naturalmente in questa luce quando lasciamo cadere gli orpelli che ce li nascondono. L’effetto è lieve e straniante: non si sa bene esattamente che cosa si è letto. E forse, neppure si vuole saperlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: