perìgeion

un atto di poesia

Vecchi scemi, di Marco Ferri

vecchi scemi

 

E c’erano le automobili in sosta dappertutto, i furgoni dei corrieri postali, persino un camion e un’automobile che risalivano il corso a passo d’uomo. Eppure tutta la sua rabbia non modificava il senso di fallimento che provava ormai da mesi. Il mondo va dove vuole, pensava, anche a crepare a rincretinire e illudersi, il fatto è che non ha più senso agire diversamente o scrivere, scrivere di queste cose e altre simili. Nessuno sapeva più decifrare quel palpitare verbale di una voce scandalizzata. E quella era la solitudine perfetta. (da Lampi, p. 113)

di Gabriele Zani

 

 

Caldeggio vivamente Vecchi scemi, l’ultimo libro del poeta fanese Marco Ferri. Soprattutto ne consiglio la lettura ai giovani odierni che, se tanto mi dà tanto, con ogni probabilità saranno i vecchi scemi di domani.

Ma teniamoci al presente, e dunque oggi chi sono mai, per Ferri, questi vecchi scemi? La domanda viene spontanea, perché qualificare scemi i vecchi è cadere in un luogo comune, non meno trito di quello per cui vecchiaia equivale a saggezza.

Dalla lettura dei tredici “pezzi” che compongono il libro si scopre che i vecchi in questione, avviliti o irati, sognanti o alle prese con il “logorio della vita moderna” (come diceva Ernesto Calindri ai tempi della tivù in bianco e nero, o postmoderna, come adesso si preferisce dire), hanno sì, è vero, dei problemi di senilità, degli acciacchi fisici, delle amnesie e così via, ma tutto sommato ragionano ancora e non sembrano poi tanto suonati, tant’è che io, che vado per i sessanta, non ho faticato molto a riconoscermi in certe loro fissazioni, ansie, sconfitte, malinconie, rancori più o meno trattenuti, quindi non credo di dire una sciocchezza se affermo che l’autore, che va per i settanta, ne parla a ragion veduta. E d’altra parte ironia e autoironia sono atteggiamenti caratteristici di quell’uomo colto, e va da sé intelligente che è Ferri, come sanno i suoi vecchi (sic) e affezionati lettori, tra i quali mi annovero.

L’aggettivo scemo del titolo, che dunque rimanda sia alla prima antica accezione di “non pieno, mancante di una parte” (haud plenus) che a quella dispregiativa di “deficiente, stolto, stupido, sciocco” (insanus homo), va quanto meno diviso tra i personaggi che animano queste storie da una parte, e la società che a priori li ritiene tali dall’altra.

Gli attempati personaggi maschili e femminili presi in esame da Ferri soffrono infatti, in primo luogo, di solitudine, di isolamento, di abbandono, di un pensionamento non dal lavoro ma dalla vita, di un essere accantonati non richiesto, imposto dai parenti, dalla comunità, dalla società massmediatica dell’usa e getta… che poi, volendo essere tendenziosi, è la condizione in cui si trovano a vivere oggi i poeti vecchio stampo, quelli un po’ su con gli anni per intenderci, i quali si ostinano a scrivere libri magari belli e utili, però poco adatti al commercio… come implicitamente sembra suggerire il risvolto di copertina, laddove si legge che «i personaggi di questo libro hanno sguardi disincantati e crudi. E forse sta qui il punto, perché sono invecchiati proprio per guardare oltre le cose e attraverso il familiare aspetto che esse hanno. E se insistono sono anche un po’ scemi.»

Il suddetto risvolto (anonimo) avvisa inoltre di tredici “racconti”, ma certo per comodità, perché racconti in senso stretto non sono, piuttosto si tratta di descrizioni, di fotogrammi – e giustamente Enrico Capodaglio poteva parlare, già a proposito di Dove guardi (2001) di «inquadrature sottili da fotoreporter della vita interiore» e di «paesaggi urbani alla maniera di Sironi e piani-sequenza che ricordano il primo Wenders.» In effetti hanno tutta l’aria di sinopie filmiche, e il respiro corto delle sceneggiature. Leggo a caso, p. 60: «Che cosa c’è di diverso nel 14 agosto rispetto agli altri giorni? Niente. È estate, c’è un caldo umido, grosse formazioni di nuvole, la colazione, il pensiero di arrivare all’ora di pranzo, che sembra un orizzonte lontano ma non mancherebbero certo le opportunità per arrivarci senza soffrire come un cane. Sennonché, è ricomparsa la sofferenza senza nome, ristagnante. In più, piove. Il cielo, zitto zitto, si è oscurato, è caduta qualche goccia, sollevando un odore di polvere bagnata. Poi è venuta giù una pioggia languida, snervante.»

Tra i diversi personaggi spicca quello di Geremia, nome oggi in disuso e che pare riesumato pour cause direttamente dalla Bibbia (“Il libro più antico del mondo”, come annotava un divertito Flaubert nel suo Dizionario dei luoghi comuni), l’impopolare profeta lapidato infine dai suoi stessi compatrioti, qui senza la lunga venerabile barba bianca e in abiti civili, ma non diversamente inascoltato, disprezzato, senza voce in capitolo.

S’è messo a leggere il libro del profeta Isaia, uno che era veramente su di giri, accidenti, contro tutti quei testoni dei suoi contemporanei che non volevano vedere l’imminente catastrofe, quei muli. Però, pensava Tobia, anche oggi c’è ben poco da fare, come allora, il mondo era in grado di smerdare qualsiasi voce ragionevole o soltanto preoccupata, non c’erano soluzioni e tutto poteva essere desertificato, polverizzato, annientato, fino al più assoluto silenzio umanoide. (da Solitudini estive e invernali, p.33)

Che cosa c’è di diverso nel 14 agosto rispetto agli altri giorni? Niente. È estate, c’è un caldo umido, grosse formazioni di nuvole, la colazione, il pensiero di arrivare all’ora di pranzo, che sembra un orizzonte lontano ma non mancherebbero certo le opportunità per arrivarci senza soffrire come un cane. Sennonché, è ricomparsa la sofferenza senza nome, ristagnante. In più, piove. Il cielo, zitto zitto, si è oscurato, è caduta qualche goccia, sollevando un odore di polvere bagnata. Poi è venuta giù una pioggia languida, snervante. (da L’uovo, p. 60)

Vecchi Scemi, di Marco Ferri, Italic 2017


Marco Ferri è nato a Fano nel 1950.

Le sue opere più recenti sono: Nero il bianco (Stamperia dell’arancio 1994, posfazione di Massimo Raffaeli), Dove guardi (PeQuod 2001, nota di Enrico Capodaglio, premio “Carlo Bo” per la poesia), Discorsi in cucina (Aragno 2007, postfazione di Niva Lorenzini), Corpus (L’Obliquo 2008, nota di Emanuele Zinato), Esercizi spirituali per cosmonauti (Di Felice 2013, nota di Peter Kammerer). Ha tradotto Claude Simon, Victor Hugo e Raymond Queneau. Una scelta dai diari col titolo Cari inganni è stata pubblicata nel 2009 dalla Fondazione Carifano. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/11/2017 da in poesia italiana, recensioni con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: