perìgeion

un atto di poesia

Wunderkammer 7: gli edifici pericolanti di Massimiliano Damaggio

 

 

 

 

di Antonio Devicienti

 

Duole constatare come i libri (anche i pochi di valore) vengano pubblicati, ricevano magari alcune recensioni (talvolta di circostanza, talaltra superficiali, raramente approfondite) che compaiono a breve distanza di tempo le une dalle altre in riviste e spazi web e poi vengano di fatto dimenticati (e questo vale ancor di più per i libri di poesia).
Auguro a questo libro di Massimiliano Damaggio un destino opposto: che lo si legga, che se ne scriva, che l’attenzione nei suoi confronti si protragga nel tempo – questa mia non è né una recensione, né un atto dovuto ad amico caro, ma un pensiero personale che mi azzardo a rendere pubblico: so, insieme con non pochi altri, che per Damaggio vita e poesia non sono distinte, so che la sua passione vitale coincide esatta con il suo scrivere, so che questo libro vede la luce dopo un periodo lungo e doloroso di lavorazione e so che Massimiliano continua a reputare non necessaria la sua pubblicazione (non fosse stato per la testarda volontà di persone come Nino Iacovella, Christian Tito, Fabio Franzin, Fabrizio Bianchi, Carlo Bordini questo libro non esisterebbe) e in molti conosciamo e amiamo una frase che Massimiliano Damaggio ripete: “La poesia mi ha salvato la vita”. E so, pure, che Massimiliano detesta (a ragione) questo mio spettegolare intorno a vicende che, stricto sensu, con la poesia hanno poco a che fare, ma questo è un caso in cui non so e non voglio distinguere la persona dal libro, ché siamo davanti a qualcuno che, come molti dei suoi amati poeti brasiliani e sudamericani, greci, russi e pochissimi italiani, con purezza disarmata e disarmante vive i propri sentimenti, le proprie scelte, le proprie tristezze e le proprie esaltazioni – e che non si risparmia.
E riconosco il valore di Edifici pericolanti in una scrittura limpida e diretta senz’essere approssimativa e facilona, asciutta e impietosa senza ingrigirsi in un qual certo “realismo” o “impegno”, respiro di una mente totalmente immersa nel mondo e nel dolore altrui. In questo modo Atene e la Grecia contemporanea, terra d’elezione e paesaggio interiore, accolgono la gestazione del libro e ne costituiscono spesso riferimento storico, politico, geografico, personale, in quanto occorre sapere, accingendosi alla lettura, che non esistono maschere, né giuochi delle parti in Edifici pericolanti, ma che esiste l’attraversamento onesto fino all’autolesionismo dell’inferno proprio e altrui, attraversamento, anche, di una realtà del lavoro degradata e degradante (il tema del lavoro e del conflitto tra libertà individuale e costrizioni sociali ed economiche costituisce uno dei pilastri su cui si reggono questi numerosi “edifici pericolanti” che, un po’ come le Torri celesti di Anselm Kiefer, sembrano continuamente sul punto di crollare eppure continuano a trasmettere un’idea forte e commovente della testardissima volontà di vivere).
Gli Edifici pericolanti venuti alle stampe sanno conservare un umanissimo sentore di taccuini in continua lavorazione, un senso liberatorio e libertario di vagabondaggio, una vertigine del viaggiare senza dover render conto a padroni o ad agende di lavoro – e queste pagine sono imbevute di una pietas profonda, di un senso di solidarietà per il destino di amici o di sconosciuti che hanno conosciuto l’umiliazione, l’esclusione, una forma qualunque d’ingiustizia: infatti, quando Massimiliano Damaggio afferma che la poesia gli ha salvato la vita vuol dire che bere e dissetarsi alle pagine di poeti come Drummond de Andrade, Lorca, e molti altri è stato per lui davvero quello che per altri sono l’acqua e il pane: salvarsi dalla morte continuando una pervicace affermazione d’indipendenza e di libertà e con un attaccamento generoso alla vita.
Il lettore sappia dunque che apre un libro di dolore e di gioia, di coraggio e di slancio, nel quale la scrittura è sempre, sempre contaminata dalla carne che materia il nostro corpomente e che tale contaminazione è uno dei momenti più significativi e di valore che possa esser dato di vivere. Le numerose, pie sartine stile Ottocento, gli ancor più numerosi soloni della poesia italiana di questi anni, gli obbedienti soldatini ordinatamente intruppati dietro i molti “grandi” della nostra repubblica letteraria non immaginano neanche lontanamente quanto accumulo di letture, di solitudine, di pensieri, quanto impietoso sfrondare, scavare, limare sia Edifici pericolanti – e ancora adesso Massimiliano Damaggio convintamente afferma che non era necessario che il libro fosse dato alle stampe (ma, posso assicurare, il suo non è né un vezzo né una posa da attore più o meno di seconda categoria). Massimiliano avverte la necessità vitale della scrittura e, contemporaneamente, non dimentica le condizioni d’asservimento lavorativo, esistenziale, psicologico cui sono condannate le persone, cosicché i testi di Edifici pericolanti vivono e si riscaldano al fuoco di una generosità umana e del rifiuto di qualunque retorica o abbellimento estetico (il libro va anche letto sui binari paralleli dello stile e della scelta etico-politica, del dire con deliberata durezza e della dolcezza di cui è capace un essere umano quando non si ripiega su di sé, ma si apre, partecipe e solidale, alle amarezze vissute dagli altri): la scrittura, a lui necessarissima, è comunque capace di passare in secondo piano di fronte alla sofferenza generale e all’inumanità di questi nostri anni – Edifici pericolanti è un libro di geografia nel quale la toponomastica dell’ingiustizia e dell’abuso viene tracciata con precisione geometrica e la poesia sottentra non a consolare, non a lenire, ma come coltello affilatissimo che compie un atto d’amore nel mentre sembra straziare e lacerare.

 

il licenziamento di Gianluca

Gianluca, hai il sorriso ferito
dalla forbice fra obiettivo e fatturato
sulla sedia blindata della riunione
carichi in canna il resoconto ultimo
e ti si sente
attorno un largo silenzio, e nel rumore
del tuo dissesto interiore ognuno sta
nella posizione da contratto

Dietro questi piccoli quadri
si muovono gli uomini abbaiati
dal cane del credo quotidiano

Lei ora appartiene, ti dicono
all’archivio dei nomi in disuso

 

sull’isola di Kìthira

La strada, bianca come un disinfettante
le pietre grandi, le pietre piccole, le pietre vaioliche
le colline, vuote come una morte recente

Questo alla fine, all’inizio, è la poesia che come una mosca tossica

depone nel corpo le uova della solitudine

Apro le mani, piene di dita inutili
che sanno solo scrivere parole

 

il licenziamento

Lei ora appartiene, ti dicono
all’archivio dei nomi in disuso

 

otto tentativi di salvezza

Anni fa vivevo in un palazzo degli anni ’60. Un giorno l’amministratore ci comunicò che sarebbe stato necessario fare delle infiltrazioni di cemento perché la struttura portante si stava sgretolando. Da fuori non si notava. Era all’interno dei muri il problema. Era un edificio pericolante.

A Sarajevo nel ’98 era da pochi anni finita la guerra. Gli edifici pericolanti erano innumerevoli. C’erano macerie dovunque, l’acqua era razionata e distribuita in determinate ore della giornata. Un giorno accompagnammo in tram un amico all’aeroporto e ci trovammo a dover attraversare un campo minato. Vidi sulla faccia dei compagni un terrore muto e capii che eravamo edifici pericolanti. Fino a pochi minuti prima scherzavamo, ridevamo sul tram.

Ciò che sta per cadere non è caduto. Negli anni ho però potuto sperimentare che ciò che è pericolante può essere già crollato, ma non sempre lo possiamo vedere. Come il palazzo nel quale abitavo, o i cittadini di Sarajevo in quel ’98, o l’addetto allo scaffale. Questo gioco dell’equilibrio fa sì che essere pericolanti, o meglio in bilico, sia la nostra condizione esistenziale.

 

al parcheggio del supermercato

Ti trovo la sera seduto sulle parole
inefficaci dell’uomo evacuato

fra gli scarti della giornata
ti porto del pane

Ma sono gli allarmi a rispondere
questo vento che scende nel tuo silenzio
dove attendi nel fondo della notte
un suono riemergere dal fondo della carne

Faccio una battuta e sopravvivo
ma prendo per amore l’elemosina
e sosto, senza amore, perché è facile
condividere del prossimo
il meno e non il più a noi prossimo

 

sarà la bellezza la nostra vendetta

Nel ’97 passai l’estate con l’amico Samuele a Kìthira, una splendida isola a sud del Peloponneso. Una sera assistevamo a un tripudio di colori sul mare e Samuele mi disse: “Tu sai perché tutti considerano bello ciò che stiamo guardando?”.

Tutti i poeti fanno un gran parlare della bellezza ma io non ho mai capito che cosa intendano. Non so cosa sia la bellezza. Ripensando al tramonto, potrebbe essere una cosa qualsiasi che rende felice ogni singolo individuo il quale ha, s’intende, una personale concezione di felicità. Non so dare una risposta. Ho però intuito che è nell’incompletezza di ogni singola risposta che si può trovarne un poco, laddove la porta mostri lo spiraglio di un’ulteriore scoperta, di un tentativo ancora, in opposizione al programmare che nega qualunque mistero e invece di creare domande impone risposte. Nell’imperfezione di tutto ciò e nel nostro tentativo di trovare un equilibrio penso ci sia un indizio di bellezza. Quante volte ci troviamo a consolare un bambino in lacrime perché, ad esempio, sullo schermo è morto un cagnolino? A noi sembra impossibile che il piccolo spettatore non riesca a distinguere tra finzione e realtà – e sorridiamo. Ma in un certo senso ha ragione lui, e noi torto. Il cagnolino del film è tutti i cagnolini che sono morti, stanno morendo e moriranno. È la rappresentazione universale del dolore e forse il bambino, in cui finzione e realtà hanno labili confini, è la vera chiave per sfiorare l’equilibrio e, di conseguenza, una forma di bellezza. La poesia è una singolarità in cui confluiscono verità e finzione, e ogni cosa è la rappresentazione universale del suo significante. Per questo sono convinto che sia vero quanto scrive Mário Quintana: il luogo dove tutto non muore è la poesia.

 

sulla statale per Killìni

Ma io alla fine è con l’aria che combatto
e levo in alto le mani per tradurre
una carne in una frase

 

 

Annunci

4 commenti su “Wunderkammer 7: gli edifici pericolanti di Massimiliano Damaggio

  1. Evangelia Polymou
    10/11/2017

    L’ha ribloggato su evangelia polymou.

    Liked by 1 persona

  2. ninoiacovella
    10/11/2017

    Per ordinare il libro: info@dotcompress.it

    Mi piace

  3. Giorgio Galli
    10/11/2017

    “Faccio una battuta e sopravvivo
    ma prendo per amore l’elemosina
    e sosto, senza amore, perché è facile
    condividere del prossimo
    il meno e non il più a noi prossimo”

    !

    Liked by 2 people

  4. Giorgio Galli
    10/11/2017

    L’ha ribloggato su La lanterna del pescatoree ha commentato:

    “Faccio una battuta e sopravvivo
    ma prendo per amore l’elemosina
    e sosto, senza amore, perché è facile
    condividere del prossimo
    il meno e non il più a noi prossimo”

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/11/2017 da in Wunderkammer con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: