perìgeion

un atto di poesia

Tagli scelti di poesia, Ivano Ferrari

Presentazione standard1

selezione a cura di Nino Iacovella

MACELLO

Qualcuno si chiede se io ami

se durante il giorno cerco

o risolvo, se almeno vedo.

Quando guardano le mie labbra

o le mie mani e piú maliziosamente giú, fra le cosce

sento sul corpo le domande

che mi attraversano

come una forca farebbe con la paglia.

Se faccio sanguinare il vento

se trasformo le foglie fredde

in involtini di carne,

se i cavalli bianchi del mio rinascimento

sono esposti sul bancone di una macelleria

non rinuncio alla mia umanità come voi

del resto.

***

Su un oceano colorato malamente

galleggiava una piccola isola

le onde spargevano le origini

i coralli cicalavano al tramonto

e i pesci si rigeneravano alla fonte.

Era una goccia di sperma

cadutami nella vasca del sangue

in una mattina

di forte macellazione.

***

Di albe rosse, qui,

non se ne sente il bisogno

la monotonia del colore

infoltisce l’aria già pesa,

di tramonti vermigli

non parliamone.

Piuttosto il buio

la sua complicità

nel togliere di mezzo quei musi ossuti

animalescamente rosi dalla bontà.

***

Per provare la febbre al macellando

si introduce un termometro nel retto

o a scelta (se femmina) nella vagina

questa operazione è fatta senza guanti

e non si fatica ad infilare

assieme allo strumento un bigliettino

di versi scarabocchiati prima.

***

A qualche centinaio di metri

passata la forma fresca del prato

e dopo case dagli occhi spenti

si trova il cimitero degli umani

dove c’è carne che non sfama.

***

La mimica facciale di chi sgozza

non ha un’origine definita

è un processo ossessivo di tipo umano,

inevitabile che mi tremino le mani

quando gli accendo una sigaretta.

***

Sventrate intere famiglie

oggi

lunedí di intensa macellazione.

Una vacca ha partorito un vitello

negli occhi la paura di nascere

il foro in mezzo il nostro contributo

a tranquillizzarlo.

***

Un lungo, insopportabile ritardo.

poi il rumore dei camion

le urla degli autisti

le ultime preghiere delle bestie.

Ricomincia la vita appaiono le forche

le pistole, le falze, i coltelli.

***

Una vitella stupita d’esser viva

guarda noi che la ignoriamo,

decine di sorelle appese si pavoneggiano,

si sente sola e brutta a respirare

ma non ci sono piú paranchi

e le celle frigorifere sono colme,

rotea intorno lo sguardo suo piú dolce

se è pausa o tregua nessuno raccoglie

si gonfia, lancia un grido e scivola sul sangue

piove plasma per un poco e finalmente

si libera un paranco.

***

Quando hanno tolto la luce
la morte si è ricomposta
per apparire subito dopo
piú nitida, piú vergine.

Annunci

3 commenti su “Tagli scelti di poesia, Ivano Ferrari

  1. vengodalmare
    22/06/2018

    Leggere Ferreri è sempre come sporcarsi le mani di sangue, un continuo girare e rigirare di coltelli e decapitazioni; sfrondare e separare.. per ritrovarsi davanti, splendente, una scheggia di vita allo stato puro.

    Mi piace

  2. vengodalmare
    22/06/2018

    Leggere Ferrari è sempre come sporcarsi le mani di sangue, un continuo girare e rigirare di coltelli e decapitazioni; sfrondare e separare.. per ritrovarsi davanti, splendente, una scheggia di vita allo stato puro.

    Piace a 1 persona

  3. vengodalmare
    22/06/2018

    Mi scuso per il commento doppio, volevo correggere il nome dell’autore e ho invece doppiato il commento.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/05/2018 da in poesia italiana, rubriche, Tagli scelti di poesia con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: