perìgeion

un atto di poesia

Sergio Rotino, Cantu Maru

 

 

copertina_sergio-210x300

di Francesco Tomada

 

Ci sono musiche basate sulla reiterazione di pochi elementi che lasciano l’ascoltatore esposto a un bivio senza vie di mezzo: o ne viene catturato e non può liberarsene, diventando egli stesso elemento di un mantra, oppure ne resta escluso, ed allora la fragile costruzione melodica diventa unicamente nutrimento della noia. Lo stesso tipo di approccio si ripete in qualche modo in Cantu Maru (Kurumuny) di Sergio Rotino, raccolta che l’autore stesso descrive come espressione di un idioma nato “in vitro”, dall’assemblaggio del dialetto salentino (che Sergio ammette di non padroneggiare del tutto) con altri elementi provenienti da altre zone limitrofe.

Il rischio, appunto, è quello di trovarsi davanti ad una operazione di sperimentalismo intellettuale, e quindi di sconfinare facilmente nella noia. Cantu Maru, invece, si rivela una raccolta riuscita e sorprendente: come giustamente sottolinea Caterina Serra nella nota introduttiva, “la prima cosa che arriva è il suono”, una sorta di nenia funebre che non ha bisogno di traduzione, fatta di vocali, spigoli, intonazioni che viene naturale immaginarsi basse e prolungate.

E poi il resto: quella di Cantu Maru è una poesia frantumata e balbettante, che spesso perde la continuità grammaticale e lessicale per lasciare spazio al dolore ed allo smarrimento di un lutto. Non è soltanto poesia della perdita, ma è l’espressione stessa della perdita, un vuoto che si estende da una dimensione estremamente intima e privata fino ad abbracciare tutta una terra; è un gesto estremo e coraggioso di scrittura che richiama alcuni meravigliosi versi di Antonella Anedda: “l’isola di un pensiero che mi spinge / a restringere il tempo / a dargli spazio / inventando per quella lingua il suo deserto.”

 

***

 

tienime

tienime

sangu

 

sangu tienime

sangu

 

tienime nu

me

lassare

nu me

 

menare

intra lu jancu

ancora

ancora nu

 

picca spetta

 

tienime

spetta

tienime

ancora tienime

 

sangu

 

tienime

 

ancora nu

me lassare

 

tienimi / tienimi / sangue // sangue tienimi / sangue // tienimi non / mi / lasciare non / mi // gettare / dentro il / bianco ancora / ancora un // poco aspetta / tienimi / aspetta / tienimi / ancora tienimi // sangue // tienimi / ancora non / mi lasciare

 

*

 

fatti te

jentu te

jentu e

spentura

fatti te sta

cosa china

te uci ca

sonanu te

cose ca p

parole p

parenu e

 

struncuniçiate

comu a n

nui

struncuniçiati

da cose ca

 

ca nu

decimu nu

sapimu comu

se dicenu c

comu se

 

potenu dire

 

fatti di / vento di / vento e / sventura / fatti di questa / cosa piena / di voci che / suonano di / cose che p / parole s / sembrano e // sfracellate / come n / noi / sfracellati / da cose che // che non / diciamo non / sappiamo come / si dicono c / come si // possono dire

 

*

 

quandu mueri

 

more cu

tie ceddri

 

lu sape

ceddri

lu sapia

 

e more

fiuru

spina

rosa

 

causa toa

 

quando muori // muore con / te nessuno // lo sa / nessuno / lo sapeva // e muore / fiore / spina / rosa // a causa tua

 

*

 

tienitelu terra

cu nu bite

cchiui cu

denta surdu alla

petra

ca ni

 

parla ca

dice nenzi

 

nenzi tieni

tie malatia

tie culure

 

oppuru tuermi

statte citta

statte muta

 

a’n terra rimani

e sbocca

 

tienitelo terra / che non veda / più che / diventi sordo alla / pietra / che ci // parla che / dice niente // non hai nulla / tu malattia / tu colore // oppure dormi / stattene zitta / stattene muta // rimani a terra / e vomita

 

*

 

mmienzu le

scraçe le

 

le spine te

stu fiuru

ca rosa la

chiamanu statte

 

chiangi

reccula

 

ma

abbande abbane

luntana

 

spunda te

nanti a

all’ecchi mei

 

none culure

ccene

nienzi fiuru

 

fine

 

in mezzo / ai rovi alle // alle spine di / questo fiore / che rosa / viene detto resta // piangi / singhiozza // ma / vattene vai / lontana // sparisci / davanti a / ai miei occhi // nessun colore / cosa / niente fiore // fine

***

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/05/2018 da in poesia dialettale, recensioni con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: