perìgeion

un atto di poesia

Blue. Frammenti, di Giorgia Groccia

 

blue

 

“Io mi chiamo Blue. E faccio sesso con il mio computer. Mi pagano per farlo. Ho i capelli blu, ho una maschera blu e non porto biancheria. Per quello che faccio non serve.”

 

di Davide Romagnoli

 

Il romanzo d’esordio della giovane cantautrice barese

Se gli occhi della forza e della bellezza, quella vera, potessero avere forma allora sarebbero quelli di Blue. Una forza tutta femminea, ancestrale e naturale, tanto infantile quanto matura e consapevole, così come questo romanzo d’esordio della talentuosa scrittrice e cantautrice barese Giorgia Groccia.

Una forza che si mischia con una fragilità del tutto umana, fatta di rabbia, naturale ed onesta, e di altrettanto evocativi nascondigli privati. Fatta di conflitti con sé e con il mondo intorno; fatta di sentimento e passione, con un retrogusto di dolcezza che sembra scivolare via dietro il male delle cose e dei momenti che accadono, ma che rimane come macchia indelebile alla fine di queste pagine.

Senza svelare niente della sua storia di fondo “Blue. Frammenti” probabilmente doveva chiamarsi solo “Blue”, perché è intorno a lei e alla sua capacità di plasmarsi intorno a tutto ciò che accade -e proprio nella sua unità con l’altra faccia, Maria- che si muove la potenza espressiva di questa narrazione.

Strutturalmente e organicamente il romanzo e la sua storia funzionano di per sé, ma è proprio dove ci si abbandona liberamente a certi scorci di pensieri, sogni, paure -che pesano come incomunicabili eppure riescono ad emergere in tutto il loro colore- che scaturisce una potenza espressiva speciale.

C’era una poesia di Bukowski in cui si parlava del Bluebird, l’uccello della felicità della cultura americana. Il poeta lo tiene in gabbia, nascosto nel suo cuore, versandogli Whisky addosso, inalandogli fumo di sigaretta, non permettendogli di uscire, se non qualche volta, di notte. “È Abbastanza forte da far piangere gli uomini. Ma io non piango, e voi?” Concludeva il vecchio Charles.

“Blue. Frammenti” è un romanzo notturno in questo senso, dove sgorgano spirito ribelle, speranza, paura ed entusiasmo per gli altri, per se stessi e per il mondo che gira intorno a noi, anche se tutte queste emozioni e riflessioni sono tenute dentro, salvaguardate a nascoste come materiale raro e prezioso. Fortunatamente, però, tutta questa illuminante femminilità di Blue, figlia e giovane donna, è in grado di uscire dalla sua prigione ed emergere tra le parole di queste pagine.

Un romanzo vero, che proprio dove mostra le sue pose voyeuristiche amplifica il sentire, tutto femminile ed umano, della comunicazione vera e del vero sentire.

Giorgia Groccia, classe ’94, è cantautrice, attrice e scrittrice barese. Nasce ad Acquaviva delle Fonti (Bari), consegue il diploma di liceo classico a Bari. Prosegue gli studi universitari a Lecce laureandosi in Scienze e Tecniche Psicologiche nel 2016. Attualmente frequenta il Master in Critica Giornalistica presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” a Roma. A maggio 2018 presenzia al festival di Cannes nella sezione Short Film Corner per presentare il cortometraggio indipendente del regista Enrico Acciani, in cui riveste il ruolo di attrice protagonista. Svolge attività di critica teatrale e cinematografica ed è attualmente impegnata nella registrazione di un EP di suoi inediti.
BLUE. frammenti è la sua Opera Prima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/06/2018 da in ospiti, prosa, recensioni, scritture con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: