perìgeion

un atto di poesia

Luca Buonaguidi, Uno studio sul niente. Viaggio in Giappone

49635227_709747246074014_938464514683174912_n

a cura di Roberto R. Corsi

Una recensione a un libro che aspira allo Zen: una pagina bianca?
Il lettore abituale dei libri di Luca mi telefonò e chiese spiegazioni: avresti dovuto scrivere che…
Di colpo s’interruppe.

Proseguendo la ricerca personale e spirituale del libro precedente, credo che Buonaguidi abbia compiuto un discreto passo in avanti. Sembrano scomparse o molto attenuate le tensioni creative che all’interno di India, pur entro una direzione già definita e qui confermata, monitoravano per esempio la presenza/assenza, ectoplasmica o antropomorfa, dell’ispirazione poetica. Qui in Giappone la farfalla è compiutamente uscita dalla crisalide e contempla il tutto con serenità e un distacco superiore, appena scosso dai refoli di luce della grande città, dal ricordo dell’olocausto nucleare, dai ritmi aeroportuali; coraggiosa la scelta disporre le 21 osservazioni in “convergenza parallela” (si politichese licet) con la lezione dei Maestri letterari (giapponesi e non; tra i primi, Kenshin Sumitaku, il cui famoso esergo conoscevo anche io grazie a Natàlia Cataldi) e con l’immanenza fotografica.
Le parole – ci informa l’Autore – sono sgorgate in pochissimi giorni; con la copiosa naturalezza del sangue da una vena aperta. La sostanza del percorso di riflessione e decostruzione attraversa e surclassa la forma, ove comunque la ricerca dell’asciugatura di strofa e verso prevale ampiamente sulla urgenza narrativa che un viaggio spesso porta con sé.

Il risultato ha saputo parlare anche all’agnostico estensore di questa breve nota, inquadrare alcuni suoi recenti pensieri e sicuramente rappresentargli la superfluità di tutte le righe qui sopra.

*

Il bosco ricorda
la tua impermanenza.

Sei una cosa
che accade
al pari di un fiore,
hai la tua stagione
migliore e un tempo
per diventare concime.
Respiri sempre entrambi
i momenti dormienti.
Li unisce il risveglio
nel cosmo che veglia
i passi che muovi
verso l’Intero.

(Bentendake Peak, Kōyasan)

___
Luca Buonaguidi, Uno studio sul niente. Viaggio in Giappone, postfazione di Patrick Colgan, con 21 fotografie dell’A.,  Ancona: Italic, 2018, pp. 62
La foto tratta da p. 34, scattata dall’Autore, è di sua proprietà.

Annunci

Informazioni su Roberto R. Corsi

Nato circa mezzo secolo fa, vivo tra Firenze e la Versilia. La mia raccolta a stampa più recente è intitolata "Cinquantaseicozze" (Italic, 2015). Miei scritti letterari e critici sono comparsi in antologie, libri d'arte, riviste cartacee, portali web. Dal febbraio 2016 sono conredattore del blog collettivo Perìgeion. Oltre ai recapiti della mia pagina gravatar, mi trovi come @rrcorsi su Instagram / Telegram / Medium

Un commento su “Luca Buonaguidi, Uno studio sul niente. Viaggio in Giappone

  1. wwayne
    10/03/2019

    A proposito di Giappone, l’hai visto Silence?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: