perìgeion

un atto di poesia

Iuri Lombardi, inediti

 

Foto Iuri Lombardi

 

 

Temporale d’estate

 

Tutto il giorno sono stato in attesa che
il temporale diradasse; mi tenevo alle funi
provando le mie ossa (solo un fuoco tenue
daranno in un futuro prossimo):
di fatto ho allestito una nuova vita
nella feroce nota, nella luce crepuscolare:
niente era niente. Sulle pareti un riverbero
giallino mi negava il tempo del lunario.
Assetato come ero nulla ho bevuto; perduto
da ogni ideale. Così, cosa ti racconto?
Se non di essere un’esile creatura e come
i giovani di strada gemo ad un pugno di felicità:
lampo di un presente eterno.
Più di loro conosco memore la notte lasciandomi
andare tra le maglie – o spirale di tempo – della ragnatela.

 

*

 

La nazione di carta

(A Paolo)

Per accogliere il suffragio delle indulgenze,
allestimmo un campeggio sul tuo terrazzo:
non c’era corrente e vivevamo gli attimi di festa
(per noi eterni) alla luce di ceri votivi.
Si narrava che il potere esoda l’uomo
a non vivere più la sua nazione: presto
l’Italia sarà un paese di carta; l’Italia politica
non sarà più – deposta nella fossa comune,
senza neppure un’edicola o barlume di un sepolcreto
dignitoso. Siamo noi i testimoni di una verità eterna.
Ma castrandoci i sensi e la vita, nella parentesi di questo
purgatorio, siamo in attesa di salpare a piano:
all’epilogo forse mancano solo istanti.

 

*

 

(Il padreterno resta appeso alle funi del cielo)
L’esistenza è legata ad un momento,
non è come la vita che per pochi brani;
lampi nel buio che mettono giorno, trapela
prepotente come il volto di un ventenne
e ti seduce e tu resti esanime:
stento ad esistere ma mi arrendo vagabondando
di ciglio in ciglio sullo stradone dei ragazzi
la cui storia mi resta ignota.
È solo una manciata di tempo, arreso per un giorno
mi do a lui come l’erba al sole.
Il più delle volte mi sbottono in silenzio,
sento il peso del corpo impetuoso gemere
e tra gli alberi di un piazza m’attardo a guardare
tra l’erba l’acqua del seme perduto.
Cosa resta di questo? Solo poco, quasi niente:
un lampo di vita germogliato nel buio.

 

*

 

I fuochi dopo la festa

 

I fuochi dopo la festa si disperdono nell’aria
e sono fiori tra gli alberi; non mentono
alitando di luce dall’alto il basso piano.
Non sono più i medesimi di allora, quelli
feroci sul golfo di Gaeta: lo sai in quanti sono morti?
I tetti crollavano e attoniti ci rimanevano
come topi- gli sfollati di Cassino- ; per fame,
nella miseria divoravano lenzuola, si scompigliavano
i capelli per sottrarre a qualche filo
un pidocchio di troppo, mentre i fuochi
si diradavano nell’aria, ed erano fiori tra gli alberi.

 

***

Iuri Lombardi, Firenze 1979, poeta, scrittore, saggista, drammaturgo. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: i romanzi Briganti e Saltimbanchi (Siris, 1997), Contando i nostri passi (Romano, 2009), La sensualità dell’erba (Biondi, 2012); le raccolte di racconti Il grande bluff (Lettere Animate, 2013), La camicia di Sardanapalo (Talos, 2013), I racconti (Poeti Kanten, 2016). Per la saggistica: l’apostolo dell’eresia; per la saggistica: L’apostolo dell’eresia (Faligi, 2015). Per il teatro: La spogliazione, Soqquadro (Poeti Kanten, 2016). Vive a Firenze. Dopo essere stato editore, approda con altri compagni nella fondazione di Yawp, per cui dirige la sezione di critica letteraria. Collabora con siti e riviste letterarie, come Carmilla. L’ultima raccolta poetica che ha dato alle stampe è Il Sarto di San Valentino (Ensemble, 2018). Da poco ha deciso di sciogliere di nuovo il silenzio, con una serie di poesie uscita sul n. 93 della rivista Atelier.

***

 

Un commento su “Iuri Lombardi, inediti

  1. almerighi
    10/07/2019

    Poeta di notevole caratura, non lo conoscevo. In questi frammenti si sentono tutta la polvere, il sudore e la sofferenza, la verità, che hanno ispirato l’autore. da seguire.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/05/2019 da in inediti, poesia con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: