perìgeion

un atto di poesia

Raffaela Fazio, “A grandezza naturale”

fazio

di Giorgio Galli

Fra eternità e senso della morte si snoda il percorso di Raffaela Fazio in A grandezza naturale (Arcipelago Itaca, 2020, con prefazione di Daniele Barbieri), cammino dell’anima venato di misticismo e di eros. Un cammino in cui incontriamo l’immagine rilkiana dei “due mondi”:

*

Sei la spilla

che tiene la veste

mentre unisci due lembi, due mondi

e mi dai l’eleganza della piega che sale

*

Scevra dai toni profetici con cui veniva evocata in Rilke, l’immagine è calata nella quotidianità, in un anonimato virtuoso in cui a tenere insieme i due mondi sono i figli -destinatari di componimenti dotati di grazia speciale, custodi della continuità della vita, depositari d’amore. Una poesia intimista ma anche sapienziale, e non solo per la tendenza alla gnome e all’aforisma che si riscontra in chiusura di alcuni componimenti e che par essere cifra stilistica dell’autrice, ma soprattutto perché l’amore è strumento di conoscenza, chiave con cui schiudere l’essere. Ma anche così l’essere si schiude solo in parte, perché esso è sempre in relazione e nella relazione rimane un velo di mistero:

*

Vertigine, tranello

della mente:

ho creduto che il tuo occhio

potesse contenermi interamente.

Ma niente è mai possesso

comprensione, piuttosto

la caduta

di un angelo ribelle

che muove la pupilla.

E entrambi ci denuda.

L’intuito è questo schianto,

no,

è il vuoto che precede.

*

L’essere è bellezza, e radice della sua conoscenza è la parola: la parola sovrapersonale, che vive una vita al di là del soggetto che la usa. Perciò, né l’essere né il dire possono essere posseduti dal soggetto, la loro natura rimane da ultimo segreta:

*

Lenta ti alzi, assonnata bellezza

ma la tua voce è già alta

a picco sul nome.

*

Quasi inevitabile che, in un percorso così, l’essere divenga l’Essere, l’amore sfoci in Amore e il tu muti nel Tu. L’itinerario di Raffaela Fazio è agostiniano, ma il divino dei suoi versi è immanente e il rapporto con Lui conserva le stesse caratteristiche dell’amore laico:

*

Non serve che ti cerchi

oltre i varchi o in crociate.

Sei qua

dove il mistero sosta

conterraneo

*

Anche nel rapporto col divino, strumento di comunicazione e conoscenza reciproca è la parola:

*

E aspetterò che nella notte

la mia staffetta arrivi

per riportare a Te

almeno una parola

che arda e poi si spenga

nel braciere.

*

In certa poesia araba è difficile stabilire se il poeta si rivolga a Dio o alla persona amata. Qualcosa di simile avviene in Raffaela Fazio. C’è un eros segreto che non smette di sprigionarsi nella sezione finale: la parola indaga sia i segni dell’umano che quelli del divino attraverso la sensorialità, è una parola tersa ma non del tutto astratta, una parola-corpo oltre che una parola-dialogo. L’attenzione della poetessa resta ben piantata sulla terra. E’ significativo che una delle ultime poesie sia preceduta da questa citazione evangelica: “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10, 29) Raffaela Fazio cerca Dio nel prossimo, il divino nell’uomo, e la sua ricerca è premiata solo dalla possibilità di formulare infinitamente nuove domande.

Un commento su “Raffaela Fazio, “A grandezza naturale”

  1. Fabrizio Bregoli
    22/07/2020

    L’ha ripubblicato su La poesia di Fabrizio Bregolie ha commentato:
    Proponiamo in lettura questa recensione, a firma di Giorgio Galli, alla raccolta “A grandezza naturale” di Raffaela Fazio apparsa sul lit-blog Perigeion.
    Buona lettura!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/07/2020 da in poesia con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: