perìgeion

un atto di poesia

Il cormorano Bryan, di Chiara Albanese

 

 

di Anna Maria Farabbi

Accolgo con molto piacere la prima opera di Chiara Albanese.

Il primo passo di un autore o autrice è fondamentale, detta nella sua esposizione la sua radice, il nucleo della sua forza, il senso di responsabilità della pubblicazione. Qui, incontriamo una tensione lirica lavorata, porosa di sensorialità che punge e irrora, con improvvisi e insoliti affacci e legature. Chiara Albanese parte già da assenza di retorica. Mette a fuoco la sua inquietudine coniugandola con tenerezza ipersensibile, sempre disposta all’epifanica commozione. Si spinge verso una creazione liberata, autonoma da compiacenze o cedimenti autoreferenziali. Il verso schizza con velocità originale, cambiando direzione, rovesciandola. In questa velocità, tuttavia entra tutto il mondo, con nominazioni, scelte dominate. Dominate nel senso di una maturità e di un coraggio di gestione creativa.

In questa forma, Albanese rilavora i fili tutti, dall’autobiografico al tema della relazione. Lavora il mondo, i mondi e le creature, che le sono entrati in corpo e li vola nel canto.

Ho conosciuto personalmente Chiara a Perugia, durante un seminario organizzato dalla casa editrice Pièdimosca. Li chiamo non tanto seminari ma orti da viaggio, queste esperienze corali in cui lavoriamo insieme la parola, le sue sonorità, le sue polpe. Chiara per ben sei volte è venuta attorno all’ovale del tavolo, attraversando mezza Italia in un’andata e ritorno significativa e esemplare. Come potrei non tenere presente la sua presenza. Ripetizione voluta. L’intensità ostinata di esserci nel luogo e nel tempo della poesia, dentro la poesia. Significativa perché dichiara quanto e come la poesia è fondante e trascinante.

Mi scuso con lei nell’aver reso pubblico questo gesto ripetuto, e da me molto amato. Ma trovo che abbia un’esemplarità di resistenza, di esistenza raddoppiata, di direzione voluta verso il valore, l’aggiunta di valore.

Il cormorano Bryan conferma il mio apprezzamento. Il canto canta. Loredana Megazzeni annuncia l’opera. La vara da preziosa madrina.

Puntoacapo, Pasturana (AL), 2020

 

 

 

 

Oracoli del Sul

 

La croccantezza

è sempre la stessa:

un frusciare d’ali

il vento che fiata

e la voce gialla.

Roca di grotta e faglia.

*

 

Al di là

 

Al di là della strada, solo bianco.

Rispose all’eco un pensiero tenero di paura

alzando la testa si scorse solo il pallore

a ogni albero, a ogni sasso riportai il quesito

e di notte sopraggiunse

la neve

e l’orma attenta degli uccelli

mi diede la nuova intelligenza

mentre i lupi si ritiravano,

ogni cosa appesa ripensa al suo

intimo più essere,

sospesa e accesa

ti ricorda che sei ancora donna, che sei

ancora.

*

 

Piccola palla

 

Piccola palla

Sul mare sei tornata,

il filo ha trovato una posizione

e oggi gira intorno ai sassi.

Bianca schiuma che rilassa le membra

spalmate sull’arco

della casa costrutita. Costruisci.

Dona, plàsmati di chiarore

e stringi le colorate strisce

che ritroverai nella tua festa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/02/2021 da in esordi, poesia italiana con tag , , .
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: