perìgeion

un atto di poesia

L’arresto, di Gabriele Gabbia

di Marco Furia

 
 
 

Un non definitivo arresto?

“L’arresto”, seconda raccolta data alle stampe da Gabriele Gabbia, si presenta quale sequenza di accurate cadenze in cui riflessive immagini si susseguono secondo eleganti ritmi.

Leggo a pagina 20

“(…)

Poi v’è quel modo

di star dentro alle cose

–di starvi poggiato

fra valichi e case–;”.

Emerge qui, introdotta da tre punti chiusi tra parentesi, una quasi noncurante, sospesa, consapevolezza: stare davvero “dentro le cose” è impresa non sempre facile e, forse, oltre certi limiti, nemmeno possibile.

Non resta, allora, che descrivere

“l’immane

                  movimento della vita”.

Attento a evitare il rischio di chiudersi nella propria esclusiva intimità (i cui esiti espressivi potrebbero risultare alquanto incerti), Gabriele si apre al mondo del consueto, del quotidiano, attento a illuminanti tratti soltanto a prima vista banali:

“Lo stesso sole del cardigan di quel giorno

la stessa tenue, disparata apertura

la stessa distanza di ieri da te”.

Un’ “apertura”, pur “tenue”, assume non secondaria valenza: attraverso un piccolo squarcio si può già osservare il mondo.

C’è, poi, la “distanza”, ossia la presa d’atto di un dualismo soggetto-oggetto che, vissuto quale limite, il Nostro forse vorrebbe superare anche correndo il pericolo dell’insuccesso: tuttavia il tono della sequenza sembra tendere a una non del tutto rassegnata accettazione.

Cito, a questo punto, dal singolo componimento il cui titolo è identico a quello dell’intera silloge, i seguenti versi:

“e nessuna parola più

da pronunziare; solo

un rintocco languido

lento, fino all’arresto […]”.

Ebbene quella “parola”, che, ridotta a “rintocco languido”, non è più capace di proseguire, mi pare potrebbe esprimere una (pur drammatica) difficoltà ma non una definitiva sconfitta: altri linguaggi emergeranno, altri modi di vedere il mondo l’umanità sarà in grado di porre in essere?

Esistono possibili aperture verso territori fisici e idiomatici in cui, senza perdere noi stessi, potremo continuare a vivere?

È questo l’interrogativo che Gabriele con i suoi intensi versi pone: evita di rispondere in maniera esplicita, ma il suo insistere scrivendo suggerisce un senso di non diffidente tensione partecipativa.

L’ “arresto” è singolo evento che non esaurisce l’umano divenire?

Impegnarsi al meglio nello stare “dentro le cose” può essere una possibile via d’uscita?

                                                                                                         Marco Furia

 
 

 
 

Gabriele Gabbia, “L’arresto”, casa editrice “L’arcolaio”, Forlimpopoli, 2020, pp. 52, euro 10,00.

foto di Alessandro Ligato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/10/2022 da in poesia italiana, recensioni con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: