perìgeion

un atto di poesia

Patrizia Sardisco, poesie da “Autism spectrum”

a cura di Giorgio Galli Nelle prime pagine di Autism spectrum (Arcipelago Itaca, 2019, con postfazione di Anna Maria Curci) troviamo qualcosa di così dolorosamente limpido, così rispettoso nell’addentrarsi nella … Continua a leggere

21/11/2019 · 11 commenti

Miklós Radnóti, poesie giovanili

a cura di Giorgio Galli Miklós Radnóti nacque a Budapest il 5 maggio 1909 e morì fucilato ad Abda il 10 novembre 1944. Studiò filosofia all’università di Szeged, ma è … Continua a leggere

20/10/2019 · 1 Commento

Nika Turbina, “Sono pesi queste mie poesie”

a cura di Giorgio Galli Forse il caso più sconcertante di enfant prodige. Così integralista da rifiutare di vivere l’età adulta. “Tutto quello che dovevo, l’ho detto da bambina nelle … Continua a leggere

20/09/2019 · 4 commenti

Doris Emilia Bragagnini, “Claustrofonia”

di Giorgio Galli Più depositato e meno drammatico del precedente Oltreverso, Claustrofonia affonda nel rapporto tra memoria e dolore, tra memoria e oblio, tra lutto e lutto mal elaborato: * … Continua a leggere

20/07/2019 · 7 commenti

Sonia Caporossi: una battaglia d’amore nel sonno

di Giorgio Galli Non è facile dare coerenza a un mondo onirico: se allineo i miei sogni, anche annotati per anni, difficilmente ne cavo fuori la trama di un romanzo. … Continua a leggere

20/06/2019 · Lascia un commento

Maria Borio, cinque poesie da “Trasparenza”

a cura di Giorgio Galli Con Trasparenza, che si può considerare la sua raccolta d’esordio, Maria Borio risponde a un’urgenza poetica che assegna alla forma il ruolo fondamentale di contornare … Continua a leggere

20/05/2019 · 1 Commento

Wojcieh Bonowicz, sei poesie da “Mare aperto”

Wojcieh Bonowicz è nato nel 1967 a Oswiecim, conosciuta da noi col nome tedesco di Auschwitz. Ma la sua non è poesia della memoria storica. E’ poesia che parla di … Continua a leggere

20/04/2019 · Lascia un commento