perìgeion

un atto di poesia

Maurizio Casagrande / Coa piova e col soe: inframexo Uganeghi e Corno (Col sole e con la pioggia: fra Euganei e Corno d’Africa), inediti

 

  1280px-Asmara_Panorama

 

 

 

Eros

 

Pì no me intrigo coe femene

no vago coi omani

no stago gnà in serca del mexo

mi mi soeo no me cato

né mejo né peso

 

go tuto el tenpo ca vujo

in conpagnia soeo

dea pì onta poesia

 

ntee so rime me perdo

a tute ‘e ore

ghe fago l’amore

 

Eros

Non mi affanno più con le donne / non prediligo i maschi / e nemmeno ermafroditi o viados / da solo non mi trovo / né meglio né peggio // dispongo di tutto il tempo che voglio / congiunto soltanto / alla più sudicia poesia // mi perdo nelle sue rime / in ogni momento / ci faccio l’amore

 

***

 

Xente sol Corno

 

Poco-gnente i ga coà

senpre ciari de acoa cofà ‘e libartà

ma gnanca ghe fanta ‘a xogia dea vita

anca co poco ‘na mexa bireta

‘na bicecreta scassà du dei de ‘legrìa

‘na puteèta da perdarse ‘ia

e pena ca i poe

                  i tira su sagra

ca sta vita par tuti

                   xe agra

 

Gente di Asmara

Poco-niente possiedono / perennemente a corto d’acqua come di libertà / ma non difettano di gioia di vivere / nonostante l’indigenza una birra / una bici malmessa un pizzico d’allegria / una bella fanciulla per consolarsi / e alla prima occasione / fanno baldoria / perché la vita / è avara ovunque

 

***

 

A Sebastião Salgado

 

Gnente no te ghe mai conossesto

sa gnancora te ghevi ‘edesto tuto

el mae ca ghe xe so sta tera

daea fame aea sen fin aea guera


 

gnente ghe xe mai voesto a derfare

scanare somenare xixania

xe fassie e te fè anca presto


 

ma piantare ‘na intiera foresta

inove ca tuto xe seco incandìo

ghe voe tanti ani e ‘na man del bon dio


 

dimanda a Bastiàn

ca ‘a ga piantà coe so man


 

A Sebastiano Salgado

Non hai visto nulla / se ancora ignori quel / groviglio di male radicato su questa terra / dalla carestia alla siccità sino alla guerra // Non c’è mai voluto niente a distruggere / a massacrare o a seminare discordia / è semplice e si fa anche presto // ma per far attecchire un’intera foresta / nel luogo più arido e desolato / ci vogliono anni e l’aiuto di dio // chiedilo a Sebastiano / che l’ha fatto con le proprie mani
 
Fotografo brasiliano al quale ha reso omaggio il regista Wim Wenders nel film/documento Il sale della terra.

 

***

 

Robe ultime

 

Nte on supio de ‘ose

soa croxe de on leto in ospeae

vincà dal mae te me disi

perdòneme

coando ca vense tocaria mi

inxenociame vanti de ti

fame ‘na s-cjanta pì ceo

far tasire el sarvèo

pa’ basarte anca i piè

 

te cato so on mucio

tornando daea Smara

pì bon de ciapare coe man

el to piròn

pì fiaco e pì straco ca mai

sensa i to denti e sensa anca uciai

‘na siera da triboeasiòn

ntea setimana dii santi

coea dea to santa pasiòn

 

e sto core se strenxe

co te ‘edo colgà

co te seri chii oci e sensa

voeontà se move ‘e to man

 

coesto xe ‘l pan ca ghemo tociare

danovo nte on vin aseà

caro popà

 

Già e non ancora Con un fiato di voce / crocifisso in una corsia d’ospedale / piagato dal dolore mi sussurri / perdonami / quando invece sono io che dovrei / genuflettermi al tuo cospetto / facendo esercizio di umiltà / imponendomi la disciplina del silenzio / e baciandoti i piedi // ti trovo allo stremo / di ritorno da Asmara / incapace di stringere fra le mani / la tua forchetta / più debole e provato che mai / senza dentiera e pure senza occhiali / la cera del sofferente / nella settimana santa / quella della tua sacra passione // e il cuore mi si stringe / nel vederti così disteso / mentre chiudi gli occhi e senza / volerlo muovi le mani // ecco il pane con cui di nuovo / dobbiamo comunicarci / mio adorato papà

 

***

 

Gran caro de l’Orsa

ca go insima dea testa

nte sta note ciara dea Smara

 

da inove inscominsia ‘a to corsa

e inove ca ‘a gapia mai fine?

Tel gnente

de tute ‘e robe ‘smarine?

 

Dame pena ca ‘a forsa

de tirare vanti

sensa tanti rinpianti

sensa àgreme ca no sipia

par coeo ca go perso

ca me dasso drio ‘a schina

sol far dea matina

e inamente ‘na picenina

ca jera sta dona

e on poro vecio

picà tea so croxe

sensa gnanca pì ‘oxe

 

Grande costellazione dell’Orsa / che mi sovrasti / in questa notte luminosa di Asmara // dove ha avuto inizio la tua corsa / e dove avrà fine? / Nel niente / di tutte le cose asmarine? // Donami soltanto la forza / di resistere / senza cullare rimpianti / senza lacrime che non nascano / da quanto ho già perso / che mi lascio alle spalle / sul far del mattino / al pensiero di una bambina / che era nata donna / e di un anziano / appeso alla sua croce / senza più un fiato di voce

 

***

 

Al Rio de Faeo pa’ xente col peo

 

Amissi

ca ve ghevo moeài ma sensa

dassave daero mai

amissi ca me si stai tanto rente

co no ghe jera pì gnente a tignerme

in boea

amissi ca no sì curti de ocio

cofà el senpioldo ‘e Pinocio

ghi sajà anca vualtri chii momenti

ca nissuni ga caro edare xente

massime col moinaro de Dite

maxena dì e anca note chel gran

ca te si deventà sensa pì voeontà

 

amissi

chel merlo ca jera passùo ‘esso

el xe mexo nuo e romai sbarossà

dae tante cal ghi ne gà xa passà

e desso al xe coà co vualtri vanti

catarse da novo tel caliero african

cal pare on xugheto vense xe on pan

coa scorsa bea dura ca ingossa

cossa ca no vuria verve rente

desso e anca senpre pa ‘ia cari amissi

ca ‘opo san Godi vien san Paissi

e poesia ghi né poca ogni ‘olta

ca toca ‘a to croxe spinà soto

‘e palme de pascoa

 

Al Rio di Faedo per gente con gli attributi Amici / che vi avevo salutato senza / avervi mai lasciato / amici che mi siete stati accanto / quando più niente mi teneva / a galla / amici che non siete miopi / quanto lo sciocco di Pinocchio / anche voi conoscete quei momenti / in cui non si ha voglia di vedere nessuno / specialmente quando il mulino di Dite / macina giorno e notte quel granulo / incapace di resistenza che sei diventato // amici / quel merlo ben pasciuto ora / è malconcio e mezzo nudo / per quello che ha passato / e se ne sta qui con voi prima / di ripiombare nel calderone africano / che sembra un gioco mentre è un pane / nero dalla crosta che ti soffoca / cosa non pagherei per avervi vicino / ora e sempre perché amici cari / dopo san Godi viene san Patisci / e poesia ce n’è poca ogni volta che arriva la tua croce di spine / nel tempo di Pasqua

 

***

 

Nissuni fa sconti

tei monti ‘e pietà

gnà ‘e camise dee Muse

xe tratà co riguardo

 

no conta el saore ca ‘a ga

tea paghi so l’ongia ‘a poesia

drioman ca tea scrivi

ogni dì ca tea vivi

 

Non si fanno sconti ad alcuno / al banco dei pegni / nemmeno per gli eletti dalle Muse / c’è un occhio di riguardo // non importa quale timbro abbia / la paghi per intero la poesia / nell’atto di scriverla / tutti i giorni che la vivi

 

***

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/07/2019 da in inediti, poesia dialettale con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: