perìgeion

un atto di poesia

Luis Alberto de Cuenca, poesie


 

traduzioni di Marcela Filippi

 

COLLIGE, VIRGO, ROSAS

 

Niña, arranca las rosas, no esperes a mañana.

Córtalas a destajo, desaforadamente,

sin pararte a pensar si son malas o buenas.

Que no quede ni una. Púlete los rosales

que encuentres a tu paso y deja las espinas

para tus compañeras de colegio. Disfruta

de la luz y del oro mientras puedas y rinde

tu belleza a ese dios rechoncho y melancólico

que va por los jardines instilando veneno.

Goza labios y lengua, machácate de gusto

con quien se deje y no permitas que el otoño

te pille con la piel reseca y sin un hombre

(por lo menos) comiéndote las hechuras del alma.

Y que la negra muerte te quite lo bailado.

 

COLLIGE, VIRGO, ROSAS

Fanciulla, strappa le rose, non aspettare domani.

Tagliale a brandelli, forsennatamente,

senza fermarti a pensare se sono buone o guaste.

Che non ne resti nemmeno una. Distruggi i rosai 

che troverai sul tuo cammino e lascia le spine

per i tuoi compagni di scuola. Godi

della luce dell’oro finché puoi e rendi

la tua bellezza a quel dio paffuto e malinconico

che va per i giardini instillando veleno.

Godi di labbra e lingua, frantumati di piacere

con chi lo concede e non permettere che l’autunno

ti colga con la pelle inaridita e senza un uomo

(almeno) divorandoti i lineamenti dell’anima.

E che la nera morte ti sottragga di quanto ti ha deliziato.

 

 

 

 

POLITICAL INCORRECTNESS

 

para Alicia

Sé buena, dime cosas incorrectas

desde el punto de vista político. Un ejemplo:

que eres rubia. Otro ejemplo: que Occidente

no te parece un monstruo de barbarie

dedicado a la sórdida tarea

de cargarse el planeta. Otro: que el multi-

culturalismo es un nuevo fascismo,

solo que más hortera, o que disfrutas

pegando a un pedagogo o a un psicólogo,

o que el Mediterráneo te horroriza.

Dime cosas que lleven a la hoguera

directamente, dime atrocidades

que cuestionen verdades absolutas

como: «No creo en la igualdad». O dime

cosas terribles como que me quieres

a pesar de que no soy de tu sexo,

que me quieres del todo, con locura,

para siempre, como querían antes

las hembras de la Tierra.

 

POLITICAL INCORRECTNESS

Sii buona, dimmi cose scorrette

dal punto di vista politico. Un esempio:

che sei bionda. Un altro esempio: che l’Occidente

non ti sembra un mostro di barbarie

dedito al sordido compito

di distruggere il pianeta. Un altro: che il multi-

culturalismo è un nuovo fascismo,

soltanto più grossolano, o che ti diverti

nel picchiare un pedagogo o uno psicologo,

o che il Mediterraneo ti fa orrore.

Dimmi cose che portino direttamente

alle fiamme, dimmi atrocità

che contestino verità assolute

come: “Non credo nell’uguaglianza”. O dimmi

cose terribili come che mi ami

anche se non sono del tuo sesso,

che mi ami completamente, alla follia,

per sempre, come amavano prima

le femmine della Terra.

 

 

 

VARIACIÓN SOBRE UN TEMA DE MIMNERMO

Fuera de los regalos que dispensa Afrodita,

lejos de los placeres de la carne, ¿qué queda

que pueda resultar medianamente grato,

cuando lo principal nos dejó para siempre?

No es solo fealdad lo que trae la vejez,

sino también ruindad. De viejos, contemplamos

el mundo con rencor. Nos parece imposible

que haya acabado todo tan pronto, y se nos frunce

el ceño, y comenzamos a detestar palabras

como ‘joven’, ‘frescor’, ‘lozanía’, ‘verano’,

y nos hacemos turbios, con posos permanentes

en el alma, envidiosos de cuanto nos rodea.

Esos cuerpos triunfantes, esas miradas limpias

e ingenuas, esos pechos erguidos, esos muslos

compactos continúan tentando nuestra carne

fofa, inútil, añosa. Siguen soliviantándonos

como antes. Pero antes no éramos invisibles

para ellos, y ahora somos apenas sombras

que salen a su paso, regiones devastadas

por la edad, repulsivas reliquias de otro tiempo.

 

VARIAZIONE SU UN TEMA DI MIMNERMO

Oltre ai doni che dispensa Afrodite,

lontano dai piaceri della carne, cosa resta

che possa risultare moderatamente piacevole,

quando la cosa principale ci ha lasciato per sempre?

Non è solo bruttezza ciò che porta la vecchiaia,

ma anche meschinità. Da vecchi, contempliamo

il mondo con rancore. Ci sembra impossibile

che tutto sia finito così presto, e aggrottiamo

le sopracciglia, e cominciato a detestare parole

come “giovane”, “freschezza”, “floridezza”, “estate”,

e diventiamo torbidi, con accumuli permanenti

nell’anima, invidiosi di quanto ci circonda.

Quei corpi trionfanti, quegli sguardi puliti

e ingenui, quei seni eretti, quelle cosce

compatte continuano a tentare la nostra carne

flaccida, inutile, annosa. Continuano ad istigarci

come prima. Ma prima non eravamo invisibili

per essi, e ora siamo a malapena ombre

che escono sulla loro scia, regioni devastate

dall’età, ripugnanti reliquie d’altri tempi.

 

 

 

ABRE TODAS LAS PUERTAS

Abre todas las puertas: la que conduce al oro,

la que lleva al poder, la que esconde el misterio

del amor, la que oculta el secreto insondable

de la felicidad, la que te da la vida

para siempre en el gozo de una visión sublime.

Abre todas las puertas sin mostrarte curioso

ni prestar importancia a las manchas de sangre

que salpican los muros de las habitaciones

prohibidas, ni a las joyas que revisten los techos,

ni a los labios que buscan los tuyos en la sombra,

ni a la palabra santa que acecha en los umbrales.

Desesperadamente, civilizadamente,

conteniendo la risa, secándote las lágrimas,

en el borde del mundo, al final del camino,

oyendo cómo silban las balas enemigas

alrededor y cómo cantan los ruiseñores,

no lo dudes, hermano: abre todas las puertas.

Aunque nada haya dentro.

 

APRI TUTTE LE PORTE

Apri tutte le porte: quella che conduce all’oro,

quella che porta al potere, quella che nasconde il mistero

dell’amore, quella che occulta il segreto insondabile

della felicità, quella che ti dà la vita

per sempre nella gioia di una visione sublime.

Apri tutte le porte senza mostrarti curioso

senza prestare importanza alle macchie di sangue

che schizzano i muri delle stanze

proibite, nemmeno ai gioielli che rivestono i tetti,

né alle labbra che cercano le tue nell’ombra,

né alla parola santa che scruta nelle soglie.

Disperatamente, civilmente,

trattenendo il riso, asciugandoti le lacrime,

sul bordo del mondo, alla fine della strada,

sentendo come sibilano le pallottole nemiche

intorno e come cantano gli usignoli,

non dubitare, fratello: apri tutte le porte.

Anche se non ci sia niente dentro.

 

 

 

 

LA MALCASADA

 

                                                                                                                                    a Jon Juaristi

 

Me dices que Juan Luis no te comprende,

que sólo piensa en sus computadoras

y que no te hace caso por las noches.

Me dices que tus hijos no te sirven,

que sólo dan problemas, que se aburren

de todo y que estás harta de aguantarlos.

Me dices que tus padres están viejos,

que se han vuelto tacaños y egoístas

y ya no eres su reina como antes.

Me dices que has cumprido los cuarenta

y que no es fácil empezar de nuevo,

que los únicos hombres con que tratas

son colegas de Juan en IBM

y no te gustan los ejecutivos.

Y yo, ¿qué es lo que pinto en esta historia?

¿Qué quieres que haga yo? ¿Que mate a alguien?

¿Que dé un golpe de estado libertario?

Te quise como un loco. No lo niego.

Pero eso fue hace mucho, cuando el mundo

era una reluciente madrugada

que no quisiste compartir conmigo.

La nostalgia es un burdo pasatiempo.

Vuelve a ser la que fuiste. Ve a un gimnasio,

píntate más, alisa tus arrugas

y ponte ropa sexy, no seas tonta,

que a lo mejor Juan Luis vuelve a mimarte,

y tus hijos se van a un campamento,

y tus padres se mueren.

 

LA MALMARITATA

Mi dici che Juan Luis non ti comprende,

che pensa solo ai suoi computer

e che non ti presta attenzione nelle notti.

Mi dici che i tuoi figli non ti servono,

che danno solo problemi, che si annoiano

di tutto e che sei stanca di sopportarli.

Mi dici che i tuoi genitori sono vecchi,

che sono diventati taccagni ed egoisti

e tu non sei più la loro regina come prima.

Mi dici che hai compiuto i quaranta

e che non è facile ricominciare,

che gli unici uomini con cui hai a che fare

sono i colleghi di Juan all’IBM

e non ti piacciono i dirigenti.

E io, cos’è che dipingo in questa storia?

Cosa vuoi che io faccia? Che uccida qualcuno?

Che faccia un colpo di stato libertario?

Ti ho amato come un pazzo. Non lo nego.

Ma è stato molto tempo fa, quando il mondo

era una luminosa alba

che non hai voluto condividere con me.

La nostalgia è uno spregevole passatempo.

Torna ad essere quella che eri. Vai in palestra

truccati di più, stira le rughe

e mettiti vestiti sexy, non essere sciocca,

che forse Juan Luis torna a vezzeggiarti,

e i tuoi figli vadano in campeggio,

e i tuoi genitori muoiano. 

 

 

 

PRONTO OLVIDARÁS TODO

Pronto olvidarás todo.

Pronto te olvidarán.

Nuestra materia prima es el olvido.

Dónde está aquel pasaje del Nibelungenlied,

dónde aquella mirada de fuego inextinguible,

dónde aquella visión de tu desnudo

entre las sombras de la biblioteca,

dónde aquellas palabras que resonaron, crueles,

durante tantos años,

en mi alma.

Dónde están.

Qué se hicieron.

El bien y el mal, lo hermoso y lo terrible

de tu ínfima existencia pasaron, de la misma

manera que pasaron los imperios, las rosas,

los tebeos del sábado,

las lágrimas de miedo y de impotencia

que traía la noche con su muerte diaria.

 

Tu memoria está a punto de irse para siempre

y de dejarte solo, sin recuerdos.

 

Pronto olvidarás todo.

Pronto te olvidarán.

 

PRESTO DIMENTICHERAI TUTTO

Presto dimenticherai tutto.

Presto ti dimenticheranno.

La nostra materia prima è l’oblio.

Dov’è quel passaggio del Nibelungenlied,

dove quello sguardo di fuoco inestinguibile,

dove quella visione del tuo nudo

tra le ombre della biblioteca,

dove quelle parole che risuonarono, crudeli,

per tanti anni,

nella mia anima?

Dove sono?

Dove sono finite?

Il bene il male, il bello e quanto terribile

della tua infima esistenza è passato, nella stessa

maniera in cui son passati gli imperi e le rose,

i fumetti del sabato,

le lacrime di paura e d’impotenza

che la notte con la sua morte quotidiana portava.

 

La tua memoria è sul punto di andarsene per sempre

e di lasciarti da solo, senza ricordi.

 

Presto dimenticherai tutto.

Presto ti dimenticheranno.

 

 

 

VERANO ETERNO

Hay quien nos dice: «Amigos, esta historia

ya no va a durar mucho. El invierno se acerca».

Y le decimos: «Somos caballeros

del verano. El invierno no llegará a alcanzarnos.

Mientras el cuerpo aguante,

cantaremos canciones para olvidar el frío.

En las canciones es verano siempre».

 

ESTATE ETERNA

C’è chi ci dice: «Amici, questa storia

non durerà molto. L’inverno si avvicina».

E gli diciamo: «Siamo signori

dell’estate. L’inverno non giungerà da noi.

Finché il corpo resista,

canteremo canzoni per dimenticare il freddo.

Nelle canzoni è sempre estate».

 

 

 

MEMORIA DE TUS OJOS AL DESPERTAR

Quítame la guirnalda de tu risa

de encima de la tumba, róbame

el póstumo recuerdo de tus besos,

entrégame a la noche del olvido

total, que es finalmente lo que toca

en esta coyuntura de la muerte,

pero hay algo que nunca lograréis

ni tú ni la tiniebla que me cubre,

y es que me muera sin hacer memoria,

aunque sea un segundo, de la cara

que me ponías al abrir los ojos

cada mañana, de esa cara llena

de vida, de esos ojos iniciándose

en la fiesta del mundo, en la alegría

de existir, y que ahora, al otro lado

del espejo, de alguna forma mágica,

guían mis pasos en la oscuridad.

 

MEMORIA DEI TUOI OCCHI AL RISVEGLIO

Toglimi la ghirlanda della tua risata

da sopra la tomba, rubami

il postumo ricordo dei tuoi baci,

consegnami alla notte dell’oblio

totale, che è finalmente quel che tocca

in questa congiuntura della morte,

ma c’è qualcosa che mai otterrete 

né tu né la tenebra che mi copre,

ed è che io muoia senza ricordare,

anche fosse per un secondo, il viso

che mi porgevi nell’aprire gli occhi

ogni mattina, quel viso pieno

di vita, quegli occhi iniziandosi

nella festa del mondo, nella gioia

di esistere, e che ora, dall’altra parte

dello specchio, in qualche magica forma,

guidano i miei passi nell’oscurità.

 

 

 

JULIA

Mientras haya ciudades, iglesias y mercados,

y traidores, y leyes injustas, y banderas;

mientras los ríos sigan vertiendo su basura

en el mar y los vientos soplen en las montañas;

mientras caiga la nieve y los pájaros vuelen,

y el Sol salga y se ponga, y los hombres se maten;

mientras alguien regrese, derrotado, a su cuarto

y dibuje en el aire la V de la victoria;

mientras vivan el odio, la amistad y el asombro,

y se rompa la tierra para que crezca el trigo;

mientras tú y yo busquemos el medio de encontrarnos

y nuestro encuentro sea poco más que silencio,

yo te estaré queriendo, vida mía, en la sombra,

mientras mi pecho aliente, mientras mi voz alcance

la estela de tu fuga, mientras la despedida

de este amor se prolongue por las calles del tiempo.

 

JULIA

Finché ci saranno città, chiese e mercati,

e traditori, e leggi ingiuste e bandiere;

finché i fiumi continueranno a gettare la loro sporcizia

nel mare e i venti soffieranno sulle montagne;

finché cadrà la neve e voleranno gli uccelli,

e il sole sorgerà e tramonterà, e gli uomini si uccideranno; 

finché qualcuno tornerà, distrutto, nella sua stanza

e disegnerà nell’aria la V della vittoria;

finché vivranno l’odio, l’amicizia e lo stupore,

e si romperà la terra per far crescere il grano;

finché tu ed io cercheremo il modo d’incontrarci

e il nostro incontro sarà poco più che il silenzio,

io ti starò amando, vita mia, nell’ombra,

finché il mio petto respirerà, finché la mia voce raggiungerà

la scia della tua fuga, finché il congedo

di questo amore si prolungherà lungo le strade del tempo.

 

 

 

AMOUR FOU

Los reyes se enamoran de sus hijas más jóvenes.

Lo deciden un día, mientras los cortesanos

discuten sobre el rito de alguna ceremonia

que se olvidó y que debe regresar del olvido.

Los reyes se enamoran de sus hijas, las aman

con látigos de hielo, posesivos, feroces,

obscenos y terribles, agonizantes, locos.

Para que nadie pueda desposarlas, plantean

enigmas insolubles a cuantos pretendientes

aspiran a la mano de las princesas. Nunca

se vieron tantos príncipes degollados en vano.

 

Los reyes se aniquilan con sus hijas más jóvenes, 

se rompen, se destrozan cada noche en la cama. 

De día, ellas se alejan en las naves del sueño 

y ellos dictan las leyes, solemnes y sombríos.

 

AMOUR FOU

I re s’innamorano delle loro figlie più giovani.

Lo decidono un giorno, mentre i cortigiani

discutono sul rito di qualche cerimonia

dimenticata e che deve tornare dall’oblio.

I re si innamorano delle loro figlie, le amano

con fruste di ghiaccio, possessivi, feroci,

osceni e terribili, agonizzanti, folli.

Affinché nessuno possa sposarle, pongono

enigmi insolubili a quanti pretendenti

aspirino alla mano di principesse. Mai

si sono visti tanti principi sgozzati invano.

 

I re si annichiliscono con le loro figlie più giovani,

si sconquassano, si dilaniano ogni notte nel letto.

Di giorno, esse si allontanano sulle navi del sogno

ed essi dettano le leggi, solenni e adombrati.

 

Luis Alberto de Cuenca (Madrid, 29 dicembre 1950) è un ellenista spagnolo, filologo, poeta, traduttore, saggista, editorialista, critico ed editore letterario. È membro a pieno titolo dell’Accademia Reale di Storia, membro dell’Accademia di Belle Lettere di Granada, membro del Consiglio Reale di Fondazione del Museo del Prado e membro della giuria per il Premio Principessa delle Asturie per la Letteratura.

Santos Domínguez Ramos, prestigioso critico letterario spagnolo, definisce la poesia di Cuenca come:

“Una voce lirica plurale che coniuga tradizione e modernità non solo nel campo espressivo, ma anche nel repertorio tematico, aprendo canali di comunicazione tra cultura classica e di massa, tra il mondo greco-latino e universo pop, tra l’epopea medioevale e il comico, tra cinema e letteratura.

Una delle chiavi fondamentali dell’opera di Luis Alberto de Cuenca è la capacità di assumere nel suo sguardo un mondo bifronte e di trasmetterlo nella sua poesia in un ammirevole esercizio di integrazione.

È una poetica che completa, che armonizza gli opposti e fonde cultura e vita, distanza ironica e passione sentimentale, comunicazione e conoscenza, linguaggio letterario e linguaggio quotidiano, malessere e celebrazione. Tali elementi eterogenei contribuiscono a generare una poesia figurativa che ha i suoi riferimenti tematici in materie come l’amore, la memoria o l’amicizia, la sua cornice spaziale negli ambienti urbani e i suoi modelli formali nella narratività, nell’iperrealismo e nella linea chiara.

Ogni poesia ha una vocazione narrativa che potrebbe essere il seme di una storia in cui realtà e desiderio, memoria e presente, linguaggio colloquiale e allusioni colte, vita e arte, esperienza e letteratura danno le chiavi di lettura a una poetica della fusione che rende compatibili, nella voce del poeta, la disinvoltura mondana e la classicità.”

5 commenti su “Luis Alberto de Cuenca, poesie

  1. Roberto R. Corsi
    05/09/2021

    forse il poeta vivente che amo di più in assoluto.

    Piace a 3 people

  2. ninoiacovella
    05/09/2021

    Con questo autore straordinario inauguriamo una stagione di poeti spagnoli e sudamericani curati dalla traduttrice Marcela Filippi. Da parte della redazione (e dei lettori) il nostro più caloroso benvenuto.
    Nino

    Piace a 2 people

  3. Alessandro Ghignoli
    11/09/2021

    bellissima proposta; poeta cólto e poco valutato in ambito italiano, come molta poesia in lingua spagnola.

    un abbraccio

    Piace a 2 people

    • ninoiacovella
      11/09/2021

      Vero Alessandro. Grazie per questo tuo commento che condivido. Aggiungo che sia il nostro “ambito italiano” a essere troppo provinciale per valutare bene certa poesia d’oltralpe. La provincia l’abbiamo inventata e continuiamo a viverla in tutte le sue declinazioni. De Cuenta è poeta raffinatissimo e capace di scrivere testi universali. È un grande autore.
      Nino

      Piace a 1 persona

  4. vengodalmare
    15/09/2021

    .. come se Lorca stesse descrivendo il mondo oggi, dico Lorca ma anche Borges o quella di antichi maestri greci, e poi pittori e musicisti di ogni tempo.. Ogni pagina è stata un aprire la porta su un mondo da sempre conosciuto ma mai veramente raggiunto, un mondo che continuamente ci meraviglia e ci sorride un po’, la vita.
    Sì, la sua poesia ha una splendida voce universale che stupisce e rapisce.
    Grata per la conoscenza e complimenti a chi ha permesso questa magia, Marcela Filippi.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/09/2021 da in poesia spagnola, Senza categoria, traduzioni con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: